Archivio Giurisprudenza per:
Tag: Diritto processuale penale


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.4^, 28 aprile 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Maltrattamento animali, Risarcimento del danno

DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Lesioni provocate dal morso di un cane – Mancata presentazione della querela – Denuncia presentata – Esclusione di formule sacramentali per la sua validità – Differenza tra denuncia e querela – Volontà di punizione da parte della persona offesa – ANIMALI – RISARCIMENTO DEL DANNO – Padrone del cane – Soggetto responsabile – Risarcimento del danno.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.4^, 20 aprile 2022, Sentenza n.15181

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Appalti, Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia, Pubblica amministrazione, Sicurezza sul lavoro

APPALTI – Disastro colposo – Frana – Cooperazione nel disastro colposo commesso nel corso della realizzazione di lavori edili – Responsabilità dell’appaltatore – SICUREZZA SUL LAVORO – Realizzazione di lavori edili – Infortuni sul lavoro – Sicurezza sul lavoro – Responsabilità del committente, del datore di lavoro e del direttore dei lavori – Individuazione – Rilevanza della condotta – Eziologia dell’evento – Obbligo di verificare l’idoneità tecnico-professionale dell’impresa e dei lavoratori autonomi prescelti – Antinfortunistica e specifica competenza – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Opere che interessano la pubblica incolumità – Sicurezza – Necessità del collaudo statico per tutte le costruzioni – Procedura – Art. 67, D.P.R. n. 380/2001 – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Delitti contro l’incolumità pubblica – Causazione colposa degli eventi disastrosi – Reato colposo di frana – Art. 449 cod.pen. – Nozione di disastro – Principio di concreta offensività – Disastro innominato – Art. 434 c.p. – Momento di consumazione del reato – Verifica giudiziale della sussistenza dell’evento “frana” – Effettivo pericolo un numero indeterminato di persone – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Principio di correlazione fra accusa e decisione – Violazione – Art. 521 cod. proc. pen. – Principio di affidamento nel comportamento altrui – Operatività – Limiti. (massime a cura di Francesco Camplani)


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 20 aprile 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Natura precaria di un’opera edilizia – Caratteristiche dell’opera precaria – Oggettiva temporaneità e contingenza – Incorporamento al suolo o materiali utilizzati – Ininfluenza – Interventi di “nuova costruzione” – Titolo abilitativo e regime di attività edilizia libera – Criteri per l’individuabilità – Artt. 3, 6, 10, 23, 44, 64-72, 93-95 d.P.R. 380/2001 – Nozione di pergolato – Interventi edilizi liberamente eseguibili senza permesso di costruire – D. L.vo n. 222/2016 – Plurime violazioni urbanistiche, sismiche e in materia paesaggistica – Causa di non punibilità – Applicabilità dell’art. 131-bis cod. pen. – Limiti – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Applicabilità della causa di non punibilità – Rilevata d’ufficio dal giudice – Obbligo di immediata declaratoria in ogni stato e grado del processo – Specifica richiesta da parte del difensore – Esclusione della valutazione del fatto in termini di particolare tenuità – Concreta offensività – Effetti – Artt.129 cod. proc. pen. e 131-bis cod. pen.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 19 aprile 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Rifiuti

RIFIUTI – Attività di gestione di rifiuti – Trasporto illecito dei rifiuti – Sequestro e confisca del mezzo – Iscrizione all’Albo Gestori per l’attività di intermediazione e commercio di rifiuti pericolosi e non con esclusione della detenzione e gestione – Fattispecie – Artt. 256, 259, D.Lgs. n. 152/2006 – Art. 648 cod. pen. – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ordinanze di sequestro preventivo o probatorio – Ricorso per cassazione – Violazione di legge – Ipotesi di motivazione apparente – Limiti.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.1^, 14 aprile 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Inquinamento acustico, Pubblica amministrazione

INQUINAMENTO ACUSTICO – Disturbo del riposo e delle occupazioni delle persone – Intrattenimento musicale in spiaggia – Configurabilità dell’art. 659 cod. pen. per disturbo in luogo esterno – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Tutela della incolumità pubblica – Organizzazione anche occasionale di pubblico spettacolo, trattenimento o ritrovo – Assenza dell’autorizzazione di pubblica sicurezza – art. 681 cod. pen. – Art. 80 TULPS – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto – Elementi di valutazione – Diffusività della condotta illecita – Art. 131-bis cod. pen.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 13 aprile 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Rifiuti

RIFIUTI – Attività organizzata per il traffico di rifiuti – Gestione dei rifiuti – Cessazione della qualifica di rifiuto – Materiale qualificabile quale sottoprodotto – Dichiarazioni di conformità dei rifiuti in end of waste – Carico dell’onere probatorio – Fattispecie – D. Lgs n. 4/2008 – Artt. 260 e 258 c.4 d.lvo n. 152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Delitto di trasferimento fraudolento di valori – Natura di reato a forma libera, istantaneo con effetti permanenti – Momento consumativo del reato – Natura plurisoggettiva impropria – Scopo elusivo e dolo specifico – Artt. 648, 648-bis e 648-ter cod. pen. – Sentenze di primo e secondo grado che concordino nell’analisi e nella valutazione degli elementi di prova – Carenza motivazionale – Esclusione – Unico complessivo corpo argomentativo – Diniego delle attenuanti generiche richiamando “la personalità del colpevole e l’entità del reato” – Discrezionalità del giudice – Motivazione cumulativa di diniego delle attenuanti generiche.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 11 aprile 2022, Sentenza n.13703

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Beni culturali ed ambientali, Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Trasformazione di un locale sgombero in unità abitativa – Modifica di destinazione d’uso – Volumetria ex novo – Intervento di nuova costruzione – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Zone vincolate necessità di autorizzazione paesaggistica – Giurisprudenza – Art. 10 c.1, lett. a) del T.U.E. – Realizzazione di una autonoma unità abitativa – Sequestro preventivo sul rilievo dell’aumentato carico urbanistico – Sussistenza del periculum in mora – Esclusione del fumus commissi delicti in relazione al reato paesaggistico – Effetti – Fattispecie: trasformazione di un locale adibito a sgombero a residenziale – Art. 44 lett. c) del d.P.R. n. 380/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Decisione del tribunale del riesame – Impugnazioni cautelari – Competenza – Data di presentazione rilevante ai fini della tempestività.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.6^, 6 aprile 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia, Pubblica amministrazione

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Reato di abuso d’ufficio – Permesso di costruire illegittimo – Rilascio – Configurabilità del reato – Condizioni e presupposti – Atti amministrativi generali (Piano di Governo del Territorio) – Artt. 12, 13 d.P.R. n. 380/2001 – Reati di corruzione – Reati contro la Pubblica Amministrazione – Differenza tra il delitto di abuso d’ufficio e quello di falso in atto pubblico – Artt. 323 e 478 cod. pen. – Integrazione dell’abuso d’ufficio – Requisito della doppia e autonoma ingiustizia – Vantaggio patrimoniale – Illegittimità della condotta – Fattispecie: violazione di specifici parametri normativi per favorire un privatoDIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Abusi edilizi insanabili – Rilascio del permesso di costruire in sanatoria – Violazione della normativa edilizia – Effetti – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Riqualificazione giuridica della confisca – Verifica dell’effettiva sussistenza di una “notitia criminis” – Omessa denuncia di reato da parte del pubblico Ufficiale – Art. 361 cod. pen. – Divieto di “reformatio in pejus” – Diversa qualificazione giuridica della misura ablatoria – Confisca in casi particolari – Sproporzione di valore con gli indicatori di redditi – Presunzione di illecita accumulazione – Fascia temporale – Art. 240-bis cod. pen.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.6^, 6 aprile 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Acqua - Inquinamento idrico, Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia, Pubblica amministrazione

ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Efficacia delle norme di attuazione del piano di bacino – Piano stralcio di bacino per l’assetto idrogeologico (Regione Sicilia P.A.I.) – Art. 67 d.P.R. n. 152/2006 (c.d. codice dell’ambiente) – Valore di piano territoriale di settore ex art. 17 legge n. 183/1989 – Redazione o conformazione degli strumenti urbanistici – Obbligo – Disciplina dei piani di assetto idrogeologico – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Violazione della norma di attuazione del P.A.I. – Carattere immediatamente vincolante per le amministrazioni e gli enti pubblici – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Integrazione del reato di abuso di ufficio – Art. 323 cod. pen. – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Domanda di condono edilizio in zona classificata nel P.A.I. come ad alta pericolosità (P4) e rischio molto elevato (R4) – Rilascio della concessione in sanatoria – Adozione del parere favorevole dell’ufficio comunale competente – Necessità – Reato di abuso di ufficio – Necessità della valutazione dell’adeguatezza dei lavori di messa in sicurezza del territorio – Fattispecie.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 1 aprile 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Acqua - Inquinamento idrico, Danno ambientale, Diritto processuale penale, Rifiuti, 231

RIFIUTI – Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti – Gestione abusiva di ingenti quantità di rifiuti – ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Deposito dei fanghi presso gli impianti – Cd. “linea fanghi” – Compromissione e deterioramento significativo e misurabile dell’acqua circostante, del fondale sottostante, nonché dell’ecosistema marino – Reato di inquinamento ambientale – Elemento soggettivo del reato – reato a dolo generico – Artt. 452 bis, 452 quaterdecies cod. pen. – Artt. 127, 182, 240 d. Lgs. n. 152/2006 – DANNO AMBIENTALE – Disastro ambientale – Inquinamento ambientale – Concetti di “compromissione” e “deterioramento” – natura “significativa” e “misurabile” – Art. 452 quater cod. pen. – 231 – Responsabilità dell’ente – Commissariamento – Effetti – Artt. 6, 13, 15, 25 undedes, 46, 52, d. Lgs. n. 231/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso del pubblico ministero avverso l’ordinanza del Tribunale del riesame – Difetto di interesse – Inammissibilità.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 30 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Rifiuti

RIFIUTI – Nozione di rifiuto – Qualità di rifiuto elementi positivi e negativi – Effetti di un accordo di cessione a terzi – Rilevanza della condotta e volontà del cedente e non della volontà del cessionario – Artt. 183, 256 d.lgs n.152/2006 – Gestione professionale dei rifiuti – Dovere di informazione sulla legislazione vigente in materia – Limiti alla scusabilità dell’ignoranza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Speciale causa di non punibilità prevista dall’art. 131 bis cod. pen. – Applicazione e limiti – Fattispecie – Circostanze attenuanti generiche concessione o esclusione – Diniego – Poteri e limiti del giudice – Art. 133 cod. pen..


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 29 marzo 2022, Sentenza n.11316

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Appalti, Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia

DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Adozione delle misure cautelari senza che sia intervenuta la revoca della pronuncia di proscioglimento – Sentenza di non luogo a procedere – Fatto “diverso” – Identità del fatto e valutazione degli elementi costitutivi del reato – Art. 649 cod. proc. pen. – Incolpazione formulata a “contestazione chiusa” – Reato permanente – Protrarsi dell’offesa – Rapporto che intercorre tra il giudicato amministrativo e i poteri del giudice penale in ordine alla valutazione della legittimità dei provvedimenti amministrativi – Acquisizione della nuova fonte di prova – Requisito della casualità – Riapertura delle investigazioni – Verifica del tasso di prevedibilità – Sovrapposizione alle risultanze contenute in una sentenza di non luogo a procedere – Revoca della sentenza di non luogo a procedere da parte del P.M. – Requisiti – Valutazione di idoneità delle nuove prove e rivalutazione delle rationes decidendi del giudice della sentenza di non luogo a procedere – Fattispecie: DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Lottizzazione abusiva – Opere per il traffico passeggeri – Scarico merci – Provvedimenti di programmazione e realizzazione (Autorità portuale) – Progettazione – Omessa rilevazione del contrasto con gli strumenti urbanistici – Mancanza di variazione urbanistica – APPALTI – Appalto – Conferenza dei servizi – Mancanza del parere del vincolo. (massima a cura di Francesco Camplani)


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 28 marzo 2022, Sentenza n.11065

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Rifiuti

RIFIUTI – Gestione dei rifiuti – Eventuale riutilizzo e qualificazione come sottoprodotto di sostanze e materiali – Disciplina applicabile – Onere probatorio – Configurabilità del reato di abbandono di rifiuti – Artt. 192, 256, d. Lgs. n. 152/2006 – Abbandono di rifiuti – Causa di esclusione della punibilità di cui all’art. 131 bis cod. pen. – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Rilevanza della condotta – Particolare tenuità.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 25 marzo 2022, Sentenza n.10758

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Beni culturali ed ambientali, Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Zona sottoposta a vincolo paesaggistico – Complesso turistico ricettivo – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Contravvenzione di lottizzazione abusiva – Opere eseguite in assenza di autorizzazione o in difformità da essa – Fattispecie – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ordinanze di sequestro preventivo o probatorio – Richiesta di dissequestro – Ricorso per cassazione – Limiti – Artt. 44 lett. C d.P.R. 380/2001 e 181 d. Lgs. 42/2004. (Massima a cura di Francesco Camplani)


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 25 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Rifiuti

RIFIUTI – Gestione dei rifiuti – Rifiuti abbandonati – Semplice accantonamento per un successivo riutilizzo senza alcuna selezione o criterio – Esclusione – Art. 192 T.U.A. – Mancata ottemperanza all’ordine sindacale di rimozione dei rifiuti – Natura di reato permanente – Effetti – Particolare tenuità – Esclusione – Principio di ripristino ambientale – Discrezionalità del giudice di subordinare la sospensione condizionale della pena all’adempimento – Artt. 253, 255 d. Lgs n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ammissione al giudizio abbreviato – Inutilizzabilità della documentazione acquisita su richiesta del P.M. – Limiti.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 22 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Rifiuti

RIFIUTI – Illecita gestione dei rifiuti – Confisca del mezzo – Terzo estraneo al reato – Onere di prova della buona fede e non collegabile ad un comportamento negligente – Artt. 256, 259 d.lgs. n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Provvedimenti di sequestro (probatorio o preventivo) – Ricorso per cassazione solo per violazione di legge – Limiti – Art. 606, lett. e) cod. proc. pen..


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 22 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Rifiuti, 231

RIFIUTI – Gestione di rifiuti – Sfalci e potature riutilizzati in agricoltura, in silvicoltura o per la produzione di energia da biomassa – Operazione di “smaltimento” dei rifiuti fuori del luogo di produzione o a mezzo cessione a terzi – Regime derogatorio – Presupposti – Artt. 256, e 256-bis, d.lgs. n. 152/2006 – Responsabilità da reato degli enti – 231 – Rappresentante legale indagato o imputato del reato presupposto – Nomina del difensore dell’ente – Artt. 25-undecies, 39 d.lgs. n. 231/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Sequestro preventivo o probatorio – Ricorso per cassazione – Limiti – Possibile utilizzo dei mezzi in sequestro per ulteriori reati (in specie trasporti abusivi di rifiuti).


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.2^, 21 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Fauna e Flora, Maltrattamento animali

MALTRATTAMENTO ANIMALI – FAUNA E FLORA – Sostituzione del microchip (cane) – Provenienza illecita dell’animale – Reato di riciclaggio – Configurabilità dell’art. 648 bis cod. pen. – Fattispecie – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Sospensione o il rinvio della udienza per legittimo impedimento a comparire – Avviso della nuova udienza – Validità dell’avviso recepito nella forma orale dal difensore previamente designato in sostituzione – Art. 97, c.4°, cod. proc. pen..


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^, 15 marzo 2022 , Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Beni culturali ed ambientali, Diritto processuale penale

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Vendita di opere d’arte vincolate – Esistenza di eventuali ostacoli o limiti giuridici all’alienabilità – Limite alla buona fede e verifiche necessarie – Sequestro di opere d’arte – Pericolo di dispersione dell’opera o esportazione all’estero – Collegamento tra la cosa ed il reato – Art. 321, cod. proc. pen. – Artt. 173, 174, 178 d. Lgs. n.42/2004 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Nozione di “violazione di legge”.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 7 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Armi, Diritto processuale penale, Diritto venatorio e della pesca

DIRITTO VENATORIO E DELLA PESCA – Caccia – Nozione di esercizio venatorio – Attività preliminare – Configurabilità oggettiva e soggettiva dei reati – Mancata oblazione – Fuga al controllo della P.G. abbandonando le armi incustodite – ARMI – Artt. 12, 18 e 30, Legge n.157/1992 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso per cassazione – Vizio di motivazione per travisamento della prova – Presupposti.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 7 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Cave e miniere, Diritto processuale penale, Rifiuti

RIFIUTI – Terre e rocce da scavo (provenienti da galleria) – Applicabilità del regime dei sottoprodotti e non a quello dei rifiuti – Presupposti e garanzie – Reato di deposito incontrollato di rifiuti e reato di abbandono – Natura di reato istantaneo permanente o eventualmente con effetti permanenti – Verifica delle circostanze concrete e della condotta – Gestione dei rifiuti – Sistematica pluralità di azioni – Valutazione della condotta – Giudice di merito – Indice differenziale dell’occasionalità – Artt. 183, 184-bis, 186, 256, d.lgs 152/2006 e 4 d.P.R. n. 120/2017 – CAVE – Dimostrazione della futura riutilizzazione per la produzione di calcestruzzo – Necessità – Disciplina eccezionale e derogatoria rispetto a quella ordinaria – Modifiche e sostanziale continuità normativa – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Difformità tra dispositivo e motivazione non contestuale – Prevalenza del dispositivo – Deroga – Errore materiale.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 7 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Beni culturali ed ambientali, Cave e miniere, Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia, Pubblica amministrazione

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Violazione di sigilli 349, c.2, cod. pen. – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Art. 44, d.P.R. 380/2001 – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Art. 181 d. Lgs. 42/2004 – CAVE E MINIERE – Sequestro di cava – Ripresa dell’attività di estrazione con l’utilizzo, peraltro, dei mezzi sequestrati e ai quali erano apposti i sigilli – Norme di polizia delle miniere e delle cave – Art. 28 d.P.R. 128/1959 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Differenza tra il reato di sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro – Art. 334 c.p..


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 4 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Inquinamento atmosferico, Rifiuti, VIA VAS AIA

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Emissioni industriali – VIA VAS AIA – Autorizzazione integrata ambientale (AIA) – Violazione delle prescrizioni stabilite nell’AIA – Violazioni “qualificate” e sanzione amministrativa – Differenze – Artt. 29-quattuordecies, 29-decies, 183 D. Lgs. n. 152/2006 (TUA) – Direttiva 2010/75/UE – RIFIUTI – Deposito dei rifiuti – Operazioni di deposito preliminare di rifiuti – Apposizione di etichettatura sui contenitori o di segnaletica nelle aree destinate a deposito – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Giudizio di cassazione – Discussione del ricorso – Difensore impossibilitato a comparire all’udienza fissata – Richiesta di nomina di un sostituto – Non prevista.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 3 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Condono edilizio – Individuazione dei limiti stabiliti per la concedibilità della sanatoria – Soggetto legittimato alla proposizione della domanda di condono – Frazionamento dell’unità immobiliare in plurimi interventi edilizi – Esclusione – Legge n.724/1994 – Reati edilizi – Ordine di demolizione emesso dal giudice penale – Natura di sanzione amministrativa ripristinatoria – Prescrizione ex art. 173 c.p. e L. n.689/1981 – Inapplicabilità – Diritto all’inviolabilità del domicilio – Diritto all’abitazione e protezione della proprietà (tutelato dall’art. 8 CEDU e art. 1 del protocollo n.1) – Principio di proporzionalità – Giurisprudenza CEDU – Valutazione caso per caso da parte dell’autorità giudiziaria – Finalità dell’ordine di demolizione – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ordine di demolizione del manufatto abusivo disposto con la sentenza di condanna – Competenze del pubblico ministero.


CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 3 marzo 2022, Sentenza n.

Autorità: Corte di Cassazione | Tags: Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Nozione di sottotetto – Esclusione dalla volumetria – Requisiti – Criterio per individuarne un volume autonomo – Differenza tra Mansarda, sottotetto, volumi tecnici e locali non abitativi – Caratteristica dell’abitabilità – Mutamento di destinazione d’uso – DM del luglio 1975, L. n. 457/78 art. 43, e art. 44 lett. b) DPR n.380/01 – Illegittimo scorporo dei locali “sottotetto” rispetto alla volumetria assentita – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Assunto motivazionale individuato con il rinvio alla normativa urbanistica vigente – Correlazione tra fatto contestato e sentenza.


Iscriviti alla Newsletter GRATUITA

Ricevi gratuitamente la News Letter con le novità di AmbienteDiritto.it e QuotidianoLegale.

ISCRIVITI SUBITO


Iscirizione/cancellazione

Grazie, per esserti iscritto alla newsletter!