CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/08/2017, Sentenza n.38866

RIFIUTI - Attività di ricovero e custodia cani conto terzi - Esclusione dalla nozione di allevamento del bestiame - Effluenti di allevamento - Utilizzazione agronomica - Presupposti - Smaltimento mediante impianto rudimentale di termocombustione - ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Disciplina degli scarichi e delle autorizzazioni - Gestione non autorizzata di rifiuti pericolosi e non pericolosi - Reflui di allevamento (canile) - Risarcimento dei danni in favore della parte civile - Insussistenza di un danno concreto - Artt. 74, 101, 112, 124, 133, 137 c.1 e 256 d.lvo n.152/2006 - AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Imprese dedite all'allevamento di bestiame - Disciplina degli scarichi e delle autorizzazioni - Effluenti di allevamento - Utilizzazione agronomica - Assimilazione alle acque reflue domestiche - Utilizzazione agronomica - Casi o limiti consentiti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione - Ricostruzione e valutazione dei fatti senza individuare vizi di logicità - Inammissibilità - Causa di esclusione della punibilità ex art. 131 bis cod.pen. - Inapplicabilità in caso di più reati della stessa indole - Giurisprudenza - Inammissibilità del ricorso in cassazione per motivi generici - Mancanza di specificità del motivo - Motivi che riproducono le ragioni già discusse e ritenute infondate dal giudice del gravame.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PUGLIA, Bari - 8 settembre 2017

* APPALTI - Omessa pubblicazione ex art. 29 d.lgs. n. 50/2016  - Rito super accelerato - Non trova applicazione -  Contratto di avvalimento - Qualificazione SOA - Oggetto agevolmente determinabile - Validità ed efficacia - Offerta espressa in cifre - Inintelligibilità - Sanatoria tramite riferimento all’offerta espressa in cifre - Illegittimità - Ragioni.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/09/2017, Sentenza n.41537

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Abusi edilizi - Demolizione sospensione o revocata in sede esecutiva - Incompatibilità con atti amministrativi o giurisdizionali - Art. 31 c. 9 D.P.r. n. 380/2001 -  Demolizione - Inottemperanza - Decorrenza dei 90 gg. - Effetti - Automatica acquisizione gratuita dell'immobile al patrimonio disponibile del Comune - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

TAR CAMPANIA, Napoli - 19 settembre 2017

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Sospensione dei lavori - Strumento cautelare - Termine di 90 giorni per la revoca del provvedimento di sospensione - Effetto acquisitivo - Mancato esercizio del potere di revoca - Art. 30 d.P.R. n. 380/2001 - Opere che comportino trasformazione urbanistica o edilizia - Nozione - Interpretazione funzionale - Attività lottizzatoria intrapresa dal dante causa - Non esclude l’abuso ad opera del proprietario attuale - Sanatoria - Rilascio di concessione per le singole opere della lottizzazione - Irrilevanza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/09/2017, Sentenza n.41533

RIFIUTI - CAVE - Attività di coltivazione di cave e di livellamenti agrari - Nozione di sottoprodotto - Attività qualificabile come gestione dei rifiuti - Art. 184-bis - 185 dlgs n. 152/2006 - All. 3 dm n. 161/2012 - Materiali da scavo - Caratteristiche per l'esenzione dalla disciplina sui rifiuti - Presupposti e limiti al trattamento derogatorio - Qualificazione giuridica del "mistone" - Impianto di vagliatura e lavaggio degli inerti - Definizione di "normale pratica industriale" - Attività di trattamento dei rifiuti - Autorizzazioni - Necessità - Fattispecie. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/09/2017, Sentenza n.41558

DIRITTO DEGLI ALIMENTI - Differenza tra cattiva conservazione ed alterazione degli alimenti - Cattive condizioni generali di conservazione e mancanza delle prescritte autorizzazioni sanitarie - Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari - Reato di danno a tutela del c.d. ordine alimentare - Pericolo per la salute pubblica - Art.5 lett.b) e d) L.283/1962 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro probatorio - Eccezionalità della previsione giustificativa della finalità - Prodotti in sequestro con natura di alimenti obiettivamente nocivi - TUTELA DEI CONSUMATORI - Pericolo di vendita, detenzione per la vendita, somministrazione e distribuzione per il consumo - Mantenimento del sequestro anche dopo il venir meno delle esigenze probatorie - Potenziale pericolo per la salute pubblica - Fattispecie: prodotti caseari.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/09/2017, Sentenza n.41592

DIRITTO VENATORIO - CACCIA - Caccia in periodo di divieto generale - Esercizio della caccia nei giorni di silenzio venatorio - Differenza delle due fattispecie - art. 30, c.1, lett. a), f) e h) L. n. 157/1992 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Appello avverso una sentenza che abbia erroneamente ritenuto applicabile la sola pena pecuniaria dell'ammenda - Ricorso proposto dall'imputato - Giurisprudenza - Revoca del decreto penale di condanna o mancata revoca - Effetti - Ex art. 464, c.3, cod. proc. pen..  

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/09/2017, Sentenza n.

* RIFIUTI - Attività di gestione di rifiuti non autorizzata - Raccolta di rifiuti non pericolosi in mancanza della prescritta comunicazione ex art. 216, d.lgs. n. 152/2006 - Configurabilità del reato di gestione abusiva di rifiuti - Natura di reato comune - Deposito di rifiuti da demolizione - Nozione di sottoprodotti - Destinazione al riutilizzo nel medesimo ciclo produttivo o alla loro utilizzazione da parte di terzi - Certezza oggettiva del riutilizzo - Artt. 183 e 256 d.lgs. 152/2006  - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Impugnazione con mezzo di gravame diverso da quello legislativamente prescritto - Verifica dell'oggettiva impugnabilità del provvedimento da parte del giudice - Trasmissione degli atti  al giudice competente - Art. 568, comma 5, cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 18/07/2017 Sentenza n.

RIFIUTI - Responsabilità del produttore o detentore dei rifiuti - Conferimento del rifiuto al terzo autorizzato - Onere di accertarmento - Reato di illecita gestione di rifiuti in concorso - Rifiuti non pericolosi e pericolosi di raffineria - Artt. 183, 188 e 256, d.lgs. n. 152/2006 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.Un. 13/12/2016, Ordinanza n.25515

RIFIUTI - Tributo speciale per il deposito in discarica di rifiuti - C.d. EcoTassa - Omesso pagamento del tributo speciale - Mancanza di un rapporto sinallagmatico - Presupposto impositivo di un tributo - Requisito di esigibilità - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - P.A. spazi di discrezionalità - Esclusione - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Giurisdizione del giudice tributario - Regolamento di giurisdizione d'ufficio - Presupposti e limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 24/07/2017, Sentenza n.36605

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Natura precaria dell'opera edilizia - Carattere stagionale dell'attività - Elementi della precarietà - Stabilimento balneare - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Natura precaria dell'opera edilizia - Oggettiva temporaneità e contingenza - Opera realizzata in zona sottoposta a vincolo paesaggistico - DIRITTO DEMANIALE - Fattispecie: occupazione arbitraria dello spazio demaniale marittimo - Alterazione di bellezze naturali - Art. 734 cod. pen. - Artt. 3, 6, 10 e 44, d.P.R. n. 380/2001 - Artt. 146-181, d.lgs. n. 42/2004 - Alterazione delle bellezze naturali - Stabilimento balneare - Art. 734 cod. pen. - Natura di reato istantaneo - Effetti della prescrizione e decorrenza del termine - Ultimazione dell'opera - Ancoraggio del manufatto alla spiaggia - Natura di reato permanente - Demolizione del manufatto edificato entro la fascia demaniale o conseguimento dell'autorizzazione - Reato di costruzione abusiva - Cessazione con il totale esaurimento dell'attività illecita - Nozione di "ultimazione" dell'edificio - Requisiti di agibilità o abitabilità - Concetto unitario di costruzione e valutazione di un'opera edilizia abusiva - Opera realizzata in zona sottoposta a vincolo paesaggistico - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

TAR BASILICATA - 11 settembre 2017

* DIRITTO DELL’ENERGIA - Procedimento di rilascio dell’autorizzazione ex art. 12 d.lgs. n. 387/2003 -  Sub-procedimento di VIA - Pronuncia negativa di compatibilità ambientale - Impugnazione in via autonoma - Impianto eolico di potenza superiore a 1 MW -  Diniego di autorizzazione paesaggistica - Parere del Ministero dei beni culturali e ambientali - Omissione - Violazione dell’art. 14, punto 14.9 della linee guida di cui al d.m. 10/09/2010.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/07/2017, Sentenza n.34192

MALTRATTAMENTO ANIMALI - Animali tenuti in condizioni incompatibili con la loro natura - Configurabilità del maltrattamento - Integrità fisica - Irrilevanza - Reato di cui all’art. 727 cod. pen. - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro preventivo - Nesso pertinenziale della cosa al reato - Intrinseca e stabile strumentalità della cosa sottoposta a sequestro all'attività illecita.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/07/2017 Sentenza n.36819

RIFIUTI - Rifiuti speciali pericolosi - Trasporto in assenza di titolo abilitativo e conferimento all'interno di cassonetti per la raccolta di rifiuti urbani - Modalità di individuazione della natura non occasionale del trasporto di rifiuti - Precedenti attività preliminari - Trasporto illecito di rifiuti - Sequestro preventivo del mezzo finalizzato alla confisca obbligatoria - Terzo estraneo al reato - Buona fede e onere della prova - Comportamento colpevole o negligente - Esclusione - Reato istantaneo - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Riesame di provvedimenti di sequestro (probatorio o preventivo) - Sequestro strumentale alla confisca - Presupposto della confiscabilità - Artt. 321, 444 e 606 cod. proc. pen. - Artt. 256 e 258 d.lgs. n.152/06.

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO - 2 agosto 2017

* PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Enti locali - Scioglimento del consiglio comunale - Dimissioni contestuali della metà più uno dei consiglieri (ultra dimidium) - Art. 141, c. 1, lett. b), n. 3) del d. lgs. n. 267 del 2000  - Irregolare formazione di alcuna tra le manifestazioni di volontà da parte dei consiglieri contestualmente dimissionari - Principio del simul stabunt simul cadunt

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. FERIALE 04/09/2017, Sentenza n.39883

INQUINAMENTO ACUSTICO - Emissioni rumorose da impianto di condizionamento d'aria - Esercizio di una professione o di un mestiere rumorosi - Oggettiva idoneità delle emissioni sonore ad arrecare pregiudizio ad un numero indeterminato di persone - Superamento della soglia di normale tollerabilità - Disturbato le occupazioni o il riposo delle persone  - Art. 659 cod. pen. - Fattispecie - RUMORE - Prova dell'effettivo disturbo di più persone - Reato di pericolo - Idoneità della condotta a disturbarne un numero indeterminato - Elementi di prova - Convincimento del giudice - Oggettivo superamento della soglia della normale tollerabilità - Giurisprudenza - Differenza tra Art. 659 cod. pen. 1^ e 2^ fattispecie - Fonte del rumore prodotto - Due autonome fattispecie di reato - Esercizio di mestieri rumorosi - Mero superamento dei limiti massimi o differenziali fissati dalle leggi - Presunzione di turbativa della pubblica tranquillità - Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - Oggettiva idoneità degli stessi a superare una soglia di normale tollerabilità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/07/2017, Sentenza n.

* RIFIUTI - Attività di trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti da terzi effettuata in forma ambulante - Titoli abilitativi - Iscrizione all'Albo Nazionale Gestori Ambientali Artt. 208, 209, 211, 212, 214, 215, 216, 256 e 266 d. lgs 152/2006 T.U.A. - Fattispecie: trasporto di rifiuti pericolosi e non pericolosi in assenza dei formulari di identificazione dei rifiuti e della iscrizione del mezzo nell'albo delle imprese autorizzate al trasporto dei rifiuti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/07/2017, Sentenza n.

* RIFIUTI - Terra e rocce da scavo - Sottoprodotti - Stoccaggio e trasporto senza autorizzazione su un fondo al di fuori dell'area di cantiere - Gestione non autorizzata di rifiuti - riutilizzo come sottofondo stradale - materiale rimosso proveniente dagli alvei dei fiumi, laghi e torrenti - Requisti per l'esclusione dal novero dei rifiuti - Artt.184-bis, 184-ter e 256, c.1° lett.a) d. lgs 152/2006 T.U.A. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Caratteristiche del sottoprodotto - Requisiti qualitativi o quantitativi - Successione normativa e disciplina applicabile - Disposizioni amministrative inesistenti all'epoca della loro produzione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/07/2017, Sentenza n.

* ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Prelevamenti urgenti di campioni finalizzato alle successive analisi chimiche - Tutela delle acque dall'inquinamento - Modificabilità del terreno, anche per possibili agenti atmosferici - Successivi accertamenti tecnici ripetibili - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Campionamento - Metodi di analisi per le acque superficiali e sotterranee - Attività materiale - Esclusione di formalità, discrezionalità o preparazione tecnica per il suo compimento - Artt. 354, 356 e 360, cod. proc. pen. - Art. 220 e 223 disp. att. cod. proc. pen. - Artt. 78-quinquies e 256 c.1, d.lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza - Fattispecie. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 14/07/2017, Sentenza n.34543

RIFIUTI - Recupero di rifiuti non pericolosi in procedura semplificata - Comunicazione di inizio attività - Inosservanza delle prescrizioni e delle cautele - Effetti - Diversa qualificazione dei rifiuti - Art. 256 c.4, d.lgs. n.152/2006 - Violazione e integrazione del reato - Reato di mera condotta - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Natura di reato autonomo integrante un'ipotesi attenuata - Artt. 214, 216, 256 d.lgs. n. 152/2006 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 14/07/2017, Sentenza n.34522

RIFIUTI - Gestione impianto - Inosservanza delle prescrizioni contenute nel provvedimento autorizzatorio - Subordine l'attività autorizzata all'accettazione della polizza fideiussoria - Art. 256, c. 3 e 4 D.Lgs. n. 152/2006 - Qualità di rifiuto - Elementi positivi e negativi - Accordo di cessione a terzi - Effetti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Scusabilità dell'ignoranza della legge penale invocata dall'operatore professionale - Limiti della inevitabilità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 14/07/2017, Sentenza n.34517

INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Valori limite di emissione e di qualità dell'aria - Finalità degli artt. 278 e 279 D.L.vo n.152/06 - Rilascio del titolo abilitativo e l'imposizione di specifiche prescrizioni e di obblighi di comunicazione - Tutela dell'ambiente e della salute - Controlli adeguati e meccanismo di tutela anticipata del bene ambientale - ARIA - Disciplina in materia di inquinamento atmosferico - Continuità normativa tra d.lgs. n. 152/2006 e D.P.R. 203/1988 - Situazioni di pericolo per la salute o per l'ambiente - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Autorità di controllo - Potere di ordinanza - Esigenze di precauzione e di controllo - Poteri e limiti - Eccesso di potere - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Verifica del giudice della ragionevolezza delle disposizioni impartite.

Categoria: 

Autorità: 

TAR MARCHE Sez. 1^, 1 agosto 2017 Sentenza n.648

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Installazione di una canna fumaria in zona paesaggistica - Atti antecedenti e successivi - Collocazione di canne fumarie sul muro perimetrale di un edificio o una corte interna - CONDOMINIO - Art. 11 DPR n. 380/2001 - Artt 21, c,4, 143 e 146 d.lgs. n. 42/2004 - ARIA - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Immissioni sgradevoli o nocive - Canna fumaria - Interpretazione funzionale della norma - CODICE DELL'AMBIENTE - Norma UNI 7129 e UNI 10683 e all’allegato IX alla parte V del d.lgs n. 152/2006 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 17/07/2017 Sentenza n.34812

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Finalità della destinazione d’uso e strumenti urbanistici - Mutamento di destinazione d'uso giuridicamente rilevante - Categorie funzionalmente autonome - Diversa destinazione di zona - Impatto urbanistico e incremento del carico urbanistico. Artt. 23 ter, 31 e 44 d.P.R. n. 380 del 2001 - Richiesta di cambio della destinazione d'uso di un fabbricato e mutamento di destinazione d'uso realizzato senza l'esecuzione di opere edilizie - Assoggettamento a S.C.l.A. - Aggravio del carico urbanistico - Insanabile contrasto con lo strumento urbanistico - Destinazione a luogo di culto di un edificio - Valutazione delle esigenze urbanistiche con particolare riferimento agli standard fissati dal D.M.1444\68 - Pianificazione e aggravio del carico urbanistico - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 19/01/2017, Sentenza n.1363

INQUINAMENTO ACUSTICO - RUMORE CONDOMINIO - Immissioni sonore provenienti da lavori di demolizione - Lavori condominiale implicanti l'uso di strumenti particolarmente rumorosi protratti per oltre un anno - Superamento della soglia di normale tollerabilità - Onere della prova - Art. 844 cod. civ. - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Decisione di merito impugnata in sede di legittimità - Limiti - Distinte ed autonome rationes decidendi.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 30/08/2017, Sentenza n.20553

INQUINAMENTO ACUSTICO - RUMORE - Immissioni sonore provenienti dal locale "cabina idrica" condominiale - Immissioni di rumore superiore ai limiti di decibel di tolleranza - Immissione di rumori oltre la normale tollerabilità - Domanda di cessazione delle immissioni - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Poteri del giudice - Principio di corrispondenza tra chiesto e pronunciato - Adozione di misure inibitorie - attuazione di accorgimenti che evitino il ripetersi della situazione pregiudizievole - Mezzi di prova esperibili per accertare il livello di normale tollerabilità previsto dall'art. 844 c.c. - Consulenza tecnica d'ufficio con funzione "percipiente" - Limite di tollerabilità delle immissioni rumorose - Accorgimenti idonei - Poteri del giudice di merito.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 30/08/2017, Sentenza n.20555

INQUINAMENTO ACUSTICO - RUMORE - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Immissioni e livello di normale tollerabilità ex art. 844 c.c. - Individuazione  della intollerabilità delle immissioni di gas di scarico derivanti dalle caldaie e da miasmi da sfiati provenienti dal pozzo nero del condominio - Mezzi di prova esperibili - Indagine tecnica e testimoniale sulle stesse circostanze di fatto - CONDOMINIO - Distanze legali nei rapporti fra proprietari - Condizione abitativa e igiene - Apprestamento di accorgimenti idonei ad evitare danni - Giurisprudenza - RUMORE - Edifici in condominio - Immissioni moleste o dannose nella proprietà di altri condomini - Applicabilità dell'art. 844 c.c. - Criterio di valutazione della normale tollerabilità delle immissioni - Principio della sana convivenza - Limiti - Immissioni di fumo o di calore e rapporti tra i proprietari di fondi vicini - Valutazione di sopportabilità - Disciplina applicabile art. 844 c.c. - Normativa tecnica prescritta per limitare l'inquinamento ed i consumi energetici - Giudizio di intollerabilità, ex art. 844 c.c. - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Spetta al giudice di merito accertare in concreto il superamento della normale tollerabilità e individuare gli accorgimenti idonei.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 30/08/2017 Ordinanza n.20548

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza e di distanza tra i fabbricati - Inserimento automaticamente negli strumenti urbanistici comunali - Sostituzione di prescrizioni contrastanti - Ricolmare eventuali lacune degli stessi strumenti urbanistici - Il DM 1444/1968 nei rapporti fra i privati - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Giudice di merito - Disapplicazione delle disposizioni illegittime - Applicazione diretta per inserzione automatica in sostituzione della norma illegittima che è stata disapplicata.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez. 6^ 22/08/2017, Ordinanza n.20273

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Esercizio della "prospectio" ed "inspectio" - Distanze legale - Violazione - Realizzazione di opere abusive - Richiesta di riduzione in pristino - Fattispecie: aperture di porte a meno di 1.5 metri - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Legittimazione dei titolari del fondo finitimo - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ del 17/07/2017, Sentenza n.34782

DIRITTO VENATORIO - Caccia - Nozione di attitudine e di esercizio venatorio - Attività preliminare e predisposizione dei mezzi diretti alla cattura e all'abbattimento - Esercizio della caccia con mezzi vietati - Attività prodromica di appostamento e ricerca della fauna.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE Sez. UNITE CIVILE, 01/02/2017 Sentenza n.2611

INQUINAMENTO ACUSTICO - Immissioni rumorose e luminose - Festeggiamenti per il santo patrono - RISARCIMENTO DEL DANNO - Pregiudizio non patrimoniale derivante dallo sconvolgimento dell'ordinario stile di vita - Risarcimento del danno non patrimoniale - Art. 8 Convenzione europea dei diritti dell'uomo - Prova del pregiudizio subito fornita anche mediante presunzioni - Nozioni di comune esperienza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ del 28/08/2017 Ordinanza n.20445

INQUINAMENTO ACUSTICO - RUMORE - Immissioni di polveri, vapori e rumori provenienti da falegnameria - Domanda risarcitoria da danno da immissioni - Domanda di inibitoria - RISARCIMENTO DEL DANNO - Danno non patrimoniale conseguente a immissioni illecite - Prova del pregiudizio subito fornita mediante presunzioni o sulla base delle nozioni di comune esperienza - Artt. 2 e 32 Cost. e 844, 2043, 2067 cod. civ. - Art. 8 Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. Un. 18/07/2017 Sentenza C-213/15 P

DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO – Accesso ai documenti delle istituzioni – Ambito di applicazione – Domanda di accesso alle memorie depositate dalla Repubblica d’Austria nell’ambito della causa oggetto della sentenza del 29/07/2010, Commissione/Austria (C-189/09, non pubblicata, EU:C:2010:455) – Uso inappropriato degli atti di causa - Documenti detenuti dalla Commissione europea – Tutela delle procedure giurisdizionali - Impugnazione – Art. 15, par.3, TFUE – Reg. n.1049/2001/CE - Fattispecie: pubblicazione in Internet delle memorie relative a un procedimento in assenza di autorizzazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 21/08/2017 Ordinanza n.20214

APPALTI - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Errori del progettista - Errori di progettazione e direzione dei lavori - Responsabilità l'appaltatore se realizza un progetto altrui - RISARCIMENTO DEL DANNO - Responsabilità dell'impresa appaltatrice per danni a una struttura edilizia realizzata in modo non corretto.

Categoria: 

Autorità: 

Pagine