CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 18/06/2019, Sentenza n.

* RIFIUTI - Impianto di gestione dei rifiuti - Attività di recupero di rifiuti non pericolosi costituiti da terre, rocce e scarifica stradale - Responsabilità del gestore - Qualifica quale legale rappresentante o persona fisica - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Inquinamento atmosferico con emissioni diffuse - Preventiva autorizzazione amministrativa - Assenza - Omissione del piano di prevenzione e gestione - Artt. 137, 268, 269 e 279 d.lgs n.152/2006 - Tutela dalle immissioni in atmosfera - Modifica degli impianti - Necessità di una nuova domanda autorizzativa - Responsabilità del gestore dell'attività - Legale rappresentante della persona giuridica - Limiti della generale delega di funzioni in materia ambientale - Fattispecie: società di capitali.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 18/06/2019, Sentenza n.26869

RIFIUTI - Rimessione in pristino dei luoghi e della rimozione e dello smaltimento dei rifiuti - Pena di giustizia condizionalmente sospesa - Mancata astensione del giudice - Violazione del principio di terzietà del giudice - Incompatibilità del giudice - Ricusazione - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Giurisprudenza CEDU - Imparzialità del giudice - Criterio soggettivo e oggettivo - Art. 44, d.P.R. n. 380/2001 - Artt. 216, 256, d.lgs. n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE -  Attenuanti generiche - Concessione o  esclusione - Poteri del giudice del merito - Accertamento di situazioni idonee a giustificare un trattamento di speciale benevolenza - Art. 133 cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/06/2019, Sentenza n.24797

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Impianto di depurazione comunale - Trattamento delle acque reflue urbane - Superamento dei limiti tabellari - Disciplina applicabile - Legge n. 36/2010 - Artt. 323, 328, e 54 e 1161 cod. nav. - Artt. 133, 136, 137, d.lgs. n. 152/2006 - Scarico da depuratore convogliante le acque reflue urbane e scarico di acque reflue industriali - Inapplicabilità delle sanzioni di cui all'art. 137, c.5 e 6, d.lgs. n. 152/2006 - Assenza di elementi di prova - Mero illecito amministrativo - Giurisprudenza - VIA VAS AIA - Autorizzazione integrata ambientale.

Categoria: 

Autorità: 

TAR LOMBARDIA, Milano - 18 giugno 2019

APPALTI – Prescrizioni escludenti – Onere di autonoma e immediata impugnazione – Partecipazione alla gara – Non è richiesta – Mancata suddivisione in lotti - Omessa motivazione – Violazione dell’art. 51, c. 1 d.lgs. n. 50/2016 – Applicabilità del principio alle concessioni – Requisiti di partecipazione – Fissazione di requisiti ulteriori rispetto a quelli di legge – Discrezionalità della P.A. - Limiti dell’attinenza e della proporzionalità – Fattispecie.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 7^ 30/05/2019, Ordinanza n.

* RIFIUTI - Deposito incontrollato di rifiuti - Configurabilità del reato di cui all'art. 256, c.2, D.L.vo n. 152/2006 - Effetti - RISARCIMENTO DEL DANNO - Risarcimento del danno in favore della parte civile - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Quantificazione della pena ed entità - Dosimetria della pena - Poteri discrezionali del giudice di merito - Erronea applicazione dell'art. 192, comma terzo, cod. proc. pen. - Ricorso per cassazione - Limiti - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 20/05/2019, Sentenza n.22038

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Mediante modifica di destinazione d'uso di immobili - Frazionamento di un complesso immobiliare - Fattispecie: albergo o struttura assimilata per finalità turistico-ricettiva adibita a residenziale - Art. 11, L.R. Emilia-Romagna n.16/2004 - Artt. 30, 44, D.P.R. n. 380/2001 - Giurisprudenza - Reati urbanistici - Case e appartamenti per vacanze ed intento lottizzatorio abusivo - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Pianificazione del territorio - Violazione di legge e della volontà della P.A. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione avverso provvedimenti cautelari reali - Nozione di "violazione di legge" - Artt. 325 e  606 cod. proc. pen.. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 20/05/2019, Sentenza n.22034

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Trasformazione urbanistica ed edilizia di un terreno inedificabile classificato in zona E (agricola) - Confisca - Effetti della prescrizione del reato già maturata - Accertamento della responsabilità dell'imputato - Artt. 30, 44, D.P.R. n. 380/2001. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 13/06/2019, Sentenza n.

* BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Reati urbanistici/paesaggistici - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Estinzione del reato per intervenuta autorizzazione - Limiti - DIRITTO DEMANIALE - Occupazione arbitraria dello spazio demaniale - Art. 44, D.P.R. n. 380/2001 - Art. 181, D.Lgs. n. 42/2004 - Revisione del processo - Sentenza passata in giudicato - Nozione di "prove nuove" - Requisito della novità - Prova dichiarativa - Presupposti e limiti - Revisione della sentenza di condanna - Principio di intangibilità del giudicato e ricorso all'istanza di revisione - Principio devolutivo - Principio di garanzia in dubio pro reo - Declaratoria di inammissibilità della richiesta - Artt. 606, 630 e 631 c.p.p. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 1, 12 giugno 2019 Sentenza C-43/18

AREE PROTETTE – Designazione di una zona speciale di conservazione conformemente alla direttiva 92/43/CEE - VIA VAS AIA - Valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente – Fissazione degli obiettivi di conservazione e di talune misure di prevenzione – Nozione di “piani e programmi” – Obbligo di procedere a una valutazione ambientale - Rinvio pregiudiziale – Zona speciale di conservazione (ZSC) – Direttiva 2001/42/CE. 

Categoria: 

Autorità: 

TRIBUNALE UE Sez. 4^, 08/05/2019 Sentenza n.

APPALTI - Appalti pubblici di lavori – Procedura di gara d’appalto – Centro comune di ricerca (JRC) di Ispra – Lavori di costruzione e di manutenzione di condotte idriche e sottocentrali di teleriscaldamento/raffrescamento – Rigetto dell’offerta di un concorrente – Ricorso di annullamento - Obbligo di motivazione - Artt. 263, 264 e 266 TFUE - Giurisprudenza consolidata - Responsabilità extracontrattuale dell’Unione - Ricorso per risarcimento danni - Presupposti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 1^, 12/06/2019 Sentenza C-321/18

FAUNA E FLORA - VIA - Ambiente – Direttiva VAS - Valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente – Rete Natura 2000 - Fissazione degli obiettivi di conservazione - Direttiva “habitat - Direttiva 92/43/CEE – Direttiva 2001/42/CE - Nozione di “piani e programmi” – Obbligo di procedere a una valutazione ambientale - Rinvio pregiudiziale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 5, 16/05/2019 Sentenza C-689/17

RIFIUTI - Spedizione di rifiuti - Rifiuti a bordo di una nave a seguito di un’avaria - Rifiuti soggetti alla procedura di notifica e autorizzazione preventive scritte - Spedizioni all’interno dell’Unione europea - Esclusione dall’ambito di applicazione - Rifiuti prodotti a bordo di navi - Rinvio pregiudiziale - Ambiente - Articolo 1, paragrafo 3, lettera b) Regolamento (CE) n. 1013/2006. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 6^, 08/05/2019 Sentenza C-305/18

RIFIUTI - Recupero o smaltimento dei rifiuti - Impianti di incenerimento dei rifiuti - VIA - Necessità di procedere ad una “valutazione ambientale” - Istituzione di un sistema integrato di gestione dei rifiuti che garantisca l’autosufficienza nazionale – Realizzazione di impianti di incenerimento o incremento della capacità degli impianti esistenti – Qualifica degli impianti di incenerimento come “infrastrutture e insediamenti strategici di preminente interesse nazionale” – Rispetto del principio della “gerarchia dei rifiuti” –  Direttiva VAS - Direttiva 2001/42/CE – Direttiva 2008/98/CE - Rinvio pregiudiziale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.6^ 11/06/2019, Ordinanza n.

* RIFIUTI - Disciplina della c.d. TIA 1 a quella della c.d. TIA 2 - Prestazioni di servizi - Contratti d'opera, appalto, trasporto, mandato, spedizione,  agenzia, mediazione, deposito - Assoggettabilità ad IVA  - Natura della tariffa non tributaria - Natura privatistica soggetta ad IVA - Giurisdizione dell'autorità giudiziaria ordinaria - Artt. 1, 3, 4, d.P.R. n. 633/1972 - Art. 238 d.lgs n.152/2006 - D.L. n. 78/2010.  

Categoria: 

Autorità: 

TAR LOMBARDIA, Brescia - 13 giugno 2019

* RIFIUTI  - Principio di precauzione – Adozione di provvedimenti appropriati al fine di prevenire i rischi potenziali per la sanità pubblica, per la sicurezza e per l'ambiente- Tutela anticipata – Armonizzazione con il criterio di proporzionalità – Parametro di legittimità dei provvedimenti in materia di VAS, VIA e AIA – Esclusione – Valutazioni dell’amministrazione competente – Principio di precauzione – Applicazione in concreto.

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO, Sez. 3^ - 5 giugno 2019, n. 3780

APPALTI – Accesso civico – Esclusione dell’accesso civico nella materia degli appalti pubblici – Inconfigurabilità – lettura costituzionalmente orientata delle disposizioni vigenti in materia di accesso -  Accesso civico – Perseguimento di procedure di appalto trasparenti - Prevenzione e contrasto della corruzione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 07/06/2019, Sentenza n.

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Prosecuzione dell'attività edilizia vietata - Ultimazione dei lavori - Attività edilizia "c.d. libera" in prosecuzione di un immobile abusivo - Natura permanente dell'illecito urbanistico - Cessazione della permanenza - Artt. 44, 64, 65, 71, 72, 93-95 d.P.R. n. 380/2001 - Reati urbanistici - Concessione edilizia in sanatoria - Effetti - Estinzione del reato e revoca dell'ordine di demolizione - Concessione in sanatoria parziale - Esclusione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 11/06/2019, Sentenza n.

* BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Recinzione in conci di tufo in zona sottoposta a vincolo paesaggistico - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Assenza di autorizzazione paesaggistica e permesso di costruire - Reati urbanistici e paesaggistici - Integrazione - Sospensione della pena subordinata alla demolizione e remissione in pristino - Artt. 31, 36, 44 d.P.R. n.380/2001 - Art. 181 c.1 d.lgs. n.42/2004 - Opere abusive - Richiesta di concessione amministrativa in sanatoria - Diniego della richiesta di sospensione del processo in pendenza dell'istruttoria - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Requisito della specificità dei motivi - Effetti del mancato assolvimento di tale onere - Inammissibilità del ricorso per difetto di specificità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 11/06/2019, Ordinanza n.25731

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - CAVE E MINIERE - Ampliamento di cava in area con sopraggiunto vincolo urbanistico/paesaggistico -  Responsabilità dei soci accomandatari - V.I.A. (Valutazione di impatto ambientale) - Speciale procedura - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Riqualificazione del ricorso per cassazione come appello e limite dell'appellabilità - Artt. 134, 136 lett. D, 146, 167 e 181 del d. Lgs. n.42/04.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 29/05/2019, Sentenza n.23818

RIFIUTI - Illecito trasporto di rifiuti effettuato con il mezzo del coniuge - Confisca obbligatoria del mezzo - Proprietario del mezzo terzo estraneo - Onere di provare la buona fede - Non collegabile ad un comportamento negligente - Artt.  183, 208, 209, 211, 212, 214, 215, 216 ,256, 259 d.lgs n.152/2006 - Attività di gestione dei rifiuti - Assenza di valido titolo abilitativo - Natura di reato istantaneo - Esclusione dell'occasionalità della condotta - Dati significativi - Effetti della sentenza di condanna - Art. 444 cod. proc. pen. - Configurabilità del reato di gestione abusiva di rifiuti - Concreta attività posta in essere in assenza dei prescritti titoli abilitativi - Non occasionalità della condotta - Indicazione di alcuni elementi significativi non esaustivi - Giurisprudenza - Confisca dei mezzi di trasporto appartenenti ad un terzo estraneo al reato - Buona fede - Violazione di obblighi di diligenza - Addebito di negligenza - Terzo proprietario estraneo al reato - Onere della prova. 

Categoria: 

Autorità: 

TRIBUNALE DI TARANTO, 8/02/2019 ILVA TARANTO questione di legittimità costituzionale

TUTELA DELL'AMBIENTE - INQUINAMENTO - TUTELA DELLA SALUTE - SICUREZZA SUL LAVORO - ILVA Taranto questione di legittimità costituzionale - Riunione di procedimenti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.6^ 21/02/2019, Ordinanza n.5049

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Riclassamento di unità immobiliari - Revisione del classamento - Rapporto tra valori medi delle microzone comunali - Rapporto tra il valore di mercato ed il valore catastale nella microzona - Obbligo di motivazione in merito agli elementi - Diverso classamento della singola unità immobiliare. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 06/06/2019, Sentenza n.

* RIFIUTI - Decreto di sequestro probatorio - Indizi non supportati da sufficienti elementi probatori - Qualifica di rifiuti dei beni sequestrati - Necessità - Art. 256 d.lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Decreto di perquisizione e sequestro e decreto di convalida - Limiti - Motivazione - Necessità - Finalità probatorie.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 06/06/2019, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ordine di demolizione delle opere abusive - Istanza di condono o sanatoria - Richiesta di revoca o sospensione - Art. 31 d.P.R. n. 380/2001 - Verifiche e poteri del giudice dell'esecuzione - Reati edilizi e pena concordata ex art. 444 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 06/06/2019, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Realizzazione di un pontile galleggiante a carattere stagionale - Strutture di interesse turistico-ricreativo dedicate alla nautica da diporto - Requisito dei "servizi complementari" - Impianti di ancoraggio con corpi morti e catenarie e collegamento con la terraferma - Disciplina urbanistica applicabile - AREE PROTETTE - Area di riserva marina protetta - Ordinamento e mercato del turismo - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Disciplina paesaggistica e ambientale - DIRITTO DEMANIALE - Concessione demaniale marittima o lacuale, anche provvisoria - D.lgs n. 79/2011 - D.P.R. n. 509/1997 - Art. 44 lett. c) del d.P.R. n. 380/2001 - L. n. 246/2005 - Direttiva 2008/122/CE - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Contro ordinanze emesse in sede di appello contro i provvedimenti di sequestro preventivo - Presupposti e limiti - Artt. 322 bis, 325 e 606 cod.proc.pen. - Giurisprudenza.

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/05/2019, Sentenza n.24149

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere precarie sottratte al permesso di costruire - Destinazione materiale dell'opera ad un uso realmente precario e temporaneo per fini specifici, contingenti e limitati nel tempo - Necessità - Artt. 3, 10, 44 d.P.R. n.380/2001 - Art. 181 d.lgs. n.42/2004 - Nozione di costruzione urbanistica - Incremento del carico urbanistico - Manufatti non precari - Parametri analogicamente applicati ad opere simili - Giurisprudenza amministrativa -  Art. 812 cod. civ - Natura e destinazione dell'opera precaria - Caratteristiche specifiche - Lavori soggetti a permesso di costruire - Poteri, doveri e verifiche del giudice penale - Legittimità del permesso di costruire in sanatoria - Conformità delle opere agli strumenti urbanistici, ai regolamenti edilizi ed alla disciplina legislativa in materia urbanistico-edilizia - Legittimità dell'autorizzazione paesaggistica.

Categoria: 

Autorità: 

TAR FRIULI VENEZIA GIULIA - 5 giugno 2019

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Adozione, da parte del Sindaco, di un procedimento contingibile e urgente in materia ambientale – Competenza della Provincia in materia – Contrasto – Inconfigurabilità – Applicabilità della normativa generale, ove si configurino i presupposti per l’azione delle ordinanze extra ordinem.

Categoria: 

Autorità: 

TAR FRIULI VENEZIA GIULIA - 5 giugno 2019

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Artt. 242, c. 1 e 244, c. 2 d.lgs. n. 152/2006 – Potenziale contaminazione di un sito – Interventi ci caratterizzazione, messi in sicurezza, bonifica e ripristino ambientale – Soggetti passivi – Responsabili dell’inquinamento – Le sole mere misure di precauzione gravano sul proprietario o detentore del sito.

Categoria: 

Autorità: 

TRIBUNALE DI PALERMO, Sezione 3^ penale – 19 febbraio 2019

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Lottizzazione abusiva - Esistenza di un precedente giudicato assolutorio – Principio di autonomia dei giudizi – Progresso edificatorio – Fatto nuovo – Fattispecie – Reato di violazione dei sigilli connesso alla prosecuzione della costruzione abusiva – Computo della prescrizione – Regime probatorio.

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 22/05/2019, Sentenza n.22451

RIFIUTI - Reato di deposito incontrollato di rifiuti non pericolosi - Configurabilità nei confronti di qualsiasi soggetto - Responsabilità - Qualifica formale dell'agente o della natura dell'attività economica - Ininfluenza - Art. 256 d.lgs n.152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Reato continuato - Pena inflitta nella misura minima edittale - Motivazione esplicita - Esclusione - Potere discrezionale del giudice - Art. 132 cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 11/03/2019, Ordinanza n.

* INQUINAMENTO ACUSTICO - Rumori intollerabili provocati dagli impianti di ventilazione/refrigerazione collocati lungo il muro perimetrale dello stabilimento - Cessazione delle immissioni - Adozione di misure idonee a mantene le immissioni rumorose nei limiti della normale tollerabilità - DANNO AMBIENTALE - Risarcimento di tutti i danni subiti - Danni non patrimoniale risarcibile - Liquidazione equitativa - Art. 844 cod. civ. - Art. 2043 cod. civ. - Art. 2059 cod. civ. - Immissioni moleste che non superino i limiti basati dalle norme d'interesse generale - Giudizio in ordine alla situazione concreta di tollerabilità - Valutazione e poteri del giudice - Tutela della qualità della vita e della salute - Contemperamento delle esigenze della produzione con le ragioni della proprietà - DIRITTO SANITARIO - Immissioni sonore o da vibrazioni o scuotimenti atte a turbare il bene della tranquillità nel godimento degli immobili adibiti ad abitazione - Inapplicabilità della legge 26/10/1995. n. 447 - Rapporti cd verticali fra privati e PA - Art. 844 cod. civ. - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Violazioni edilizie e diritto a chiedere la cessazione di rumori provenienti dal fondo altrui che superano la normale tollerabilità.

Categoria: 

Autorità: 

TAR TOSCANA, Sez. 1^ - 27 maggio 2019, n. 789

VIA, VAS E AIA – Progetto sottoposto a VIA – Individuazione delle opere da realizzare – Grado di dettaglio – Fattispecie – Prescrizioni ammissibili nel giudizio di VIA – Art. 25, c. 4 d.lgs. n. 152/2006 – Eventualità ed accessorietà – Analisi complessiva ed approfondita degli elementi incidenti sull’ambiente del progetto unitariamente considerato – Progettazione esecutiva – Variazioni all’opera già esaminata – Alterazione delle caratteristiche – Nuova valutazione di impatto ambientale – Autorizzazione alla costruzione di un’opera – Violazione delle prescrizioni vincolanti dettate in sede di VIA – Effetti -  Mancata compiuta definizione delle opere da realizzare – Parzialità della VIA – Prescrizioni – Contenuto precettivo – Verifica preventiva della concreta realizzabilità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 27/05/2019, Sentenza n.23148

RIFIUTI - Deposito e spandimento rifiuti speciali allo stato liquido - Liquami zootecnici - Deroga alla disciplina sui rifiuti - Presupposti e limiti - AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Attività di fertirrigazione - Elementi idonei ad escludere l'utilizzazione di letame incompatibile - Quantità, qualità, tempi e modalità di distribuzione - Onere della prova - Art. 256 d.lgs n.152/2006 - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 08/05/2019, Sentenza n.

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Direttore dei lavori nominato dal committente - Omessa adozione delle misure antinfortunistiche - Principio dell'effettività delle mansioni - APPALTI - Contratto di appalto - Esecuzione dei lavori - SICUREZZA SUL LAVORO - Sicurezza cantieri - Responsabilità per infortunio sul lavoro - Organizzazione del lavoro e responsabilità dell'evento - Condotte omissive dell'appaltatore, del subappaltatore e del direttore del cantiere - Responsabilità concorsuale, e non alternativa - Posizioni di garanzia - D.lgs. n. 81/2008. 

Categoria: 

Pagine