Giurisprudenza: Giurisprudenza Sentenze per esteso massime | Categoria: Diritto urbanistico - edilizia Numero: 28955 | Data di udienza: 11 Giugno 2013

DIRITTO URBANISTICO – Manufatto abusivo – Esecuzione dell’ordine di demolizione – Condono edilizio – Presentazione di domanda – Presupposti – Ordine di demolizione o di riduzione in pristino – Rilascio del permesso in sanatoria – Effetti – Giudice dell’esecuzione – Poteri – Pendenza di un procedimento davanti al TAR – Verifiche per la sospensione – Giudice amministrativo. 


Provvedimento: Sentenza
Sezione: 3^
Regione:
Città:
Data di pubblicazione: 8 Luglio 2013
Numero: 28955
Data di udienza: 11 Giugno 2013
Presidente: Squassoni
Estensore: Amoresano


Premassima

DIRITTO URBANISTICO – Manufatto abusivo – Esecuzione dell’ordine di demolizione – Condono edilizio – Presentazione di domanda – Presupposti – Ordine di demolizione o di riduzione in pristino – Rilascio del permesso in sanatoria – Effetti – Giudice dell’esecuzione – Poteri – Pendenza di un procedimento davanti al TAR – Verifiche per la sospensione – Giudice amministrativo. 



Massima

 

 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^, 8 Luglio 2013 (Cc. 11/06/2013) n. 28955

DIRITTO URBANISTICO – Manufatto abusivo – Esecuzione dell’ordine di demolizione – Condono edilizio –  Presentazione di domanda – Presupposti.
 
In sede di esecuzione dell’ordine di demolizione del manufatto abusivo, disposto con la sentenza di condanna ai sensi dell’art.7 L.n.47 del 1985, il giudice, al fine di pronunciarsi sulla sospensione dell’esecuzione per avvenuta presentazione di domanda di condono edilizio, deve accertare l’esistenza delle seguenti condizioni: 1) la riferibilità della domanda di condono edilizio all’immobile di cui in sentenza; 2) la proposizione dell’istanza da parte di soggetto legittimato; 3) la procedibilità e proponibilità della domanda, con riferimento alla documentazione richiesta; 4) l’insussistenza di cause di non condonabilità assoluta dell’opera; 5) l’eventuale avvenuta emissione di una concessione in sanatoria tacita per congruità dell’obiezione ed assenza di cause ostative; 6) la attuale pendenza dell’istanza di condono; 7) la non adozione di un provvedimento da parte della P.A. contrastante con l’ordine di demolizione” (Cass. pen. sez.4 n.15210 del 5.3.3008).
 
(conferma ordinanza dell’11.10.2012 del Tribunale di Palermo) Pres. Squassoni, Est. Amoresano, Ric. Benigno
 
 
 
DIRITTO URBANISTICO – Ordine di demolizione o di riduzione in pristino – Rilascio del permesso in sanatoria – Effetti – Giudice dell’esecuzione – Poteri. 
 
L’ordine di demolizione o di riduzione in pristino debba intendersi emesso allo stato degli atti, tanto che anche il giudice dell’esecuzione deve verificare il permanere della compatibilità degli ordini in questione con atti amministrativi. E’ altrettanto indubitabile, però, che neppure il rilascio del permesso in sanatoria determini automaticamente la revoca dell’ordine di demolizione o di riduzione in pristino, dovendo il giudice, comunque, accertare la legittimità sostanziale del titolo sotto il profilo della sua conformità alla legge ed eventualmente disapplicarlo ove siano insussistenti i presupposti per la sua emanazione. A maggior ragione, in caso di mera presentazione di un’istanza di condono o, comunque, di una richiesta di sanatoria, il G.E. deve accertare che, secondo una ragionevole previsione, l’istanza possa essere accolta in tempi brevi.
 
(conferma ordinanza dell’11.10.2012 del Tribunale di Palermo) Pres. Squassoni, Est. Amoresano, Ric. Benigno
 
 
 
DIRITTO URBANISTICO – Ordine di demolizione – Richiesta di permesso in sanatoria – Pendenza di un procedimento davanti al TAR – Verifiche per la sospensione – Giudice amministrativo.
 
La sospensiva da parte del giudice amministrativo del silenzio rigetto sull’istanza di concessione in sanatoria non produce effetti automatici sul potere dovere del giudice penale di disporre ed attuare l’ordine di demolizione, atteso che in tal caso occorre accertare, anche con riferimento alle argomentazioni svolte nel ricorso proposto al giudice amministrativo se il provvedimento cautelare di sospensione sia stato emesso per la sussistenza di vizi formali o sostanziali dell’atto impugnato o se derivi da carenza di motivazione senza incidenza sulla concedibilità o meno della richiesta concessione in sanatoria. Pertanto, la pendenza di un procedimento davanti al TAR o la mera presentazione del ricorso non determina automaticamente la sospensione dell’ordine di demolizione, occorrendo accertare che sussista la ragionevole previsione di un suo accoglimento.
 
(conferma ordinanza dell’11.10.2012 del Tribunale di Palermo) Pres. Squassoni, Est. Amoresano, Ric. Benigno
 

Allegato


Titolo Completo

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^, 8 Luglio 2013 (Cc. 11/06/2013) n. 28955

SENTENZA

 

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
 
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE 
TERZA SEZIONE PENALE
 
Composta da
Dott. Claudia Squassoni          – Presidente
Dott. Silvio Amoresano – Consigliere Rel.
Dott. Luigi Marini – Consigliere
Dott. Gustavo Andreazza – Consigliere
Dott. Alessandro M. Andronio          – Consigliere  
ha pronunciato la seguente
 
SENTENZA
 
sul ricorso proposto da Benigno Angelina nata l’1.2.1962
avverso l’ordinanza dell’11.10.2012 del Tribunale di Palermo
sentita la relazione svolta dal Consigliere Silvio Amoresano
lette le conclusioni del P. G., dr. Gabriele Mazzotta, che ha chiesto il rigetto del ricorso
 
RITENUTO IN FATTO
 
1. Con ordinanza in data 11.10.2012 D Tribunale di Palermo, in composizione monocratica, rigettava la richiesta, proposta nell’interesse di Benigno Angelina, di revoca, previa sospensione, dell’ordine di demolizione, di cui alla sentenza della Corte di Appello di Palermo del 12.5.2011 (che confermava la sentenza del Tribunale di Palermo n.843/2010), irrevocabile l’11.7.2011.
 
Dopo aver richiamato la giurisprudenza di questa Corte, rilevava il Tribunale che la mera presentazione della domanda di sanatoria o la proposizione di ricorso al TAR avverso l’ordine di demolizione emesso dal Comune di Palermo non giustificavano la sospensione dell’ordine di demolizione medesimo, tenuto conto della persistente contrarietà della costruzione agli strumenti urbanistici in vigore.
 
2. Propone ricorso per cassazione Benigno Angelina, a mezzo del difensore, denunciando la inosservanza ed erronea applicazione della legge penale e di altre norme giuridiche ex art.606 lett.b) c.p.p..
 
Il Tribunale non ha tenuto conto che la ricorrente aveva proposto non solo una istanza di sanatoria per i lavori di ristrutturazione eseguiti, ma aveva proposto anche ricorso al TAR avverso l’ordine di demolizione emesso dal Comune di Villabate.
 
Trattandosi di opere sanabili ed essendo prevedibile l’adozione da parte dell’Autorità amministrativa o giurisdizionale di un provvedimento che potrebbe porsi in insanabile contrasto con l’ordine di demolizione di cui alla sentenza irrevocabile, andava disposta la sospensione dello stesso.
 
Risultava, inoltre, dagli atti che la domanda di sanatoria non era stata rigettata per mancanza dei presupposti, ma solo per la mancata redazione ed approvazione di piano particolareggiato. Né era ancora intervenuta la pronuncia in sede giurisdizionale amministrativa.
 
Denuncia altresì la mancanza o manifesta illogicità della motivazione in ordine alla ritenuta non prevedibilità di accoglimento da parte del TAR della domanda.
 
CONSIDERATO IN DIRITTO
 
1. Il ricorso è infondato e va, pertanto, rigettato.
 
2. Non c’è dubbio che l’ordine di demolizione o di riduzione in pristino debba intendersi emesso allo stato degli atti, tanto che anche il giudice dell’esecuzione deve verificare il permanere della compatibilità degli ordini in questione con atti amministrativi. E’ altrettanto indubitabile, però, che neppure il rilascio del permesso in sanatoria determini automaticamente la revoca dell’ordine di demolizione o di riduzione in pristino, dovendo il giudice, comunque, accertare la legittimità sostanziale del titolo sotto il profilo della sua conformità alla legge ed eventualmente disapplicarlo ove siano insussistenti i presupposti per la sua emanazione (cfr.ex multis Cass.pen.sez.3 n144 del 30.1.2003 -P.M.c/o Ciavarella).
 
A maggior ragione, in caso di mera presentazione di un’istanza di condono o, comunque, di una richiesta di sanatoria, il G.E. deve accertare che, secondo una ragionevole previsione, l’Istanza possa essere accolta in tempi brevi.
 
Come più volte ribadito, “in materia edilizia, in sede di esecuzione dell’ordine di demolizione del manufatto abusivo, disposto con la sentenza di condanna ai sensi dell’art.7 L.n.47 del 1985, il giudice, al fine di pronunciarsi sulla sospensione della esecuzione per avvenuta presentazione di domanda di condono edilizio, deve accertare l’esistenza delle seguenti condizioni: 1) la riferibilità della domanda di condono edilizio all’immobile di cui in sentenza; 2) la proposizione dell’istanza da parte di soggetto legittimato; 3) la procedibilità e proponibilità della domanda, con riferimento alla documentazione richiesta; 4) l’insussistenza di cause di non condonabilità assoluta dell’opera; 5) l’eventuale avvenuta emissione di una concessione in sanatoria tacita per congruità dell’obiezione ed assenza di cause ostative; 6) la attuale pendenza dell’istanza di condono; 7) la non adozione di un provvedimento da parte della P.A. contrastante con l’ordine di demolizione” (cfr.ex multis Cass.pen.sez.4 n.15210 del 5.3.3008).
 
Per quanto riguarda più specificamente la pendenza di procedimento davanti al TAR la mera presentazione del ricorso non determina automaticamente la sospensione dell’ordine di demolizione, occorrendo accertare che sussista la ragionevole previsione di un suo accoglimento (cfr.Cass.sez.3 n.43878 del 30.9.2004; conf.Cass.sez.3 n.42978 del 17.10.2007; cass.sez.3 n.16686 del 5.3.2009).
 
Anche la sospensiva da parte del giudice amministrativo “del silenzio rigetto sull’istanza di concessione in sanatoria non produce effetti automatici sul potere dovere del giudice penale di disporre ed attuare l’ordine di demolizione, atteso che in tal caso occorre accertare, anche con riferimento alle argomentazioni svolte nel ricorso proposto al giudice amministrativo se il provvedimento cautelare di sospensione sia stato emesso per la sussistenza di vizi formali o sostanziali dell’atto impugnato o se derivi da carenza di motivazione senza incidenza sulla concedibilità o meno della richiesta concessione in sanatoria” (Cass.sez.3, 1.12.2000 n.3531).
 
3. Il Tribunale ha evidenziato non solo che, allo stato, non vi era alcun provvedimento dell’Autorità amministrativa inconciliabile con l’ordine di demolizione, ma che, anzi, la domanda di sanatoria presentata dalla ricorrente aveva avuto il parere sfavorevole della commissione edilizia e che l’istanza di sospensione dinanzi al TAR non poteva ragionevolmente trovare accoglimento stante la persistente contrarietà dell’opera agli strumenti urbanistici.
 
La ricorrente ripropone questioni di merito in ordine alle caratteristiche ed alla natura delle opere realizzate (irrilevanti perché coperte dal giudicato) oppure, in modo apodittico, assume che la domanda di sanatoria potrà trovare accoglimento.
 
Peraltro la stessa ricorrente assume che la domanda é stata rigettata “per mancanza di approvazione del piano particolareggiato del centro storico” (pag. 8 ricorso), riconoscendo quindi implicitamente che, allo stato, le opere non sono compatibili con gli strumenti urbanistici vigenti.
 
P. Q. M.
 
Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali. 
 
Così deciso in Roma 1’11.6.2013
 

Iscriviti alla Newsletter GRATUITA

Ricevi gratuitamente la News Letter con le novità di AmbienteDiritto.it e QuotidianoLegale.

ISCRIVITI SUBITO


Iscirizione/cancellazione

Grazie, per esserti iscritto alla newsletter!