Giurisprudenza: Giurisprudenza Sentenze per esteso massime | Categoria: Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia Numero: 41000 | Data di udienza: 3 Ottobre 2012

* DIRITTO URBANISTICO – Reati edilizi – Ultimazione dell’immobile abusivo – Irrilevanza dell’utilizzazione – Attivazione di utenze – Ininfluenza – Reato urbanistico – Natura di reato permanente – Cessazione – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Giudice dell’esecuzione – Concedibilità dell’indulto – Esclusione – Potere del giudice della cognizione.


Provvedimento: Sentenza
Sezione: 3^
Regione:
Città:
Data di pubblicazione: 18 Ottobre 2012
Numero: 41000
Data di udienza: 3 Ottobre 2012
Presidente: Gentile
Estensore: Ramacci


Premassima

* DIRITTO URBANISTICO – Reati edilizi – Ultimazione dell’immobile abusivo – Irrilevanza dell’utilizzazione – Attivazione di utenze – Ininfluenza – Reato urbanistico – Natura di reato permanente – Cessazione – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Giudice dell’esecuzione – Concedibilità dell’indulto – Esclusione – Potere del giudice della cognizione.



Massima

 

 
CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^, 18 Ottobre 2012 (Ud. 3/10/2012) Sentenza n. 41000

DIRITTO URBANISTICO – Reati edilizi – Ultimazione dell’immobile abusivo – Irrilevanza dell’utilizzazione – Attivazione di utenze – Ininfluenza.
 
In materia di reati edilizi, la materiale utilizzazione di un immobile e l’eventuale attivazione di utenze non sono elementi da soli sufficienti per dimostrare la sua concreta ed effettiva funzionalità e la presenza di tutti i requisiti di agibilità o abitabilità che consentano di ritenerlo ultimato (Cass. Sez. III n.39733, 3/11/2011; Cass. Sez. III n. 40033, 4/11/2011).
 
(conferma ordinanza n. 1/2011 TRIB. SEZ. DIST. di CANICATTI’, del 21/06/2011) Pres. Gentile, Est. Ramacci, Ric. Costantino
 
 
DIRITTO URBANISTICO – Reato urbanistico – Natura di reato permanente – Cessazione.
 
Il reato urbanistico ha natura di reato permanente, la cui consumazione ha inizio con l’avvio dei lavori di costruzione e perdura fino alla cessazione dell’attività edificatoria abusiva (Cass. SS. UU. n. 17178, 8/5/2002). La cessazione dell’attività si ha con l’ultimazione dei lavori per completamento dell’opera, con la sospensione dei lavori volontaria o imposta (ad esempio mediante sequestro penale), con la sentenza di primo grado, se i lavori continuano dopo l’accertamento del reato e sino alla data del giudizio (Cass. Sez. III n. 38136, 24/10/2001), mentre l’ultimazione delle opere coincide con la conclusione dei lavori di rifinitura interni ed esterni, quali gli intonaci e gli infissi (Cass. Sez. III n.32969, 7/9/2005). Inoltre, le opere devono essere, valutate nel loro complesso, non potendosi, in base al concetto unitario di costruzione, considerare separatamente i singoli componenti (Cass. Sez. III 4048, 29/1/2003; Cass. Sez. III n. 34876, 9/9/2009) e tali caratteristiche riguardano anche le parti che costituiscono annessi dell’abitazione (Cass. Sez. III n. 8172, 2/3/2010).

(conferma ordinanza n. 1/2011 TRIB. SEZ. DIST. di CANICATTI’, del 21/06/2011) Pres. Gentile, Est. Ramacci, Ric. Costantino
 
 
DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Giudice dell’esecuzione – Concedibilità dell’indulto – Esclusione – Potere del giudice della cognizione.
 
Ai fini della concedibilità dell’indulto, non è consentito al giudice dell’esecuzione di modificare il giudicato, il quale comprende anche la data del commesso reato, così come contestata e ritenuta in sentenza, né, tanto meno, gli è consentita la valutazione di elementi di prova, poiché tale potere è di pertinenza esclusiva del giudice della cognizione (Cass. Sez. I n.3563, 10/11/1992).
 
(conferma ordinanza n. 1/2011 TRIB. SEZ. DIST. di CANICATTI’, del 21/06/2011) Pres. Gentile, Est. Ramacci, Ric. Costantino
 


Allegato


Titolo Completo

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^, 18 Ottobre 2012 (Ud. 3/10/2012) Sentenza n. 41000

SENTENZA

 

 
 
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
 
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
TERZA SEZIONE PENALE
 
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
 
Dott. MARIO GENTILE           – Presidente
Dott. RENATO GRILLO           – Consigliere
Dott. GIOVANNI AMOROSO – Consigliere
Dott. LORENZO ORMA – Consigliere
Dott. LUCA RAMACCI – Consigliere Rel.
 
ha pronunciato la seguente
 
SENTENZA
 
sul ricorso proposto da COSTANTINO MELCHIORRA N. IL 23/01/1965
avverso l’ordinanza n. 1/2011 TRIB.SEZ.DIST. di CANICATTI’, del 21/06/2011
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. LUCA RAMACCI; 
lette le conclusioni del PG Dott. G. MAZZOTTA rigetto del ricorso
 
RITENUTO IN FATTO
 
1. Il Tribunale di Agrigento – Sezione Distaccata di Canicattì, quale giudice dell’esecuzione, con ordinanza del 21.6.2011 ha revocato il beneficio della sospensione condizionale della pena concesso a Melchiorra COSTANTINO con sentenza in data 11.10.2007, irrevocabile il 7.5.2010, negando alla stessa l’applicazione dell’indulto per essere stati i reati a lei scritti consumati dopo il 2 maggio 2006, data ultima per l’applicazione dell’istituto come disciplinato dalla legge n.241\2006.
 
Avverso tale pronuncia la predetta propone ricorso per cassazione deducendo la violazione di legge.
 
2. Osserva, a tale proposito, con un unico motivo di ricorso, che le opere ritenute abusive erano state ultimate in data utile per l’applicazione dell’indulto e che il giudice aveva fondato la propria decisione esclusivamente sui contenuti della sentenza, non ammettendo la produzione di documenti considerati dimostrativi dell’ultimazione degli interventi edilizi in data antecedente a quella ritenuta in sentenza.
 
Aggiunge che, in ogni caso, risultava dalla sentenza di condanna che la consumazione in corso del reato alla data dell’accertamento era stata ricavata dall’assenza di rifiniture in uno dei servizi e, segnatamente, nella mancanza della sola piastrellatura, ponendo in dubbio che tale circostanza fosse idonea a far ritenere ancora in corso di esecuzione l’intervento edilizio.
 
Insiste, pertanto, per l’accoglimento del ricorso.
 
CONSIDERATO IN DIRITTO
 
3. Il ricorso è infondato.
 
Va preliminarmente osservato che, del tutto correttamente, il giudice dell’esecuzione ha escluso la possibilità di riesaminare i fatti oggetto di giudicato in contrasto con quanto stabilito in sentenza.
 
Tale scelta interpretativa trova infatti esplicita conferma nella giurisprudenza di questa Corte, la quale ha già avuto modo di affermare, in epoca non recente, che, ai fini della concedibilità dell’indulto, non è consentito al giudice dell’esecuzione di modificare il giudicato, il quale comprende anche la data del 
commesso reato, così come contestata e ritenuta in sentenza, né, tanto meno, gli è consentita la valutazione di elementi di prova, poiché tale potere è di pertinenza esclusiva del giudice della cognizione (Sez. I n.3563, 10 novembre 1992).
 
4. Tale principio, pienamente condiviso dal Collegio, deve essere ribadito, essendo del tutto evidente che l’attività del giudice dell’esecuzione non possa travalicare i limiti della mera riconsiderazione interpretativa dei dati acquisiti nel giudizio di cognizione.
 
5. Data tale necessaria premessa, deve rilevarsi che, nella fattispecie, il giudice del merito non ha travalicato detti limiti, richiamando del tutto adeguatamente il contenuto della sentenza di condanna nella parte in cui si evidenzia che, alla data del sopralluogo della polizia municipale, in data 8 giugno 2006, uno dei vani, adibiti a bagno, era ancora in fase di realizzazione e l’immobile non era, quindi, completamente rifinito.
 
6. Resta da aggiungere che il provvedimento impugnato risulta immune di censure anche laddove ricorda la natura permanente degli illeciti edilizi.
 
Il reato urbanistico ha infatti natura di reato permanente, la cui consumazione ha inizio con l’avvio dei lavori di costruzione e perdura fino alla cessazione dell’attività edificatoria abusiva (v. SS. UU. n. 17178, 8 maggio 2002).
 
La cessazione dell’attività si ha con l’ultimazione dei lavori per completamento dell’opera, con la sospensione dei lavori volontaria o imposta (ad esempio mediante sequestro penale), con la sentenza di primo grado, se i lavori continuano dopo l’accertamento del reato e sino alla data del giudizio (ex pl. Sez. III n. 38136, 24 ottobre 2001), mentre l’ultimazione delle opere coincide con la conclusione dei lavori di rifinitura interni ed esterni, quali gli intonaci e gli infissi (Sez. III n.32969, 7 settembre 2005 ed altre prec. conf. nella stessa richiamate).
 
Le opere devono essere, inoltre, valutate nel loro complesso, non potendosi, in base al concetto unitario di costruzione, considerare separatamente i singoli
componenti (Sez. III 4048, 29 gennaio 2003; Sez. III n. 34876, 9 settembre 2009) e tali caratteristiche riguardano anche le parti che costituiscono annessi dell’abitazione (Sez. III n. 8172, 2 marzo 2010).
 
Infine, la materiale utilizzazione di un immobile e l’eventuale attivazione di utenze non sono elementi da soli sufficienti per dimostrare la sua concreta ed effettiva funzionalità e la presenza di tutti i requisiti di agibilità o abitabilità che consentano di ritenerlo ultimato (Sez. III n.39733, 3 novembre 2011; Sez. III n. 40033, 4 novembre 2011).
 
 
7. Il ricorso deve pertanto essere rigettato, con le consequenziali statuizioni indicate in dispositivo.
 
P.Q.M.
 
Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del procedimento.
 
Così deciso il 3.10.2012
 

Iscriviti alla Newsletter GRATUITA

Ricevi gratuitamente la News Letter con le novità di AmbienteDiritto.it e QuotidianoLegale.

ISCRIVITI SUBITO


Iscirizione/cancellazione

Grazie, per esserti iscritto alla newsletter!