DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Mutamento di destinazione d’uso edilizio giuridicamente rilevante – Differenza tra uso fattone in concreto con quello impresso dal titolo abilitativo – Sostanziali equivalenze dei carichi urbanistici nell’ambito della medesima categoria – Categorie funzionalmente autonome urbanisticamente – Costruzione in zona sismica – Rischio di verificazione dell’evento – Violazione della disciplina antisismica e sequestro preventivo – Regola tecnica di edificazione e accertamenti tecnici – Opere costruite abusivamente – Sequestro preventivo (ipotesi in cui l’edificazione sia ultimata) – Pericolo della libera disponibilità della cosa – Requisiti della concretezza, dell’attualità e del pericolo – Obbligo di motivazione del giudice – Opere abusive e aggravio del carico urbanistico – Esigenze cautelari (sequestro) – Verifica della consistenza reale ed intensità del pregiudizio – Accertamento del giudice – Obbligo di motivazione – Artt. 23ter, 44 lett. c), 64-71, 65-72, 83,93,94 e 95 d.P.R. 380/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Misure cautelari – I principi di proporzionalità, adeguatezza e gradualità sono applicabili anche al sequestro preventivo – Diritto di proprietà e di libera iniziativa economica privata – Limitazione dei diritti garantiti – Art. 52 della Carta dei diritti fondamentali dell’U.E. – Art. 275 cod. proc. pen..

Per leggere il contenuto completo di questo articolo devi ACCEDERE AL SITO o REGISTRARE UN ACCOUNT. Consulta la pagina Abbonamenti per maggiori dettagli.

Iscriviti alla Newsletter GRATUITA

Ricevi gratuitamente la News Letter con le novità di AmbienteDiritto.it e QuotidianoLegale.

ISCRIVITI SUBITO


Iscirizione/cancellazione

Grazie, per esserti iscritto alla newsletter!