Giurisprudenza: Giurisprudenza Sentenze per esteso massime | Categoria: Diritto processuale penale, Diritto urbanistico - edilizia Numero: 29084 | Data di udienza: 6 Marzo 2019

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Violazioni urbanistiche – Reati edilizi – Convalida del sequestro preventivo – Promissario acquirente dell’immobile già in possesso – Artt. 44 lett. B), 81, 93 e 95 del d.P.R. n.380/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Poteri del P.M. – Impugnazione riqualificata – Art. 322 bis cod. proc. pen. – Autonomo rimedio giurisdizionale – Giurisprudenza. 


Provvedimento: Ordinanza
Sezione: 3^
Regione:
Città:
Data di pubblicazione: 3 Luglio 2019
Numero: 29084
Data di udienza: 6 Marzo 2019
Presidente: LAPALORCIA
Estensore: ZUNICA


Premassima

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Violazioni urbanistiche – Reati edilizi – Convalida del sequestro preventivo – Promissario acquirente dell’immobile già in possesso – Artt. 44 lett. B), 81, 93 e 95 del d.P.R. n.380/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Poteri del P.M. – Impugnazione riqualificata – Art. 322 bis cod. proc. pen. – Autonomo rimedio giurisdizionale – Giurisprudenza. 



Massima

 

 

 
CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/07/2019 (Ud. 06/03/2019), Ordinanza n.29084
 
 
DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Violazioni urbanistiche – Reati edilizi – Convalida del sequestro preventivo – Promissario acquirente dell’immobile già in possesso – Art. 44 lett. B), 81, 93 e 95 del d.P.R. n.380/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Poteri del P.M. – Impugnazione riqualificata – Art. 322 bis cod. proc. pen. – Autonomo rimedio giurisdizionale – Giurisprudenza.
 
In materia di sequestro, con riferimento ai reati edilizi di cui agli articoli 44 lett. B), 81, 93 e 95 del d.P.R. n.380/2001, l’impugnazione, riqualificata, presentata dal Pubblico Ministero come appello cautelare ex art. 322 bis cod. proc. pen., è demandata al Tribunale del Riesame competente la verifica sulla legittimità del provvedimento impugnato, che, a prescindere da ogni approfondimento di merito, non può essere ritenuto abnorme, essendo previsto per esso un autonomo rimedio giurisdizionale. 
 
(Qualificata l’impugnazione come appello ex art. 322 bis cod. proc. pen. provvedimento del 15/11/2018 del G.I.P. – TRIBUNALE DI GELA) Pres. LAPALORCIA, Rel. ZUNICA, Ric. P.R. nei confr. Lauria 

Allegato


Titolo Completo

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/07/2019 (Ud. 06/03/2019), Ordinanza n.29084

SENTENZA

 

 

 
CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/07/2019 (Ud. 06/03/2019), Ordinanza n.29084
 
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
 
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE TERZA PENALE
 
composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
 
omissis 
  
ha pronunciato la seguente
 
ORDINANZA
 
sul ricorso proposto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Gela, nel procedimento a carico di
Lauria Domenico;
 
avverso il provvedimento del 15-11-2018 del G.I.P. presso il Tribunale di Gela;
 
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
 
udita la relazione svolta dal consigliere Fabio Zunica;
 
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale dott. Luigi Cuomo, che ha concluso per l’annullamento senza rinvio del provvedimento impugnato.

RITENUTO IN FATTO
 
1. Il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Gela ha proposto ricorso per cassazione avverso il provvedimento del 15 novembre 2018, con cui il G.I.P. presso il Tribunale di Gela disponeva "non doversi provvedere" sulla richiesta di convalida del sequestro preventivo urgente e di emissione del decreto di sequestro preventivo, avanzata nell’ambito del procedimento penale a carico di Domenico Lauria, indagato in ordine ai reati di cui agli art. 44 lett. B) del d.P.R. 380/2001, nonché 81, 93 e 95 del d.P.R. 380/2001, accertati in Gela il 7 novembre 2018 e contestati a Lauria nella veste di promissario acquirente di un immobile di cui era già in possesso, sito in Gela in via Parioli n. 19. 
 
2. Con l’unico motivo di ricorso, il Procuratore ricorrente deduce l’abnormità del provvedimento impugnato, osservando che, con il suo rifiuto di provvedere, il G.I.P. aveva dato luogo a una stasi processuale, di fatto bloccando la vicenda cautelare partita con il sequestro preventivo urgente operato dalla P.G. 
 
Il provvedimento del G.I.P. doveva essere ritenuto quindi del tutto illegittimo, posto che la qualificazione giuridica della natura del sequestro spetta a chi pone la richiesta, mentre il G.I.P. deve solo valutarne la fondatezza. 
 
Pertanto, mancando nel caso di specie un provvedimento suscettibile di essere impugnato dal Pubblico Ministero, si sarebbe in presenza di un atto abnorme.
 
CONSIDERATO IN DIRITTO
 
L’impugnazione del Pubblico Ministero deve essere qualificata come appello cautelare ai sensi dell’art. 322 bis cod. proc. pen., con conseguente trasmissione degli atti al Tribunale di Caltanissetta, Sezione Riesame, per il giudizio.
 
Ed invero, pur nella sua irrituale formulazione ("visto, non doversi provvedere sulla convalida") e nella sua scarsa chiarezza argomentativa, il provvedimento impugnato deve essere inteso come un rigetto della richiesta del P.M. volta alla convalida del sequestro preventivo operato dalla Polizia Giudiziaria, per cui il rimedio esperibile nel caso di specie risulta essere l’appello cautelare previsto dall’art. 322 bis cod. proc. pen., che si riferisce testualmente alle "ordinanze in materia di sequestro preventivo", senza alcuna specificazione del contenuto. 
 
Deve ritenersi pertanto demandata al Tribunale del Riesame competente, ovvero quello di Caltanissetta, la verifica sulla legittimità del provvedimento impugnato, che, a prescindere da ogni approfondimento di merito, non può essere ritenuto abnorme, essendo previsto per esso un autonomo rimedio giurisdizionale. 
 
Ne consegue che, qualificata l’impugnazione presentata dal Pubblico Ministero come appello cautelare ex art. 322 bis cod. proc. pen., gli atti devono essere trasmessi al Tribunale del Riesame di Caltanissetta per il relativo giudizio.
 
P.Q.M.
 
Qualificata l’impugnazione come appello ex art. 322 bis cod. proc. pen., dispone trasmettersi gli atti al Tribunale di Caltanissetta per il giudizio.
 
Così deciso il 06/03/2019

Iscriviti alla Newsletter GRATUITA

Ricevi gratuitamente la News Letter con le novità di AmbienteDiritto.it e QuotidianoLegale.

ISCRIVITI SUBITO


Iscirizione/cancellazione

Grazie, per esserti iscritto alla newsletter!