Giurisprudenza: Giurisprudenza Sentenze per esteso massime | Categoria: Diritto urbanistico - edilizia Numero: 36843 | Data di udienza: 6 Luglio 2011

* DIRITTO URBANISTICO – Manufatto abusivo – Presentazione della istanza di condono – Valutazione dell’incidenza della richiesta di condono sull’ordinanza di demolizione – Inottemperanza all’ordine di demolizione emesso dall’autorità comunale – Acquisizione al patrimonio comunale – Procedura – Art.31 c.3 DPR n.380/01.


Provvedimento: Sentenza
Sezione: 3^
Regione:
Città:
Data di pubblicazione: 12 Ottobre 2011
Numero: 36843
Data di udienza: 6 Luglio 2011
Presidente: Ferrua
Estensore: Amoresano


Premassima

* DIRITTO URBANISTICO – Manufatto abusivo – Presentazione della istanza di condono – Valutazione dell’incidenza della richiesta di condono sull’ordinanza di demolizione – Inottemperanza all’ordine di demolizione emesso dall’autorità comunale – Acquisizione al patrimonio comunale – Procedura – Art.31 c.3 DPR n.380/01.



Massima

 

 

 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^, 12 Ottobre 2011 (Cc. 06/07/2011) Sentenza n. 36843
 
 
DIRITTO URBANISTICO – Manufatto abusivo – Presentazione della istanza di condono – Valutazione dell’incidenza della richiesta di condono sull’ordinanza di demolizione – Art.31 c.3 DPR n. 380/01.
 
In tema di esecuzione dell’ordine di demolizione di un manufatto abusivo, anche nel caso in cui sia intervenuta sospensione – da parte dell’autorità giudiziaria amministrativa – dell’ordinanza sindacale di demolizione del manufatto, il giudice deve verificare la compatibilità dell’ordine di demolizione con la predetta sospensione in base ad una disamina della motivazione posta a sostegno del provvedimento cautelare: solo l’intervenuta sospensiva concessa con riferimento al “fumus boni iuris” di possibili vizi relativi a violazioni sostanziali della normativa urbanistica, non riparabili in sede di autotutela dall’autorità amministrativa, è da ritenersi influente. Mentre se il provvedimento cautelare trova la sua giustificazione in vizi meramente formali, esso non è incompatibile con l’ordine di demolizione. Pertanto, va valutata l’incidenza della richiesta di condono sull’ordinanza di demolizione e se, quindi, la mera presentazione della istanza sia idonea a paralizzare l’ordinanza medesima e, conseguentemente, ad impedire l’effetto traslativo di cui all’art.31 comma 3 D.P.R. n.380/01. Rimane pacifico, però, che occorra la previa verifica da parte del giudice della sussistenza dei requisiti astrattamente previsti dalla legge per l’applicabilità dei condono (Cass. sez.3 n.32218 del 7.62007; Cass. sez.3 n.3350 del 29.1.2004; Cass. sez.3 n.35084 del 26.8.20043).
 
(conferma ordinanza del 21.7.2010 del GIP del Tribunale di Torre Annunziata) Pres. Ferrua, Est. Amoresano, Ric. De Riso ed altro
 
 
 
DIRITTO URBANISTICO – Manufatto abusivo – Inottemperanza all’ordine di demolizione emesso dall’autorità comunale – Acquisizione al patrimonio comunale – Procedura – Art.31 c.3 DPR n.380/01. 
 
In materia edilizia, l’acquisizione al patrimonio comunale del manufatto abusivo, conseguente all’inottemperanza all’ordine di demolizione emesso dall’autorità comunale, si verifica “ope legis” all’inutile scadenza del termine fissato per l’ottemperanza, mentre la notifica all’interessato dell’accertamento formale dell’inottemperanza è unicamente titolo necessario per l’immissione in possesso dell’ente e per la trascrizione nei registri immobiliari dell’atto di acquisizione” (Cass. pen. sez.3 n.1819 del 21.10.2008, conf. Cass. sez.3 n.2912 del 17.11.2009; Cass. sez.3 n.22237 del 22.4.2010; Cass. sez.3 n.8082 del 2.3.2011). Ne consegue che il manufatto abusivo dissequestrato dopo che il responsabile non abbia ottemperato all’ingiunzione comunale di demolizione dello stesso, va restituito non già al privato responsabile, quand’anche egli sia ancora in possesso del bene, bensì allo stesso ente comunale ormai divenutone proprietario a tutti gli effetti a seguito dell’inutile decorso del termine di legge di cui all’art.31 del D.L.gs.n.380 del 2001 (Cass. pen., sez.3 n.4962 del 28.112007; Cass. pen. sez.3 n.48031 del 15.10.2008).
 
(conferma ordinanza del 21.7.2010 del GIP del Tribunale di Torre Annunziata) Pres. Ferrua, Est. Amoresano, Ric. De Riso ed altro

 


Allegato


Titolo Completo

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^, 12 Ottobre 2011 (Cc. 06/07/2011) Sentenza n. 36843

SENTENZA

 

 

 
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
 
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
TERZA SEZIONE PENALE
 
Composta dagli ill.mi Sigg.:
 
Dott. Giuliana Ferrua           – Presidente
Dott. Claudia Squassoni   – Consigliere
Dott. Renato Grillo           – Consigliere
Dott. Silvio Amoresano   – Consigliere
Dott. Giulio Sarno           – Consigliere
 
ha pronunciato la seguente
 
SENTENZA
 
– sul ricorso proposto da:
1) De Riso Maria nata il 22.3.1972
2) Parmentola Aniello nato il 23.91963
– avverso l’ordinanza del 21.7.2010 del GIP del Tribunale di Torre Annunziata
– sentita la relazione fatta dal Consigliere Silvio Amoresano
– lette le conclusioni del P.G., dr. Gabriele Mazzotta, che ha chiesto rigettarsi il ricorso
 
OSSERVA
 
1) Con ordinanza in data 21.7.2010 il G.E. del Tribunale di Torre Annunziata rigettava l’incidente di esecuzione, proposto da De Riso Maria e Parmentola Aniello, avverso il decreto di archiviazione emesso in data 3.6.2009, nella parte in cui si disponeva la restituzione del manufatto sottoposto a sequestro il 24.7.2004 nonché dell’area di sedime, al Comune di Santa Maria La Carità.
 
Riteneva il G.E. che il TAR avesse dichiarato improcedibile (per carenza di interesse a seguito di presentazione di istanza di condono) il ricorso proposto avverso l’ordinanza di demolizione, per cui non vi era stata alcuna sospensione del provvedimento di demolizione, che aveva quindi prodotto i suoi effetti (ivi compreso quello dell’acquisizione gratuita ed automatica del manufatto al patrimonio disponibile del Comune, che pertanto era l’unico avente diritto alla restituzione).
 
Né tale effetto poteva essere paralizzato dalla presentazione di istanza di condono ex L.326/03, sia perché l’opera non era condonabile (perché in contrasto con i preesistenti vincoli urbanistici e paesaggistici gravanti sull’area), sia perché non si era provveduto ad integrare la documentazione nonostante espressa richiesta.
 
2) Propongono ricorso per cassazione Parmentola Aniello e De Risà Maria, a mezzo del difensore, denunciando con il primo motivo la violazione di legge ed il vizio di motivazione. 
 
L’interpretazione data dal G.E. alla sentenza dei TAR è abnorme, avendo i Giudici amministrativi dichiarata, improcedibile la richiesta di sospensione dell’ordinanza di demolizione, stante l’inefficacia della stessa a seguito della presentazione dell’istanza di condono.
 
Con il secondo motivo denunciano la violazione di legge ed il vizio di motivazione in relazione all’erroneo presupposto dell’assoggettamento del Comune di Santa Maria Lai Carità al vincolo paesaggistico ed alla conseguente non condonabilità dell’opera. Tale Comune infatti non rientra tra quelli contemplati nel D.M. 28.3.1985.
 
Quanto ai presunti inadempimenti documentali, tali oneri sono stati osservati, altrimenti il Comune avrebbe giudicato la domanda di condono del tutto irricevibile. In attesa quindi della definizione amministrativa, l’ordine di demolizione rimaneva privo di efficacia. Con il terzo motivo denuncia infine la violazione e/o omessa applicazione dell’art.263 c.p.p., non potendo la restituzione essere ordinata a favore di altri senza che il terzo sia sentito in camera di consiglio con le forme previste dall’art.127 c.p.p..
 
3) Il ricorso é infondato.
 
3.1) Quanto alla denunciata violazione dell’art.263 c.p.p. per la mancata partecipazione al procedimento di esecuzione del Comune di Santa Maria la Carità, rileva il Collegio che la norma richiamata trova applicazione quando le cose sono sequestrate presso un terzo; in tal caso la restituzione non può essere ordinata a favore di altri senza che il terzo sia sentito in camera di consiglio. Nel caso di specie il sequestro non era avvenuto presso un terzo, né vi erano controversia o dubbi sull’appartenenza del bene. L’immobile, infatti, risultava trasferito di diritto al patrimonio del Comune, essendo decorsi novanta giorni dalla emissione dell’ordinanza di demolizione. A norma dell’art.31 comma 3 DPR 380/01 “Se il responsabile dell’abuso non provvede alla demolizione e al ripristino dello stato dei luoghi nel termine di novanta giorni dall’ingiunzione, il bene e l’area di redime, nonché quella necessaria, secondo le vigenti prescrizioni urbanistiche, alla realizzazione di opere analoghe a quelle abusive sono acquisiti di diritto gratuitamente al patrimonio del Comune”.
 
Dopo qualche decisione difforme la giurisprudenza di questa Corte è, ormai, da alcuni anni, assolutamente consolidata nel ritenere che “In materia edilizia, l’acquisizione al patrimonio comunale del manufatto abusivo, conseguente all’inottemperanza all’ordine di demolizione emesso dall’autorità comunale, si verifica “ope legis” all’inutile scadenza del termine fissato per l’ottemperanza, mentre la notifica all’interessato dell’accertamento formale dell’inottemperanza è unicamente titolo necessario per l’immissione in possesso dell’ente e per la trascrizione nei registri immobiliari dell’atto di acquisizione” (cfr.ex multis Cass.pen.sez.3 n.1819 del 21.10.2008, conf.Cass.sez.3 n.2912 del 17.11.2009; Cass.sez.3 n.22237 del 22.4.2010; Cass.sez.3 n.8082 del 2.3.2011). Ne consegue che “il manufatto abusivo dissequestrato dopo che il responsabile non abbia ottemperato all’ingiunzione comunale di demolizione dello stesso, va restituito non già al privato responsabile, quand’anche egli sia ancora in possesso del bene, bensì allo stesso ente comunale ormai divenutone proprietario a tutti gli effetti a seguito dell’inutile decorso del termine di legge di cui all’art.31 del D.L.gs.n.380 del 2001” (Cass.pen., sez.3 n.4962 del 28.112007; Cass.pen.sez.3 n.48031 del 15.10.2008).
 
3.2) Relativamente all’impugnazione dell’órdinanza di demolizione, dalla sentenza del TAR Campania del 30.6.2005, riportata nel ricorso, risulta che non vi è stata alcuna pronuncia “diretta” sull’ordinanza medesima. Il TAR, infatti, ha dichiarato improcedibile il ricorso, avendo l’interessato, successivamente al deposito del ricorso giurisdizionale avverso un provvedimento repressivo in materia edilizia, presentato domanda di condono.
 
E’, peraltro, pacifico che, in tema di esecuzione dell’ordine di demolizione di un manufatto abusivo, anche nel caso in cui sia intervenuta sospensione – da parte dell’autorità giudiziaria amministrativa- dell’ordinanza sindacale di demolizione del manufatto, il giudice deve verificare la compatibilità dell’ordine di demolizione con la predetta sospensione in base ad una disamina della motivazione posta a sostegno del provvedimento cautelare: solo l’intervenuta sospensiva concessa con riferimento al “fumus boni iuris” di possibili vizi relativi a violazioni sostanziali della normativa urbanistica, non riparabili in sede di autotutela dall’autorità amministrativa, è da ritenersi influente; mentre se il provvedimento cautelare trova la sua giustificazione in vizi meramente formali, esso non è incompatibile con l’ordine di demolizione ..” (cfr.Cass.pen.sez.3 n.2702 del 20.6.1996; Cass.sez.3 ,1.12.2000 n.3531).
 
3.3) Va, quindi, valutata l’incidenza della richiesta di condono sull’ordinanza di demolizione e se, quindi, la mera presentazione della istanza sia idonea a paralizzare l’ordinanza medesima e, conseguentemente, ad impedire l’effetto traslativo di cui all’art.31 comma 3 DPR 380/01.
A norma dell’art.38 comma 1 L.47/85 “La presentazione entro il termine perentorio della domanda di cui all’art.31, accompagnata dall’attestazione del versamento della somma di cui al primo comma dell’art.35, sospende il procedimento penale e quello per le sanzioni amministrative
 
E’ pacifico, però, che occorra la previa verifica da parte del giudice della sussistenza dei requisiti astrattamente previsti dalla legge per l’applicabilità dei condono (cfr. ex multis Cass.sez.3 n.32218 del 7.62007; Cass.sez.3 n.3350 del 29.1.2004; Cass.sez.3 n.35084 del 26.8.20043).
 
Ha rilevato, quindi, correttamente il G.E. che l’applicabilità della normativa di sanatoria non è automatica e generalizzata, competendo, comunque, al giudice penale accertare se la richiesta di condono possa trovare accoglimento. E, con accertamento in fatto argomentato ed immune da vizi logici, come tale non sindacabile in sede di legittimità, ha ritenuto che non potesse attribuirsi alcuna rilevanza alla richiesta di sanatoria, in quanto: a) il manufatto abusivo è in palese contrasto con i preesistenti vincoli urbanistici e paesaggistici gravanti sull’area in questione (come indicato nell’ordinanza di demolizione); b) nelle aree soggette a vincolo ambientale, il condono ex D.L.269/03 opera solo se sussista la conformità urbanistica (insussistente nel caso di specie); c) non erano stati adempiuti, a seguito della presentazione della richiesta di condono, gli oneri documentali (perizia giurata sulle dimensioni e lo stato dell’opera, certificazione redatta da tecnico abilitato attestante l’idoneità statica delle opere eseguite-volume sup.a 450 mc, progetto di adeguamento statico).
 
Il ricorso è, in particolare su tale decisivo ultimo punto, meramente assertivo. Si limita, infatti, a contrastare la motivazione dell’ordinanza impugnata, assumendo che gli oneri documentali sono stati regolarmente adempiuti, essendo stata la documentazione necessaria depositata presso l’Ufficio Tecnico del Comune.
 
P. Q. M.
 
Rigetta il ricorso e condanna ciascuno dei ricorrenti al pagamento delle spese processuali.
 
Così deciso in Roma il 6 luglio 2011 

 

Iscriviti alla Newsletter GRATUITA

Ricevi gratuitamente la News Letter con le novità di AmbienteDiritto.it e QuotidianoLegale.

ISCRIVITI SUBITO


Iscirizione/cancellazione

Grazie, per esserti iscritto alla newsletter!