AMBIENTE – Principio di precauzione – Nozione – Approccio puramente ipotetico del rischio – Esclusione – Dilatazione delle norme fino a ricomprendere vicende non significativamente pregiudizievoli – Preclusione – Attribuzione ad un organo pubblico del potere di interdizione di un progetto – Limiti – VIA, VAS E AIA – Normativa di cui al d.lgs. n. 152/2006 – Ispirazione al principio di precauzione – Rispetto delle procedure di VIA ed AIA – Presunzione in merito al rispetto del principio – Condizioni di applicazione del principio di precauzione – Comunicazione della Commissione Europea del 2 febbraio 2000 – Contenimento del rischio – Scelta del cd. rischio zero – Potenziale tensione con il principio di proporzionalità – Modulazione dell’azione cautelativa in relazione all’evoluzione dei risultati – Controllo e revisione delle misure adottate alla luce dei nuovi dati scientifici – Fase di screening – Funzione preliminare di “carotaggio” – Valutazione condizionata di impatto – Art. 25, c. 4 d.lgs. n. 152/2006

Per leggere il contenuto completo di questo articolo devi ACCEDERE AL SITO o REGISTRARE UN ACCOUNT. Consulta la pagina Abbonamenti per maggiori dettagli.

Iscriviti alla Newsletter GRATUITA

Ricevi gratuitamente la News Letter con le novità di AmbienteDiritto.it e QuotidianoLegale.

ISCRIVITI SUBITO


Iscirizione/cancellazione

Grazie, per esserti iscritto alla newsletter!