______________ AMBIENTEDIRITTO ______________

 

 

LE PRESCRIZIONI DI “VIVERE ONESTAMENTE” E DI “RISPETTARE LE LEGGI” NEL D. LGS. 6/09/2011, N. 159.

Edoardo De Marchi

 

Abstract (it): Il presente lavoro si occupa dell’utilizzo di espressioni dal significato ambiguo e vago nella legislazione, prendendo le mosse dalle prescrizioni di vivere onestamente e rispettare le leggi, contenute nel codice antimafia. Sul punto è intervenuta la Corte costituzionale, con la sentenza 27 febbraio 2019, n.25, la quale però non ha sciolto tutti i dubbi in merito alla formulazione ed ha lasciato spazio per ulteriori rilievi.

Abstract (en): The essay focuses on the usage of generic expressions in laws, especially in penal previsions. Starting from Italian constitutional Court sentence n. 25, 27 th February 2019, it will focus on the legal order to “live honestly” and “respect the law” as an example of irrational use of language in legislation.

 

SOMMARIO: 1. introduzione. – 2. il rispetto del principio di tassatività nell’art. 75, co. 2 del codice antimafia. – 3. il rispetto del principio ne bis in idem nell’art. 75, co. 2 del codice antimafia. – 4. le prescrizioni di vivere onestamente e di rispettare le leggi nel dialogo fra tre corti. – 5. conclusioni.


Scarica allegato

Iscriviti alla Newsletter GRATUITA

Ricevi gratuitamente la News Letter con le novità di AmbienteDiritto.it e QuotidianoLegale.

ISCRIVITI SUBITO


Iscirizione/cancellazione

Grazie, per esserti iscritto alla newsletter!