______________ AMBIENTEDIRITTO ______________

 

LA COOPERAZIONE EUROPEA ALLO SVILUPPO SI RAFFORZA CON L’ACCORDO DI GEORGE TOWN.

 

Donatella del Vescovo

 

Abstract ita: Lo stadio più evoluto della cooperazione europea allo sviluppo è oggi l’Accordo di George Town frutto di analisi e valutazioni sull’efficacia delle precedenti convenzioni e nello stesso tempo uno strumento utile ad inserire i Paesi ACP in un contesto economico mondiale dal quale rimarrebbero inesorabilmente esclusi. Partendo da un escursus storico, questo lavoro si propone di esaminare innanzitutto l’Accordo di Cotonou, in maniera approfondita, per poi affrontare il tema del nuovo Accordo che propone un nuovo sistema di decentralizzazione dell’aiuto e di appropriazione delle politiche di sviluppo da parte dei beneficiari.

Abstract eng: The most advanced stage of European development cooperation today is the George Town Agreement, the result of analyses and evaluations of the effectiveness of previous conventions and at the same time a useful instrument for placing the ACP countries in a world economic context from which they would remain inexorably excluded. Starting from a historical escursus, this work aims to examine first of all the Cotonou Agreement, in depth, and then to address the theme of the new Agreement that proposes a new system of decentralization of aid and appropriation of development policies by the beneficiaries.

 

SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Il Sistema del “partenariato tra eguali”. 3. La necessità di cambiare il sistema Lomé. 4. Il nuovo approccio di partenariato avvenuto con Cotonou. 5. I cinque pilastri del partenariato. 6. La normativa dell’OMC riguardante i PVS. 7. I punti deboli dell’Accordo di Cotonou. 8. Conclusioni.


Scarica allegato

Iscriviti alla Newsletter GRATUITA

Ricevi gratuitamente la News Letter con le novità di AmbienteDiritto.it e QuotidianoLegale.

ISCRIVITI SUBITO


Iscirizione/cancellazione

Grazie, per esserti iscritto alla newsletter!