______________ AMBIENTEDIRITTO ______________

 

ORDINANZA 16 DICEMBRE 2020 DEL TRIBUNALE DI ROMA IN MATERIA DI LOCAZIONI AD USO NON ABITATIVO.

 

 

Implicazioni giuridiche e socio-economiche delle limitazioni (illegittime?) ai diritti e alle libertà costituzionalmente garantiti in tempi di covid-19.

 

 

Antonio Persico

 

 

Abstract (It): Il commento intende mettere in evidenza i passaggi chiave della notoria ordinanza del Tribunale di Roma che ha ritenuto illegittimi i d.p.c.m. dell’emergenza sanitaria, per proporre qualche spunto di riflessione in ordine alle sue plurime implicazioni giuridiche e socio-economiche.

Abstract (En): This comment aims at highliting the key passages of the Civil Court of Rome notorious ordinance which considered the Prime Minister Decrees to contain the spread of Covid-19 void. Some food for thought on its multiple juridical and socio-economic implications will follow.

 

 

SOMMARIO: 1. Un’ordinanza non ordinaria. 2. I fatti di causa. 3. La ratio decidendi dell’ordinanza. 4. Sul potere di dichiarare lo stato di emergenza nazionale per rischio sanitario con deliberazione del Consiglio dei Ministri. 5. I vizi intrinseci di legittimità dei d.p.c.m. 5.1. Segue. Il difetto di motivazione. 5.2. Segue. L’eccesso di potere. 6. Sul canone di buona fede in funzione integratrice del contratto. 7. Ubi voluit, dixit. 8. Riflessioni conclusive.

 

 

 


Scarica allegato

Iscriviti alla Newsletter GRATUITA

Ricevi gratuitamente la News Letter con le novità di AmbienteDiritto.it e QuotidianoLegale.

ISCRIVITI SUBITO


Iscirizione/cancellazione

Grazie, per esserti iscritto alla newsletter!