AmbienteDiritto.it 

Legislazione  Giurisprudenza

 


   Copyright Ambiente Diritto.it

 

 

Ordinanza 13 febbraio 2006

 

Ministero della Salute. Modifica dell'allegato I dell'ordinanza ministeriale 11 febbraio 2006 recante misure urgenti di protezione per casi di influenza aviaria ad alta patogenicita' negli uccelli selvatici. (Aggiornamento n. 1).

 

(GU n. 52 del 3-3-2006)

 



 IL MINISTRO DELLA SALUTE
Vista l'ordinanza del Ministro della salute dell'11 febbraio 2006 relativamente alle misure urgenti di protezione per casi di influenza aviaria ad alta patogenicita' negli uccelli selvatici;
Considerato l'art. 1, comma 2 della sopracitata ordinanza relativo alla modifica dell'allegato sulla base dell'evoluzione della situazione epidemiologica o di eventuali decisioni comunitarie;
Considerato che le prove eseguite dal Centro di Referenza di Padova su campioni appartenenti ad un cigno rinvenuto morto nel comune di Ugento, provincia di Lecce hanno dato esito positivo al virus dell'influenza aviaria H5N1 ad alta patogenicita';
Ritenuto necessario istituire attorno al luogo in cui e' stato confermata la presenza del virus H5N1 ad alta patogenicita' le zone di protezione e sorveglianza (ex art. 2, ordinanza ministeriale 11 febbraio 2006), e quindi modificare l'allegato I della citata ordinanza;

Ordina:

Art. 1.
1. L'allegato I dell'ordinanza ministeriale dell'11 febbraio 2006 recante misure urgenti di protezione per casi di influenza aviaria ad alta patogenicita' negli uccelli selvatici, e' sostituito dall'allegato I alla presente ordinanza.
La presente ordinanza e' diramata in via d'urgenza alle autorita' sanitarie di controllo ed entra immediatamente in vigore nelle more della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 13 febbraio 2006
Il Ministro: Storace

Registrato alla Corte dei conti il 22 febbraio 2006 Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla persona e dei beni culturali, registro n. 1, foglio n. 121

Allegato I
Le zone soggette a restrizione: aree in cui vengono istituite zone di protezione e sorveglianza.
Sezione A:
regioni: Calabria, Puglia, Sicilia.
Sezione B:
provincia di Reggio Calabria: comune di Reggio Calabria (localita' Pellaro);
provincia di Vibo Valenzia: comune di Pizzo Calabro;
provincia di Taranto: comune di Manduria;
provincia di Messina: comune di Taormina;
provincia di Catania: comuni di Giarre e di Mascali;
provincia di Lecce: comune di Ugento.