AmbienteDiritto.it

Legislazione  giurisprudenza


 Copyright AmbienteDiritto

Decreto 29 maggio 2003

Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio. Approvazione del formulario per la comunicazione relativa all'applicazione del decreto legislativo n. 372/1999, recante attuazione della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento. 

(GU n. 228 del 1-10-2003) 



IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO
Vista la direttiva del Consiglio dell'Unione europea 96/61/CE del 24 settembre 1996, sulla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento, in particolare l'art. 16, punti 1 e 3;
Vista la direttiva del Consiglio dell'Unione europea 91/692/CEE del 23 dicembre 1991, per la standardizzazione e la razionalizzazione delle relazioni relative all'attuazione di talune direttive concernenti l'ambiente;
Vista la decisione della Commissione europea 1999/391/CE del 31 maggio 1999, concernente il questionario sull'attuazione della citata direttiva 96/61/CE, sulla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento;
Visto il decreto legislativo del 4 agosto 1999, n. 372, di recepimento della citata direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento;
Visto, in particolare, l'art. 11, comma 1, del citato decreto legislativo n. 372/1999;
Visto il decreto-legge 7 febbraio 2002, n. 7, convertito con modifiche dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, recante: "Misure urgenti per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale";
Visto l'art. 18 della legge 23 marzo 2001, n. 93, recante "disposizioni in campo ambientale";
Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, di recepimento della direttiva 1999/31/CE;
Vista la guida pratica approvata il 31 gennaio 2003 dall'IPPC Expert Group costituito nell'ambito della Commissione europea;

Decreta:

Art. 1.
1. E' approvato il formulario di cui all'allegato 1 relativo alla comunicazione prevista dall'art. 16, punto 3, della direttiva del Consiglio dell'Unione europea 96/61/CE sullo stato di attuazione della direttiva stessa ed in particolare alla comunicazione prevista dall'art. 16, punto 1, della direttiva 96/61/CE dei valori limite di emissione applicati agli impianti di cui all'allegato 1 della direttiva 96/61/CE e delle migliori tecniche disponibili su cui detti valori si basano.
2. Sono destinatarie del formulario, di cui all'allegato 1, le autorita' competenti al rilascio di autorizzazione integrata ambientale, ai sensi del decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 372, nonche' di qualunque altra autorizzazione con valore di autorizzazione integrata ambientale.
3. La comunicazione di cui al comma 1, deve essere trasmessa dalle autorita' competenti al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio ogni tre anni, entro il 30 aprile. La prima comunicazione deve pervenire entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto e deve riferirsi al periodo compreso tra il 1 gennaio 2000 e il 1 gennaio 2003.
4. Per gli adempimenti previsti dal presente decreto, nonche' per quelli previsti dall'art. 11, comma 3, del decreto legislativo n. 372/1999, il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio si avvale dalla collaborazione dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente ed per i servizi tecnici (APAT).

Art. 2.
1. Limitatamente alla prima comunicazione effettuata ai sensi del comma 3 dell'art. 1, le autorita' di cui all'art. 1, comma 2 sono tenute a trasmettere le informazioni di cui ai punti 2, 3, 4, 5 e 6 dell'allegato formulario anche con riferimento alle singole autorizzazioni ambientali da ricomprendere nelle autorizzazioni integrate ambientali di competenza.
2. Le autorita' competenti, ai sensi delle norme vigenti nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2000 e il 1 gennaio 2003, al rilascio di autorizzazioni ambientali da ricomprendere nell'autorizzazione integrata ambientale rendono disponibili alle autorita' competenti di cui all'art. 1, comma 2, i dati necessari all'adempimento di cui al comma 1.
Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 29 maggio 2003
Il Ministro: Matteoli

Registrato alla Corte dei conti il 1 agosto 2003 Ufficio controllo atti Ministeri delle infrastrutture ed assetto del territorio, registro n. 3 foglio n. 255

Allegato 1
FORMULARIO PER LA COMUNICAZIONE RELATIVA ALL'APPLICAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO n. 372/1999 "ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 96/61/CE RELATIVA ALLA PREVENZIONE E RIDUZIONE INTEGRATE DELL'INQUINAMENTO"
1. Copertura degli impianti
1.1 Per ciascuna delle sei sezioni dell'allegato 1 della direttiva 96/61/CE, quanti impianti rientrano nelle categorie indicate qui di seguito?
Tutti gli impianti esistenti ai sensi dell'art. 2, punto 4), in funzione al termine del periodo contemplato dalla relazione.
Gli impianti esistenti per i quali e' stata notificata una modifica sostanziale all'autorita' competente e per i quali e' stata concessa una autorizzazione durante il periodo contemplato dalla relazione.
Gli impianti nuovi (compresi quelli non ancora in funzione) per i quali e' stata concessa un'autorizzazione durante il periodo contemplato dalla relazione.
2. Condizioni dell'autorizzazione
2.1 Opportunita' e adeguatezza delle condizioni di autorizzazione.
2.1.1 Quali sono le disposizioni legislative regionali, le procedure e i criteri per la fissazione dei valori limite di emissione e le altre condizioni dell'autorizzazione al fine di garantire un elevato livello di protezione dell'ambiente nel suo complesso?
2.2 Dati rappresentativi disponibili.
2.2.1 Fornire i dati rappresentativi disponibili sui valori limite fissati per ogni specifica categoria di attivita' in conformita' all'allegato 1 della direttiva 96/61/CE e, se opportuno, le migliori tecniche disponibili in base alle quali sono ricavati detti valori. Descrivere in che maniera questi dati sono stati scelti e raccolti.
I dati sono forniti in conformita' con la specifica "guida pratica" definita in sede di Commissione europea e resa disponibile presso il sito internet www.minambiente.it nonche' presso il sito internet www.sinanet.anpa.it
2.2.2 Quali tipi di condizioni di autorizzazione, oltre ai valori limite di emissione, sono state stabilite? 
Fornire in particolare esempi di:
parametri e misure tecniche equivalenti che integrano i valori limite di emissione stabiliti nell'autorizzazione;
parametri e misure tecniche equivalenti che sostituiscono i valori limite di emissione;
condizioni concernenti la protezione del suolo e delle acque sotterranee, la gestione dei rifiuti, i requisiti di monitoraggio delle emissioni e le misure relative alle condizioni diverse da quelle di normale esercizio.
3. Norme di qualita' ambientale
3.1 Vi sono stati casi in cui l'uso delle migliori tecniche disponibili si e' rilevato insufficiente a rispettare una norma di qualita' ambientale stabilita dalla legislazione comunitaria o definita in applicazione di questa? In caso affermativo, quali misure supplementari sono state prese?
4. Modifiche degli impianti
4.1 Quali sono le disposizioni legislative regionali, le procedure e le pratiche concernenti le modifiche apportate agli impianti dai gestori?
4.2 Come le autorita' competenti determinano se una modifica dell'impianto puo' avere conseguenze per l'ambiente o effetti negativi significativi per l'ambiente o per gli esseri umani (art. 2, punto 10 della direttiva 96/61/CE)?
5. Riesame e aggiornamento delle condizioni di autorizzazione
5.1 Quali sono le procedure e le pratiche concernenti il riesame e l'aggiornamento delle condizioni di autorizzazione da parte dell'autorita' competente?
5.2 In quale modo le autorita' competenti decidono se i criteri di cui all'art. 13, comma 2, della direttiva 96/61/CE sono soddisfatti?
6. Rispetto delle condizioni di autorizzazione
6.1 Descrivere in termini generali le disposizioni legislative regionali, le procedure e le pratiche per garantire il rispetto dei requisiti di autorizzazione.
6.2 Quali disposizioni legislative regionali, procedure e pratiche garantiscono che i gestori informino regolarmente le autorita' dei risultati del monitoraggio delle emissioni e tempestivamente di ogni inconveniente o incidente rilevante per l'ambiente?
6.3 Quali sono le procedure e le pratiche concernenti le regolari ispezioni sul sito da parte delle autorita' competenti? Se non sono effettuate ispezioni regolari sul sito, come verificano le autorita' competenti l'informazione fornita dal gestore?
6.4 Quali sanzioni o altre misure sono previste in caso di non conformita' alle condizioni di autorizzazione? Sono state applicate sanzioni o altre misure durante il periodo contemplato dalla
relazione?
7. Informazione e partecipazione del pubblico
7.1 Come e' messa a disposizione del pubblico l'informazione sulle domande, sulle decisioni e i risultati del monitoraggio delle emissioni.