CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/11/2018, Sentenza n.53683

RIFIUTI - Commercio ambulante - Svolgimento non autorizzato di attività di trasporto di rifiuti - Applicabilità del regime derogatorio ex art. 266 T.U.A. - Limiti - Fattispecie - Artt. 189, 190, 193, 212, 256, 266 d.lgs. n. 152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Riesame di misure cautelari reali - Sequestro preventivo o probatorio - Ricorso per violazione di legge - Fumus di reato e diversa qualificazione giuridica del fatto.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/11/2018, Sentenza n.53661

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Prescrizione dell'ordine di demolizione del manufatto abusivo - Esclusione - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio - Giurisprudenza della Corte EDU - Art. 31 del d.P.R. n. 380/2001 - Reati edilizi - Ordine di demolizione - Eventuale «disapplicazione» dell'atto amministrativo - Potere-dovere di verifica del giudice penale - Fattispecie: Sentenza passata in giudicato - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Definizione della collocazione dell'immobile in sede di legittimità - Preclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/11/2018, Sentenza n.53678

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Istanza di prescrizione dell'ordine di demolizione - Richiesta in sanatoria - Mantenimento dell'ordine di demolizione - Poteri del Giudice dell'esecuzione - Art. 31, D.P.R. n.380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per Cassazione - Motivi generici - Inammissibilità originaria - Carenza di motivazione - Effetti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 14/11/2018, Sentenza n.51475

DANNO AMBIENTALE - Nozione di danno ambientale e risorse naturali -  INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Inquinamento dell'aria e danno ambientale - Termovalorizzatore o impianto di coincenerimento - Miscelazione di lolla di riso con altri rifiuti - Attività organizzata per il traffico abusivo di rifiuti - Falsificazione dei certificati di analisi provenienti dal laboratorio - Artt. 184 bis, 185, 258, 260, 267 e ss., 300, 311 d.lgs. n.152/2006 - Art. 483 cod. pen. - RIFIUTI - Gestione di rifiuti - Accertamento della pericolosità di un rifiuto - Rispetto delle metodiche di campionamento e di analisi fissate dalla norma tecnica UNI 10802 - Esclusione - Miscelazione della lolla di riso con rifiuti di ogni genere - Esclusione della lolla di riso dalla categoria dei sottoprodotti - Sussistenza delle condizioni di legge - Onere della prova - Nozione di sottoprodotti - Evoluzione normativa - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale - Ipotesi e presupposti - C.d. perizia "esplorativa" - Intercettazione telefonica - Travisamento e non condivisione dell'interpretazione del dialogo - Differenza - Giurisprudenza di legittimità. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/11/2018, Sentenza n.51004

RIFIUTI - Scarti di origine animale - Presupposti per la qualifica di rifiuti o sottoprodotti - Disciplina applicabile - Riqualificazione della condotta in termini colposi - Esclusione - Carattere della condotta - Professione svolta - Presunzione della conoscenza della disciplina di settore - Art. 6, c.1, lett. e), d.l. n. 172 del 2008 - Art. 183, d. lgs. n.152/2006 - Regolamento CE n. 1774/2002 - Fattispecie: macellazione clandestina con abbandono dei relativi residui - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Dichiarazioni confessorie rese dalle quali emergono indizi di reità a carico - Obblighi dell'autorità giudiziaria o della polizia giudiziaria - Interruzione dell'esame ed invito a nominare un difensore - Inutilizzabilità delle dichiarazioni rese - Presupposti - Dichiarazioni spontanee - Artt. 63, 350, c.5, cod. proc. pen - Inutilizzabilità c.d. patologica delle dichiarazioni - Insanabilità - Assunzione "contra legem". 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/11/2018, Sentenza n.51006

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Nozione di acque reflue industriali - Individuazione dell'attività di produzione industriale - Insediamenti di attività artigianali e di prestazioni di servizi - Caratteristiche di quantità e qualità delle acque - Fattispecie: lavaggio di capannoni adibiti all'allevamento di tacchini - Artt. 74, 137 e 256, 2 c. d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza - Stabile sistema di collettamento che unisca il ciclo di produzione del refluo con il suolo - Art. 137 d.lgs. n.152/2006, natura di reato di pericolo - Episodicità delle immissioni - Ininfluenza - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Potenzialità inquinante dell'ambiente, anche nel suolo o nel sottosuolo - RIFIUTI - Attività di stoccaggio e smaltimento di rifiuti - Reato di deposito incontrollato di rifiuti - Presupposti per la configurabilità del reato - Possesso di fatto dell'area ovvero di detenzione qualificata da un sottostante rapporto negoziale - DANNO AMBIENTALE - Offensività della condotta in ragione dei danni ambientali - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Diniego delle causa di non punibilità - Pluralità dei reati - Reati ambientali - Art.131 bis c.p. - Apprezzamento di merito non sindacabile in sede di legittimità - Fattispecie - Specificità caratterizzante i motivi di appello - Impugnazione - Presupposti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2018, Sentenza n.50134

RIFIUTI - Terre e rocce da scavo - Inserimento nella categoria dei c.d. sottoprodotti - Condizioni - Onere della prova - Mancata prova - Reato di inottemperanza all'ordinanza emessa di ripristino - Artt. 134-bis, 135, 192, 255 D.L.vo n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio abbreviato - Condanna per una contravvenzione - Determinazione della pena - Ambito di applicazione - Art. 442, comma 2, cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/11/2018, Sentenza n.50018

INQUINAMENTO DEL SUOLO - INQUINAMENTO IDRICO - Tutela penale l'ambiente (Ecodelitti) - Configurabilità ex art. 452 bis cod. pen. - Compromissione o deterioramento dell'ambiente - Necessità - Esclusione - Contaminazione di un sito - Inquinamento ambientale potenzialmente superiore alle (CSC) concentrazioni soglia contaminazione - Concorso nel delitto di inquinamento ambientale - Presupposti - CODICE DELL'AMBIENTE e CODICE PENALE - Differenza tra le nuove norme in materie di ambiente - Nuovo delitto di inquinamento ambientale - Nozione di "compromissione" e il "deterioramento" - Integrazione del reato - Presupposti -  Giurisprudenza - DANNO AMBIENTALE - Ecoreati - Disastro ambientale - Tendenziale irreversibilità del danno - Unicità dell'azione lesiva - Prosecuzione della condotta illecita con aggravamento del danno - Cessazione della consumazione del reato - Art. 452 quater c.p - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Accertamento indiziario finalizzato all'applicazione di una misura cautelare personale - Fattispecie: Inquinamento ambientale - Analisi di rischio sanitario e ambientale provocato - Superamento della CSC (concentrazioni soglia contaminazione) e superamento delle CSR (Concentrazioni Soglia di Rischio) - Artt. 240 e 242 d.lgs. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/10/2018, Sentenza n.49679

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Disciplina antisismica e illiceità della condotta - Controllo preventivo della pubblica amministrazione - Effetti della verifica postuma dell'assenza del pericolo ed il rilascio del provvedimento abilitativo - Artt. 93, 94, 95 d.P.R. n.380/2001 - Reati concernenti l'attività edificatoria in zone sismiche - Ufficio del Genio Civile - Rilascio postumo del parere favorevole - Effetti antigiuridicità penale della condotta - Pericolosità o meno della costruzioni - Irrilevanza - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di esclusione della punibilità - Particolare tenuità del fatto di cui all'art. 131-bis cod. pen. - Nozione di abitualità nel reato.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49703

DIRITTO VENATORIO - CACCIA - Esercizio dell'uccellagione mediante utilizzo di archetti in area boschiva - Natura di reato pericolo a consumazione anticipata - La cattura fisica dell'animale non è necessaria - FAUNA - Predisposizione delle reti o di analoghi mezzi idonei alla cattura della fauna selvatica - Momento della consumazione del reato - BOSCHI - Esercizio di uccellagione in area boschiva - Giurisprudenza - Caccia con mezzi vietati ed uccellagione - Distinzione - Configurabilità del reato di uccellagione - Elementi - Indiscriminata cattura di uccelli - Potenzialità offensiva degli strumenti di cattura - Art. 30 c.1 lett. e) L. n.157/1992 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso per cassazione - Effetti - Dichiarazione di cause di non punibilità - Esclusione - Art. 129 c.p.p..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49694

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Difetto del permesso di costruire ed in zona a vincolo paesaggistico ed ambientale - Ordine di demolizione e rimessione in pristino - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Sequestro preventivo - Continuazione, esecuzione e completamento delle opere - Violazione dei sigilli - Fattispecie - Art. 181, comma 1-bis, d.lgs. n. 42/2004 - Art. 349, c.1 e 2, cod. pen.-  art. 44, comma 1, lett. e), d.P.R. n.380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sentenze di primo e secondo grado concordanti - Motivazione e struttura motivazionale della sentenza di appello - Unico complesso corpo argomentativo - Concreta lesione dei diritti di difesa - Necessità - Soglia della specificità - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Scarico sul suolo acque reflue industriali in violazione del prescritto divieto - Acque meteoriche e di dilavamento dei piazzali - Contestazione dell'accusa - Specificazione del fatto più che all'indicazione delle norme di legge violate - Mancata individuazione degli articoli di legge violati - Irrilevanza - Limiti - Esercizio del diritto di difesa - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Scarichi sul suolo e scarichi nel sottosuolo e nelle acque sotterranee - TU Ambientale Artt. 103, 104 e 137 d. lgs. n. 152/2006 - Tutela penale dall'inquinamento - Differenza tra acque meteoriche da dilavamento e reflui industriali ex art. 74, lett. h), D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 - Fattispecie: trasformazione di acque meteoriche per contaminazioni con sostanze o materiali inquinanti in reflui in acque industriali - RIFIUTI - Qualifica di rifiuti dei materiali - Obiettivi connaturanti la condotta tipica - Accertamento della natura di un oggetto quale rifiuto - Art. 183 D.Lgs.  n. 152/2006 - Quaestio facti - Demandata al giudice di merito insindacabile in sede di legittimità - Artt. 183, 256, 269, 279, d. lgs. n. 152/2006 - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Inquinamento aria - Natura giuridica di reato permanente - Cessazione della permanenza - Sopralluogo eseguito dai tecnici - Art. 674, c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Cassazione - Difetto di motivazione in ordine alla valutazione di una dichiarazione testimoniale - Integrale produzione dei verbali relativi o dalla integrale trascrizione in ricorso di detta dichiarazione - Necessità - Circostanze attenuanti generiche - Riconoscimento o diniego - Poteri e doveri del giudice di merito - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/10/2018, Sentenza n.49184

RIFIUTI - Gestione non autorizzata di rifiuti - Coinvolgimento nel reato più persone per il carico e scarico - Art. 256 del D.L.vo 152/2006 - Esclusione del requisito della "lieve entità" ai sensi dell’art. 131 bis, del cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Irrogazione della pena al di sotto della media edittale - Specifica e dettagliata motivazione da parte del giudice - Necessità - Esclusione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/10/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Violazioni edilizie - Ordine di demolizione del manufatto abusivo - Natura di sanzione amministrativa di carattere ripristinatorio - Prescrizione - Alienazione a terzi della proprietà dell'immobile abusivamente edificato - Acquirente (reale o simulato) - Effetti - Artt. 31 e 44, lettera B, d.P.R. n.380/2001 - Giurisprudenza  - Violazioni urbanistiche - Ordine di demolizione delle opere abusive - Sentenza passata in giudicato - Effetti della mera proposizione di una sanatori - Automatica sospensione dell'ordine di demolizione - Esclusione - Valutazione del giudice - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Decisività della prova (ritenuta travisata) - Natura di legittimità del giudizio di Cassazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 24/10/2018, Sentenza n.48391

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Lavori di qualsiasi genere su beni paesaggistici - Ignoranza del vincolo paesaggistico - Elemento psicologico del reato paesaggistico - Art. 181, c.1°, d.lgs. n. 42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Obbligo di correlazione tra accusa e sentenza - Deduzione per la prima volta in sede di legittimità - Esclusione - Nozione strutturale di "fatto" - Diritto di difesa - Ricorso per cassazione - Inammissibilità dell'impugnazione per carenza d'interesse - Sentenze di primo e secondo grado concordi - Unico complesso corpo argomentativo - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.4^ 24/10/2018, Sentenza n.48548

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Ecoreati - Avvelenamento delle falde acquifere - Configurabilità del reato - Sversamento accidentale - Natura di reato di pericolo presunto - Pericolo per la salute pubblica - Pericolosità scientificamente accertata - Mero superamento dei limiti tabellari - Potenzialità di nuocere alla salute - Artt.242, 257, 304 D.Lgs n. 152/06 - Artt. 439, 452, 674 c.p. - Disastro innominato - Natura di delitto a consumazione anticipata - Art. 434 cod. pen. - Avvelenamento di acque - Natura di reato istantaneo ad effetti permanenti - Condotte inquinanti potenzialmente pericolose per la salute pubblica - Conseguenze dannose del reato - Differenza tra art. 439 e 440 cod. pen. - Coefficiente di offensività - Giurisprudenza - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Inquinamento ambientale - Azione di prevenzione - Attività ripristinatorie - Obblighi di comunicazione - Procedure operative ed amministrative - Bonifica dei siti - Danno ambientale - Destinatario dell'obbligo è il responsabile dell'evento potenzialmente inquinante - Proprietario del terreno interessato dall'evento - DANNO AMBIENTALE - Inquinamento ambientale - Ecodelitti - Spostamento in avanti del momento consumativo di un reato già perfetto - Presupposti - Perdura la condotta inquinante - Protrazione dell'evento e modifica della qualificazione giuridica del fatto - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Reati a consumazione protratta - Reati permanenti e reati necessariamente abituali - Decorso del termine della prescrizione - Reati cosiddetti istantanei realizzati mediante una condotta prolungata, o frazionata - Effetti prolungati o permanenti dei reati istantanei - Risarcimento del danno - Causa estintiva di un reato è maturata prima della sentenza di primo grado - Revoca delle statuizioni civili.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 19/10/2018, Sentenza n.47719

INQUINAMENTO ACUSTICO - Rumore e rilevanza penale delle grida - Disturbato delle occupazioni e del riposo delle persone mediante schiamazzi - Oggetto della tutela penale dell'art. 659 cod. pen. - Tranquillità pubblica - Natura di reato di pericolo - Fattispecie: affaccio di notte alla finestra urlando e fischiando per richiamare i cani con il fine di farli smettere - Prova del reato di cui all'articolo 659 cod. pen. - Testimoni o qualsiasi altro mezzo idoneo - Superamento della normale tollerabilità - Apprezzamento del giudice di merito - DANNO AMBIENTALE - Risarcimento del danno risarcibile non rinvenibile da componenti patrimoniali suscettibili di precisa determinazione - Ricorso del giudice a criteri equitativi - Legittimità - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Rilettura degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione - Esclusione - Concessione o del diniego delle circostanze attenuanti generiche - Valutazione del giudice e motivazione adeguata - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 19/10/2018, Sentenza n.47729

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Confisca urbanistica di terreni - Irrevocabilità della sentenza - Richiesta di revoca della confisca - Successione ereditaria - Non rileva la buona fede dell'erede - Inesistenza di una situazione soggettiva attiva - Acquisizione di diritto del terreno al patrimonio comunale - Art. 29, 30 e 44 d.P.R. n. 380/2001 - Acquisto di un terreno per realizzarvi un'opera che contrasta con la destinazione di piano - Ignoranza incolpevole - Esclusione - Lottizzazione abusiva disposta al di fuori dei casi di condanna - Opposizione del terzo rimasto estraneo al procedimento - Verifiche del giudice dell'esecuzione - Condotta del terzo acquirente dell'immobile - Insussistenza della buona fede - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Motivazione della decisione - Indagine di legittimità - Limiti - Travisamento della prova - Casi di configurabilità - Errore percettivo (e non valutativo) della prova - Frattura logica tra la premessa fattuale del ragionamento e la conclusione - Principio di "autosufficienza del ricorso" - Onere della prova - Integrale contenuto degli atti - Mancanza e manifesta illogicità della motivazione - Allegazione in blocco delle trascrizioni degli atti processuali - Indicazione degli "altri atti del processo" - Esclusione - Art. 606, c.1 lett. e), cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/10/2018, Sentenza n.46997

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Tutela delle bellezze naturali - Nozione di paesaggio - Difesa del complessivo equilibrio estetico e culturale in un determinato ambito - Autorizzazione paesaggistica rilasciata in sanatoria - C.d. interventi minori - Fattispecie: unità produttiva, interventi di potenziamento e di rimaneggiamento in difetto di autorizzazione - Artt. 146, 167 e 181, d.lgs. n. 42/2004 - Rilascio postumo dell'autorizzazione paesaggistica in sede di rilascio del permesso di costruire in sanatoria - Effetti - Inibiscono la demolizione o/e la remissione in pristino - Estinzione del reato ex 181, d.lgs. n. 42/2004 - Esclusione - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Edificazione in area vincolata - Difetto della preventiva autorizzazione paesaggistica ex d.lgs. n. 42/2004 - Rilascio di concessione in sanatoria ex artt. 36, 44 e 45 d.P.R. n.380/2001 - Limiti - Autonomia strutturale dei due provvedimenti - Giurisprudenza - Differenza tra autorizzazione paesaggistica e permesso urbanistico ex art. 36 d.P.R. n.380/2001 - Accertamento di conformità e visione unitaria e complessiva - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Opere ultimate in zone vincolate paesaggisticamente - Ordinanza di sequestro preventivo - Presupposto del periculum in mora.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/10/2018, Sentenza n.46215

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati urbanistici - Opere edilizie in assenza o in totale difformità dal permesso di costruire - Responsabilità del progettista e del direttore dei lavori - Individuazione del dies a quo per la decorrenza della prescrizione - Giurisprudenza - Art. 44, d.P.R. n.380/2001 - Fattispecie: piano seminterrato palesemente non era ancora ultimato - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Istruzione dibattimentale - Elementi di prova e poteri del giudice - Esame del consulente tecnico - Circostanze attenuanti generiche - Riconoscimento o meno del beneficio - Giudizio di fatto del giudice del merito - Insindacabilità in sede di legittimità - Art. 133 cod. pen. - Irrogazione della pena al di sotto della media edittale - Specifica e dettagliata motivazione - Esclusione - Travisamento del fatto - Indagine di legittimità sul discorso giustificativo della decisione - Genericità o pedissequa reiterazione - Assenza di specificità del ricorso - Inammissibilità del ricorso per cassazione - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Rinnovazione dell'istruzione e diritto alla difesa - Diritto dell'imputato di esaminare o fare esaminare i testimoni a carico ed ottenere la convocazione e l'esame dei testimoni a discarico - Art.6, par.3, lett. d) Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali - Giurisprudenza Corte EDU - Sentenza di appello di riforma totale del giudizio assolutorio di primo grado - Elementi - Confutazione specifica - Necessità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/10/2018, Sentenza n.45262

INQUINAMENTO ACUSTICO - Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone - Modalità di acquisizione della prova dell'inquinamento acustico - Elementi di prova liberamente raggiunti - Adeguata motivazione - Necessità - Art. 659 comma 1 cod.pen. - D.M. n. 447/95 e D.M. 16/03/1998 - Fattispecie: emissioni rumorose in presenza di Nulla Osta Acustico e risarcimento dei danni - Attività o mestieri rumorosi - Ambito di operatività dell'art. 659 c.2° e c.1° cod.pen. - Ottenimento del Nulla Osta Acustico - Limiti - Illiceità dei rumori - Mero superamento dei limiti di emissione - Giurisprudenza - Emissioni rumorose in presenza di Nulla Osta Acustico - Atti irripetibili - Misurazioni fonometriche - Tipici accertamenti "a sorpresa" - RISARCIMENTO DANNO - Risarcimento dei danni in favore della parte civile - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Art. 431, c.1°, lett. b) cod.proc.pen. - Avviso all'indagato - Esclusione - Art. 360 cod. proc. pen. - Decreto di citazione a giudizio presso lo studio del difensore di fiducia - Nullità conseguente alla notifica - Esclusione - Sanatoria di cui all'art. 184 cod.proc.pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/10/2018, Sentenza n.45272

RIFIUTI - Sottoprodotti - Terre e rocce da scavo - Certezza sulla destinazione dell'utilizzo - Materiale stoccato e deposito incontrollato - Autorizzazioni - Termine maggiore per la durata dei lavori - Mancata indicazione della normativa extrapenale - Principio di correlazione tra sentenza ed accusa - Tutela del diritto di difesa - Artt. 184, 186,  256 d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Successione nel tempo di norme extrapenali integratrici del precetto penale - Principio di retroattività della norma favorevole - Limiti - Norma penale in bianco.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 08/10/2018, Sentenza n.24679

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ingegneri e architetti - Sospensione dall'esercizio della professione - Violazione dei doveri di lealtà e trasparenza nei rapporti con i colleghi e gli organi istituzionali della professione - Condotte estranee all'esercizio della professione di architetto - Concorrenza fra professionisti - Potere disciplinare, esercitato dai Collegi provinciali e dal Consiglio Nazionale - Principi di indipendenza e imparzialità del giudice - ORDINI PROFESSIONALI - Fatti o comportamenti contrari alle norme di deontologia realizzati dal professionista fuori dall'esercizio della professione - Fattispecie - PROCEDIMENTO DISCIPLINARE - Valutazione della condotta professionale a fini disciplinari - Contestazione al professionista dell'addebito - Comunicazione di una incolpazione - Diritto alla difesa - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - PENALE - AMMINISTRATIVO - Ingegneri e architetti - Sospensione dall'esercizio della professione - Violazione dei doveri di lealtà e trasparenza nei rapporti con i colleghi e gli organi istituzionali della professione - Condotte estranee all'esercizio della professione di architetto. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.5^ 08/10/2018, Sentenza n.44836

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione materiale - Natura di reato progressivo nell'evento - Momento della consumazione e cessazione del reato - Bene protetto uso e tutela del territorio - Artt. 29, 30, 44 lettera e), d.P.R. 380/2001 - Lottizzazione abusiva cosiddetta "materiale" - Condotta lottizzatoria e reato permanente - Uso o sfruttamento del territorio da parte di terzi contra ius - Perpetuazione dell'offesa - Reati urbanistici ed edilizi e reato di lottizzazione abusiva - Può essere commesso da chiunque violi la disciplina in materia - Condotta illegittima - Commissione del reato - Pluralità di soggetti, in concorso fra loro (proprietari, costruttori, geometri, architetti, mediatori di vendita, notai, esecutori di opere, pubblici ufficiali o amministratori, committente, titolare del permesso di costruire, direttore dei lavori, appaltatore dei lavori ecc) - Illecito lottizzatorio - Natura di reato progressivo nell'evento e reato a consumazione prolungata o frazionata - Medesima ratio - Momento della consumazione del reato - Illegittimità permessi di costruire e gli atti amministrativi successivi e conseguenti - Poteri del Consiglio comunale - Differenza tra opere precarie e non precarie - Titolo abilitativo edilizio - Periodo transitorio - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Prescrizione del reato nel giudizio di cassazione - Onere della prova a carico del ricorrente - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 01/10/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Direttore dei lavori di un cantiere - Violazione della normativa sui rifiuti - Corretta gestione dei rifiuti - Responsabilità e limiti - Smaltimento rifiuti in assenza di autorizzazione - Opere di scavo e di interramento di rifiuti speciali non pericolosi - Partecipazione attiva all'attività illecita - Art. 29 D.P.R. n.380/2001 - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Attività di costruzione e demolizione, terre e rocce, - Differenza con la disciplina in materia edilizia - Committente di lavori edili e appaltante - Gestione dei rifiuti prodotti dalla ditta appaltatrice o subappaltatrice - Art. 256, comma 1, lett. a), d.lgs. 152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Risoluzione del vincolo della continuazione conseguente alla esclusione della punibilità del più grave reato - Criteri di individuazione della pena per i reati satellite - Art. 181, 185 d.lgs. 42/2004.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 26/09/2018, Sentenza n.41674

RIFIUTI - Molitura delle olive e produzione di sansa - Conferimento all'interno di un invaso artificiale - Smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi allo stato liquido - Acque di vegetazione delle olive - Attività di lagunaggio - Caratteristica di sottoprodotto - Esclusione - Artt. 183, 184-bis, 256 c.1, lett. a) e 2 d.lgs. 152/06 - Nozione di rifiuto - Esclusione della valutazione soggettiva sulla natura dei materiali da classificare o meno quali rifiuti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Difensore non iscritto nell'albo speciale - Effetti - Inammissibilità originaria dell'impugnazione - Art. 613 cod. proc. pen. - Diniego delle attenuanti generiche - Obbligo di motivazione - Elementi considerati prevalente - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/09/2018, Sentenza n.41256

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ampliamento della volumetria preesistente all’esterno della sagoma esistente - Apertura di nuove pareti finestrate - Interventi classificabili come di “nuova costruzione” - Permesso di costruire o altro titolo equipollente - Necessità - Ristrutturazione cd. "minore" - Esclusione - Artt. 3, 10, 22, 44, d.P.R. n. 380/2001 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso per cassazione - Motivi generici - Validità del ricorso per cassazione - Sufficiente grado di specificità - Onere del ricorrente.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018, Sentenza n.

* BOSCHI E MACCHIA MEDITERRANEA - Taglio boschivo in assenza della prescritta autorizzazione - Pena prevista pecuniaria e detentiva - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Reati di cui agli artt. 142, 146 e 181 d. lgs. 42/2004 - Art. 44, c.1, lett. C), d.P.R. n.380/2001- DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sentenza di patteggiamento - Applicazione della sola pena pecuniaria - Pena illegale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018, Sentenza n.

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere abusive - Revoca o la sospensione dell'ordine di demolizione - Sentenza di condanna - Presentazione di istanza di condono o sanatoria successivamente al passaggio in giudicato - Art. 31, c.9, d.P.R. 380/2001 -  Giurisprudenza  - Reati edilizi - Ordine di demolizione impartito dal giudice - Natura di sanzione amministrativa - Revoca della  sentenza di condanna - Verifica della legittimità dell'atto concessorio - Potere-dovere del giudice dell'esecuzione - Requisiti di forma e di sostanza  - Manufatto abusivo - Ordine di demolizione indipendente al rapporto col bene - Ragioni di tutela del territorio - Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio - Inapplicabilità della disciplina generale della prescrizione - Giurisprudenza della Corte EDU - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Giurisprudenza - Zona vincolata di tipologia 1 del d.lgs. 42/2004 - Esclusione della condonabilità dell'opera - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Impugnazioni nel procedimento di esecuzione - Censura manifestamente infondate - Mancato esame da parte del giudice di merito -  Annullamento del provvedimento - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Sospensione del processo con messa alla prova passa - Applicazione e limiti - Art. 168-ter cod. pen. - Ordine di demolizione dell'opera edilizia abusiva - Declaratoria di estinzione del reato per esito positivo della messa alla prova - Applicazione delle sanzioni amministrative accessorie - Art. 168-ter cod. pen. - Artt. 31 e 44 d.P.R. n. 380/2001 - Art. 181, d. lgs. n. 42/2004 - Ordine di demolizione del manufatto abusivo - Natura di sanzione amministrativa - Procedimento di sospensione con messa alla prova - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - La messa alla prova nei reati edilizi - Eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato - Cd. sanatoria di (doppia) conformità - Funzione deflattiva, ripristinatoria e risarcitoria.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE Sez. FERIALE PENALE, Sez.3^, 04/09/2018, Sentenza n.39699

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Abuso d’ufficio - Prova del dolo intenzionale - Accertamento - Indici fattuali - Sufficienza - Art. 323 e 481 cod. pen. - Giurisprudenza - Certificato amministrativo proveniente da un pubblico ufficiale e certificati di esercenti un servizio di pubblica necessità - Differenza - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Falsità ideologica in certificati commessa da persone esercenti un servizio di pubblica necessità - Fattispecie: dichiarazione falsa di conformità dell'intervento edilizio alle norme urbanistiche edilizie vigenti in ambito comunale - Artt. 10, 20, 22, 36 e 37 d.p.r. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Falsità ideologica e bene tutelato - Affidamento dell'immediato destinatario dell'atto pubblico - Interesse protetto - Garanzia di veridicità - Qualificazione giuridica della condotta.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/09/2018, Sentenza n.39428

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Disciplina antisismica e singoli interventi - Valutazione di un'opera con riferimento al suo complesso - Artt. 36, 44, 83, 93 e 95 d.P.R. 380\2001 - articolo 181, comma 1-quinquies d.lgs. 42\2004 - Regime dei titoli abilitativi edilizi - Sanatoria degli abusi edilizi - Opere considerate unitariamente nel suo complesso - Sanatoria c.d. parziale - Sanatoria condizionata all'esecuzione di interventi - Sanatoria giurisprudenziale" o "impropria - Sanatoria postuma - Costruzioni in zone sismiche - Giurisprudenza - Opere edilizie soggette alla normativa antisismica - Assenza della prescritta autorizzazione antisismica - Ininfluenza delle disposizioni regionali - Pericolo la pubblica incolumità - Procedimento autonomo - Controllo preventivo della pubblica amministrazione - Natura di reato permanente - Momento della essazione della permanenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Mancata assunzione di prove decisive - Onere della prova della decisività della prova non ammessa - Principio di specificità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 31/08/2018, Sentenza n.39339

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Edificazione in zona agricola e sottoposta a vincolo paesaggistico - Oggettiva correlazione tra immobile realizzato e conduzione del fondo - Elementi di conformità ai fini del rilascio della sanatoria - Artt. 15, 31, 34 e 44, lett. b) e c) d.P.R. 380/2001 e 181, comma 1 d.lgs. 42/2004 - Suddivisione dell'attività edificatoria finale nelle singole opere - Regime dei titoli abilitativi edilizi - Opera considerata unitariamente nel suo complesso - Indicazione dei termini di inizio e di ultimazione dei lavori - Inosservanza dei termini - Effetti - Decadenza del permesso di costruire - Opere abusive e sanatoria c.d. condizionata - Condizioni e limiti - Doppia conformità - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Attività vincolata della P.A. e provvedimenti di rilascio illegittimi - Giurisprudenza - Reato urbanistico - Natura di reato permanente - Momento della consumazione e cessazione della permanenza - Fattispecie - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Demolizione delle opere abusive e rimessione in pristino dello stato dei luoghi - Subordine della sospensione condizionale della pena - Funzione direttamente ripristinatoria del bene offeso - Obbligo di specifica motivazione - Esclusione - Motivazione implicita - Natura di provvedimento accessorio alla condanna - Ostinata inottemperanza all'esecuzione dell'ordine di demolizione - Effetti - Revoca della sospensione condizionale della pena.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/08/2018, Sentenza n.39275

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Dissequestro temporaneo di opere edilizie - Autorizzazione al temporaneo accesso ai luoghi in sequestro - Modalità esecutive del sequestro - Controllo diretto della polizia giudiziaria - Atti impugnabili con la procedura dell'incidente di esecuzione - Fattispecie: sequestro di opere edilizie in assenza dei titoli abilitativi volto ad impedire la prosecuzione dei reati - Artt. 44 lett. e), 64, 71, 93, 94 e 95 d.P.R. 380/2001; 181 d.lgs. 42/2004; 734 cod. pen.; 13 e 30 legge 394/1991 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Polizia giudiziaria - Qualificazione come probatorio o preventivo del sequestro - Finalità - Circoscrizione normativa - Riesame avverso il decreto genetico del sequestro - Verifica delle condizioni originarie di applicabilità della stessa misura reale - Art. 321 e 322-bis cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/08/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - DIRITTO SANITARIO - Protesi umane e gestione dei rifiuti sanitari - Rifiuti derivanti da attività cimiteriali - Disciplina applicabile - Art. 24 L. n. 179/2002 - Art. 227 d.lgs. 152/2006 - Residui della combustione di sfalci derivanti dalla potatura - Normativa applicabile al settore agricolo - AGRICOLTURA - Attività di raggruppamento ed incenerimento di residui vegetali - Onere della prova - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Riesame di provvedimenti di sequestro (probatorio o preventivo) - Ricorso per cassazione - Art. 606, lett. e) cod. proc. pen. - Giurisprudenza - Tribunale del riesame - Ruolo di garanzia - Sequestro preventivo - Verifica della sussistenza del fumus del reato ipotizzato.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/08/2018, Sentenza n.39261

INQUINAMENTO ACUSTICO - Laboratorio di panificazione - Svolgimento di attività rumorosa - Condotta idonea ad arrecare disturbo ad un numero indeterminato di persone - Mancata redazione della valutazione di impatto acustico (c.d. VIAC) - Natura di reato di pericolo - Art. 659 commi 1 e 2 cod.pen. (capo A), art. 674 cod.pen. (capo B) - Attività o mestieri rumorosi - Ambito di operatività dell'art. 659 cod. pen. - Violazione di disposizioni di legge o prescrizioni dell'autorità - Superamento dei limiti di emissione fissati - Effettiva idoneità delle emissioni sonore ad arrecare pregiudizio ad un numero indeterminato di persone - Accertamento di fatto - Competenza del giudice di merito - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Art. 279 d.lgs n. 152/2005 - Esclusione - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Provvedimenti cautelari reali - Ricorso per cassazione - Presupposti - Art. 325 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/08/2018, Sentenza n.39032

RIFIUTI - Reati ambientali - Inosservanza degli obblighi - Difficoltà economiche dell'impresa - Causa di forza maggiore - Esclusione - SICUREZZA SUL LAVORO - Inosservanza di norme antinfortunistiche - Azione od omissione cosciente e volontaria dell'agente - Art. 45 cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di forza maggiore - Condotta dell'agente - Fatto imponderabile, imprevisto ed imprevedibile - Azione od omissione volontaria - Difficoltà economiche - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 23/08/2018, Sentenza n.38851

RIFIUTI - Confisca del mezzo di trasporto di proprietà del terzo estraneo - Uso del mezzo ignoto o non collegabile al reato - Necessità della negligenza - Limiti alla buona fede - Giurisprudenza - Artt. 256 e 259 d. lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Cosa utilizzata per la consumazione del reato - Revoca del sequestro preventivo - Cessazione delle esigenze cautelari - Sequestro e confisca - Artt. 321 e 323, cod. proc. pen. - Confisca facoltativa in capo ad un soggetto estraneo al reato - Onere della prova - Art. 240 cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 23/08/2018, Sentenza n.38859

RIFIUTI - Attività di trasporto di rifiuti prodotti da terzi - Assenza della comunicazione e/o iscrizione all'Albo Nazionale delle Imprese - Trasporto e modalità di accertamento della condotta non occasionale - Configurabilità del reato - Indici sintomatici (usura di parti del mezzo di trasporto) - Artt. 183, 212 e 256 d.lgs. n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Emissione del sequestro preventivo - Presupposti - Sussistenza del "fumus delicti" in concreto - Misure cautelari reali e ricorso per cassazione - Presupposti e limiti. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 23/08/2018, Sentenza n.38856

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Realizzazione di una pista e parco tematico di motocross con ristorante - Mancanza o illegittimità dell'autorizzazione paesaggistica - VIA VAS AIA - Assenza della valutazione di impatto ambientale - Verifica dell'impatto urbanistico e ambientale dell'intero complesso - Necessità - Piano Territoriale Provinciale (PTP) Art. 181, c.1, d.lgs. n.42/2004 - Esame del giudice penale - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in tema di misure cautelari reali - Sequestro.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/08/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Effetti del patteggiamento - Art. 444 cod. proc. pen. - Dissequestro e restituzione dei beni in sequestro - Omessa disposizione della demolizione delle opere abusive -  Artt. 31, 44, 64. 65 71, 93, 94 e 95 d.P.R. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Opere abusive - Sentenza di condanna e pena concordata dalle parti - Effetti nei reati edilizi - Art. 445 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/08/2018, Sentenza n.38753

VIA VAS AIA - Trattamento di scorie e ceneri di fusione - Autorizzazione integrata ambientale (AIA) - Attività accessoria nel medesimo insediamento - Applicazione della disciplina transitoria - Nuova istanza di rilascio dell'AIA o istanza di adeguamento - Migliori tecnologie disponibili - Artt. 6, 29-quaterdecies, c.1 e 29-quater d.lgs. 152/2006 - Art. 452-novies cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione -  Riesame di provvedimenti di sequestro (probatorio o preventivo) - Presupposti e limiti - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/08/2018, Sentenza n.38717

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Violazione disciplina antisimica - Regola tecnica di edificazione - Applicazione su tutto il territorio nazionale - Pericolo di aggravamento del reato e applicabilità del sequestro preventivo - Artt.44, 83, 93, 94 e 95, D. Lgs. 380/2001 - Costruzioni nelle zone sismiche - Preavviso scritto allo sportello unico - Preventiva autorizzazione scritta del competente ufficio tecnico della regione - Reati edilizi in zona vincolata - Costruzioni in zona sismica - Le prescrizioni per le si applicano a qualsiasi manufatto indipendentemente dai materiali impiegati e dalle relative strutture - Reato antisismico - Configurabilità - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Disciplina antisismica e  tutela dell'incolumità pubblica - Controllo preventivo della pubblica amministrazione - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Violazione della normativa antisismica in zona sottoposta a vincolo paesaggistico - Sequestro preventivo di cosa pertinente al reato in ipotesi criminosa già perfezionatasi - Pericolo della libera disponibilità - Art. 321 cod. proc. pen. - Integrazione del periculum in mora e vulnus al bene paesaggio - Art. 181, c.1, D.Lgs 42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro preventivo - Periculum in mora in violazione della disciplina antisismica.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/08/2018, Sentenza n.38670

RIFIUTI - Gestione di rifiuti - Trasporto di ingenti quantità di rifiuti speciali, pericolosi e non - Assenza delle autorizzazioni, iscrizioni, comunicazioni - Registri di carico e scarico, F.I.R. e iscrizione all'Albo nazionale dei gestori - Sequestro preventivo e confisca obbligatoria dei mezzi - Mero possesso della licenza d'ambulante - Esclusione dell'applicabilità della deroga - Artt. 188, 252, 256, 259, 260 e 266 d.lgs n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Pronuncia ai sensi dell'art. 444 cod. proc. pen. - Giurisprudenza - Art. 321 c.p.p. - Cosa sequestrata appartenente a terzo estraneo al reato - Onere della Prova.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/08/2018, Sentenza n.38409

MALTRATTAMENTO ANIMALI - Veterinario - Omissione di cure urgenti veterinarie a un cane oggetto da investimento stradale - Obbligo, nei casi di urgenza, di prestare le prime cure agli animali - Canile sanitario - Obbligo di assicurare prestazioni sanitarie di pronto soccorso agli animali che si trovano presso la struttura sanitaria - Configurabilità del dolo eventuale - Art. 544 ter cod. pen. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Decreto penale di condanna - Sentenza di proscioglimento - Impugnazione solo con ricorso per cassazione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.7^ 24/07/2018, Ordinanza n.35042

RIFIUTI - Gestione dei rifiuti - Materiale di risulta da demolizioni - Differenza tra rifiuto e sottoprodotto - Applicazione di un regime giuridico più favorevole - Presupposti di legge - Onere della prova - Artt. 183, 184, 184bis e 256 d.lgs n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso per Cassazione - Effetti e preclusioni - Cause di non punibilità - Art. 129 cod. proc. pen. - Fattispecie: prescrizione del reato maturata successivamente alla sentenza impugnata con il ricorso.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.7^ 24/07/2018, Ordinanza n.

* RIFIUTI - Reato di abusiva gestione di rifiuti - Attività di demolizione - Materiale misto di rifiuti non pericolosi - Disciplina sui rifiuti - Esclusione - Presupposti normativi - Sottoprodotto - Deposito temporaneo - Artt. 183, 184, 184bis e 256 d.lgs n.152/2006 - Onere della prova - T.U. Ambientale - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso per Cassazione - Motivi non specifici - Fattispecie: motivi generici ed indeterminati.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/07/2018, Sentenza n.34148

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Varianti in senso proprio e varianti essenziali - Caratteristiche e differenze - Artt. 22, 23 ter, 29, 31, 32, 34, 37 e 44 dpr n. 380/2001 - Giurisprudenza - Cessione di cubatura - Natura negoziale - Asservimento di un terreno - Presupposti e condizioni - Modifica di destinazione d'uso - Configurabilità e consumazione del reato - Nozione di "variante" - Titoli autorizzatori - Incidenza dell'aspetto qualitativo e quantitativo rispetto all'originario progetto - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Circostanze attenuanti generiche - Applicazione e diniego - Obbligo di analitica motivazione - Presupposti e limiti - Art. 133 c.p..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 18/07/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Responsabilità del direttore dei lavori - Rinuncia all'incarico e contestuale comunicazione - Artt. 29, 44, 45, d.P.R. 380 del 2001 - Reati edilizi - Responsabilità e limiti del proprietario del terreno o comproprietario non committente - Elementi, sintomatici della sua compartecipazione - Elementi oggettivi di natura indiziaria - Responsabilità e posizione di garanzia del titolare della concessione edilizia, committente, costruttore, direttore dei lavori - Giurisprudenza - Reati urbanistici - Responsabilità penale del (com)proprietario concorsuale - Contributo materiale o morale al reato - Art. 29 TUE - EDILIZIA - Muro di recinzione - Esecuzione in totale difformità dai permessi - Reato di cui all'art. 44, c.1, lett. b), d.P.R. 380/2001 - Configurabilità - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Difetto di specificità e difetto di concreto interesse ad impugnare - Determinazione della pena al di sotto della media edittale - Art. 133 cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.2^ 17/07/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Servizio per la gestione dei rifiuti - Artifici e raggiri durante la fase di esecuzione del contratto - Falsa attribuzione dei codici rifiuti - Alterazione dati dei rifiuti trattati - APPALTI - Condotte artificiose e violazione degli obblighi - Poteri di controllo e riduzione del prezzo - Impedimento - Rideterminazione del corrispettivo del servizio erogato - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Reato di truffa aggravata nei confronti della P.A. - Induzione ad errore - Ente - Corrispettivo del servizio erogato - Contratti ad esecuzione differita o sottoposti a condizione - Corretta esecuzione del servizio - Art. 640 cod.pen. - Sequestro preventivo per equivalente finalizzato alla confisca, disposto ex artt. 19 e 53 D.Lgs 231/01 - Determinazione - Servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti - Truffa aggravata commessa ai danni della pubblica amministrazione - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro preventivo per equivalente finalizzato alla confisca - Reato c.d. in contratto e c.d. reati contratto - Differenza - Determinazione del profitto confiscabile - Prestazioni eseguite con modalità non conformi al contratto - Art. 322 ter cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/07/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - SICUREZZA SUL LAVORO - INQUINAMENTO ACUSTICO - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di non punibilità - Condotte plurime, abituali e reiterate sorrette dalla medesima "ratio punendi" - Applicazione della tenuità del fatto - Esclusione - Presupposto negativo dell'abitualità anche distinte condotte implicate nello sviluppo degli accadimenti - Gestione non autorizzata - Esercizio abusivo della professione - Smaltimento di rifiuti prodotti da terzi in assenza del necessario titolo abilitativo - Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone (art. 659 cod. pen.) - D. lgs. n. 181/2008 - Art. 256 d. lgs. n.152/2006 - Art. 131-bis cod. pen. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/07/2018, Sentenza n.32478

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Responsabilità dell'esecutore dei lavori edilizi (in concorso con il committente e il direttore dei lavori) - Obbligo di verifica delle prescritte autorizzazioni - Elemento soggettivo del reato - Rilevanza del dolo o della colpa - Art. 44 lett. B) d.P.R. 380/2001 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Prescrizione del reato sollevata in cassazione - Data di consumazione antecedente rispetto a quella contestata - Onere della prova - Elementi incontrovertibili non smentiti né smentibili. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/07/2018, Sentenza n.

* DIRITTO DEMANIALE - Occupazione abusiva del suolo pubblico - Acquisizione o mantenimento senza titolo del possesso di spazio demaniale - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Presupposti per la revoca dell'ordine di demolizione delle opere abusive - Artt. 54, 1161 cod. nav. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Legittimità e vizi della motivazione per relationem della sentenza di secondo grado - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 13/07/2018, Sentenza n.

* PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Reato di abuso d'ufficio - Responsabile dell'Ufficio Tecnico - Art. 323 c.p. - Violazione dell'art. 31 del d.P.R. 380/2001 - Modifica del piano particolareggiato - Carenza probatoria relativa al dolo specifico del reato - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ordinanza di demolizione emessa dal Comune ineseguita - Attivazione delle procedure di demolizione - Gare andate deserte per mancanza di offerenti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione sulla motivazione della sentenza di non luogo a procedere - Valutazione di effettiva consistenza del materiale probatorio posto a fondamento dell'accusa da parte del G.U.P. - Prova della colpevolezza e impossibilità di sostenere l'accusa in giudizio - Prognosi dell'inutilità del dibattimento in ordine alla completabilità degli atti di indagine sulla prova positiva dell'innocenza o mancanza di prova della colpevolezza - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/07/2018, Sentenza n.32181

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Tettoia abusiva - Sequestro - Proprietario e custode del manufatto abusivo - Violazione dei sigilli e prosecuzione delle opere abusive - Effetti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Controllo della motivazione - Evidente interesse al compimento delle opere abusive - Unico complessivo corpo argomentativo - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/07/2018, Sentenza n.

* BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Costruzione abusiva di un fabbricato modesto (veranda, tettoia e pergolato) - Collocazione di una roulotte - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Interventi di terzi anonimi nella costruzione - Onere probatorio - Giurisprudenza - Artt. 10, 44, lett.e), 95, d.P.R. 380/2001 e art. 181, c.1, d. lgs. 42/2004 - Esistenza di un ragionevole dubbio sulla colpevolezza e piena prova della riconducibilità delle opere abusive - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Principio "Al di là di ogni ragionevole dubbio" - Sentenze impugnate in doppia conforme - Fattispecie: dati probatori e fattuali sulla riconducibilità soggettiva delle opere abusive ed ulteriori interessati alla realizzazione dei manufatti abusivi o comunque possessori o compossessori.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31388

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Installazione di prefabbricato in legno su basamento in cemento - Interventi c.d. precari - Esclusione - Permesso di costruire - Necessità - Destinazione funzionale - Esigenze contingenti e temporanee - Nuova disciplina - Termine non superiore a novanta giorni - Comunicazione di avvio lavori - Necessità - Disciplina antisismica - Interventi edilizi soggetti a permesso di costruire - Realizzazione di volumi e trasformazione in via permanente del suolo inedificato - Testo Unico Edilizia (T.U.E.) - Interventi da considerare di nuova costruzione soggetti a permesso di costruire (es. roulottes, campers, case mobili, imbarcazioni) se destinate ad una stabile utilizzazione, non meramente transitoria - Nozione di costruzione urbanistica - Manufatti che comportano una trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio - Giurisprudenza di merito e amministrativa - Funzione assegnata dal costruttore all'opera edilizia - Ininfluenza - Nozione di manufatti precari - Opere precarie - Nozione - Specifiche caratteristiche - Artt. 3, 6, 10, 31, 44, lett. b), 64, 65, 71, 72, 93, 94 e 95 d.P.R. 380/2001 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Subordine della concessione della sospensione condizionale della pena alla demolizione dell'opera abusiva - Obbligo di specifica motivazione - Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31399

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere edilizie soggette a permesso di costruire - Piattaforma in cemento armato con struttura intelaiata - Trasformazione urbanistica - Permesso di costruire - Necessità - Artt. 3 e 10, lett. a) del d.P.R. 380/01 - Giurisprudenza - Opera abusiva - Subordine della concessione della sospensione condizionale della pena alla demolizione - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Riconoscimento o diniego delle attenuanti generiche - Assenza di validi elementi di valutazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/07/2018, Sentenza n.

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Ordine di demolizione delle opere e rimessione in pristino dello stato dei luoghi a spese del condannato - Effetti della declaratoria di estinzione del reato per prescrizione -  Artt. 44, 65, 71, 72, 83 e 95 d.P.R. n. 380/2001 - Lavori abusivamente realizzati in zona sottoposta a vincolo paesaggistico - Sussistenza del delitto di cui all'art. 181, comma 1-bis, d.lgs. n. 42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Denuncia di violazioni di legge non dedotte con i motivi di appello - Questioni rilevabili di ufficio in ogni stato e grado del giudizio o che non sarebbe stato possibile dedurre in precedenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/07/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere abusive e presenza di una causa di estinzione del reato - Fattispecie: reati edilizi estinti per prescrizione e revoca dell'ordine di demolizione - Artt. 44 lett. b) dpr n. 380/2001 (capo a), 71 d.P.R. n. 380/2001 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Notificazione all'imputato del decreto di citazione in appello eseguita presso il difensore d'ufficio - Omessa notificazione del decreto di citazione per il giudizio di appello al difensore di fiducia - Nullità d'ordine generale insanabile.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/07/2018, Sentenza n.30919

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Mutamento di destinazione d'uso senza opere nell'ambito della stessa categoria urbanistica - Modifiche di destinazione che comportino il passaggio di categoria - Cambio d'uso eseguito nei centri storici - Reato urbanistico e reato paesaggistico - Natura permanente - Cessazione dell'attività - Reati contravvenzionale - Termine quinquennale di prescrizione - Giurisprudenza - Artt. 10, 22, 44, 93 e 95 d.P.R. n. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione inammissibile per manifesta infondatezza dei motivi o per altra ragione - Effetti e preclusioni.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/07/2018, Sentenza n.30884

INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Superamento dei limiti di emissione in atmosfera - Campionamento e analisi - Inizio del procedimento di analisi - Mancanza dell'avviso e violazione del contraddittorio - Prova della tempestiva deduzione - Necessità - Art. 279, c.2, d.lgs. n.152/2006 - Art. 180 cod. proc. pen. - Giurisprudenza - Divieto di alimentare un impianto termico con rifiuti - Violazione della prescrizione - Responsabilità del legale rappresentante dello stabilimento - DIRITTO PROCESSUALE PENALE -  Ricorso in Cassazione e difetto di specificità - Art. 581 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/07/2018, Sentenza n.30624

RIFIUTI - Realizzazione di un deposito incontrollato di rifiuti speciali pericolosi - Abbandono di rifiuti - Produzione e deposito di terzi all'insaputa del proprietario - APPALTI - Contratto di appalto per lo smaltimento - Ditta Inadempiente - Effetti - Responsabilità colposa dell'appaltante - Artt. 192, 256 d. lgs. n.152/2006 - Art. 40 c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio di Cassazione - Rilettura degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione - Preclusione - Censure attinenti a vizi della motivazione - Limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/07/2018, Sentenza n.30627

RIFIUTI - Gestione abusiva di rifiuti - Attività in concorso di raccolta e trasporto di rifiuti non occasionale - Partecipazione morale e materiale - Realizzazione di una discarica non autorizzata - Fattispecie: trasporti non occasionali di rifiuti effettuati in concorso - Art. 256 d. lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Mancata concessione del beneficio della non menzione - Omessa motivazione - Violazione di legge - Certificato del casellario giudiziale - Ricorso in cassazione - Effetti sulla prescrizione "medio tempore" maturata - Giudicato parziale e statuizioni indispensabili per il giudizio su ciascun reato - Accertamento del fatto e qualificazione giuridica - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 06/07/2018, Sentenza n.30626

RIFIUTI - Classificazione dei rifiuti - L'analisi disposta dal giudice non è sempre necessaria - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Sversamento incontrollato al suolo di rifiuti pericolosi -  Reflui provenienti da impianto fognario civile - Osservazione diretta degli operanti di P.G. - Art. 256, comma 1, lettera B), d. lgs. 152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Chiusura della fase istruttoria senza che sia stata assunta una prova in precedenza ammessa con acquiescenza delle parti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 05/07/2018, Sentenza n.30206

RIFIUTI - Gestione dei rifiuti e natura di sottoprodotto - Requisiti - Presunzione legale iuris tantum della qualifica di rifiuto - Onere di fornire la prova - Artt. 183, 184-bis, 256 e 259 d.lgs n. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ordinanze in materia di sequestro preventivo e probatorio - Ricorso per cassazione - Violazione di legge - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 05/07/2018, Sentenza n.30180

RIFIUTI - Gestione abusiva di rifiuti - Qualifica soggettiva del soggetto agente - Irrilevanza - Concreta attività posta in essere in assenza dei prescritti titoli abilitativi - Trasporto non autorizzato - Reato istantaneo - Elementi per escludere l'assoluta occasionalità - Attività di gestione di rifiuti non autorizzata - Condotta sanzionata - Assenza del prescritto titolo abilitativo e assoluta occasionalità - Artt. 208, 209, 211, 212, 214, 215, 216 e 256 D.lgs n. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Riconoscimento delle attenuanti generiche - Presupposti - Assenza di positivi elementi di valutazione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/07/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Qualificazione giuridica di un rifiuto come pericoloso - Criteri - Carattere della pericolosità - Preventiva analisi da parte dell'ARPA - Esclusione - Codice CER Fattispecie: accertamento da parte della polizia giudiziaria - Conferimenti abusivi - Accettazione e ricezione di rifiuti in violazione delle prescrizioni autorizzative e dei requisiti d'ammissibilità - Responsabilità del gestore della discarica - Gestione di discarica abusiva o irregolare nella fase post-operativa - Permanenza del reato - Disponibilità dell'area il gestore - Momento della cessazione della permanenza -  Art. 256, co. 3, d. lgs. n. 152 del 2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione e vizio di travisamento della prova - Ricorso per cassazione e rilettura degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione - Preclusione - Ricorso per cassazione e vizio di "travisamento della prova" - Ricorso per cassazione e aspecificità dei motivi.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/07/2018, Sentenza n.30062

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Omessa denuncia degli atti di atti traslativi aventi ad oggetto un cd "bene culturale" - Inadempimento all'obbligo di agire - Scadenza del termine - Natura di reato omissivo proprio permanente - Artt. 13, 14, 59, 173, 174 e 178 d. lgs. n. 42/2004 - Mancata denuncia degli atti di atti traslativi di beni protetti - Persistente condotta volontaria del soggetto attivo - Adempimento tardivo dell'atto - Effetti - Cessazione della permanenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Decreto di sequestro probatorio - Durata e rapporto di proporzionalità fra mezzo impiegato (spossessamento del bene) e fine endoprocessuale perseguito (accertamento del fatto reato).

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/07/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Sottoprodotti di origine animale (SOA) - Smaltimento e riciclaggio di carcasse e residui animale mediante incenerimento da parte di terzi - Autorizzazione ambientale integrata - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Lavorazione dei SOA di categoria 3 -  Esalazioni maleodoranti - Reati di cui agli artt. 184, 184 bis, 185 208, 256, 269, d. lgs. 152/2006, 674, cod. pen. - SICUREZZA SUL LAVORO - Contravvenzioni in materia di sicurezza sul lavoro - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro probatorio e preventivo - Ricorso per cassazione unicamente per motivi di violazione  - Sequestro emesso dopo la scadenza del termine delle indagini preliminari - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/07/2018, Sentenza n.29894

MALTRATTAMENTO ANIMALI - Decreto di sequestro preventivo di un cane - Art. 544 ter, cod. pen. - Maltrattamento di animali - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ordinanze emesse in materia di sequestro preventivo o probatorio - Ricorso per Cassazione  - Limiti - Fumus commissi delicti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.28725

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Acque meteoriche di dilavamento contaminate - Qualifica di reflui industriali - Scarico nel suolo e nel sottosuolo in mancanza di autorizzazione - Configurabilità del reato anche in mancanza di contaminazione - Artt. 133, 137, 256 d.lgs. 152/2006 - RIFIUTI - Discarica abusiva di rifiuti e mero abbandono di rifiuti - Configurabilità e differenza - Abitualità e sistematicità della condotta abusiva di accumulo - Specifiche indagini tecniche sulla qualità di rifiuti - Necessità - Esclusione - DANNO AMBIENTALE - Responsabilità da 231 - Requisito dell'interesse o vantaggio dell'ente - Elemento soggettivo - Colpa di organizzazione in capo al legale rappresentante dell'ente - D.lgs. 231/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Limiti e casi d'inammissibilità - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.28747

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Illecito edilizio - Procedura di fiscalizzazione - Interventi eseguiti in minima difformità dal permesso di costruzione - Permesso di costruire a sanatoria ai sensi dell'art. 34, c.2 D.P.R. 380/01 - Disciplina antisismica - Autorizzazione sismica in sanatoria - Efficacia estintiva delle violazioni - Esclusione - Recupero degli interventi abusivi conformi agli strumenti urbanistici generali e di attuazione - Giurisprudenza - Demolizione con pregiudizio della parte eseguita in conformità - Differenza e limiti della sanatoria edilizia e fiscale - Art. 34, 36 e 45 D.P.R. 380/01 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorsp per cassazione per difetto di motivazione - Mancanza dei requisiti minimi di coerenza, di completezza e di ragionevolezza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Discarica abusiva - Area adibita a discarica di rifiuti anche pericolosi - Modalità di gestione ed esclusione del carattere di occasionalità - Misura cautelare (sequestro preventivo) - Art. 256 d. lgs. n.152/2006 - Elaborazione giurisprudenziale - Fattispecie: sequestro dell'area e di tre automezzi ivi rinvenuti in stato di abbandono - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Impugnazione - Errores in iudicando - Presupposti - Motivazione apparente - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.28751

RIFIUTI - Discarica abusiva di rifiuti pericolosi e non - Confisca dell'area in comproprietà - Diritti del comproprietario non responsabile - Individuazione della quota anche mediante divisione - Art. 256 d.lgs n. 152/2006 - Contestazione dell'accusa - Mancata o errata indicazione degli articoli di legge violati - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Misura di sicurezza - Sequestro in via cautelare e confisca - Confisca di beni in comproprietà indivisa - Riforma del Codice Antimafia - Quote indivise di beni immobili appartenenti all'imputato condannato - Comproprietario terzo estraneo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva in zona agricola - Presupposti - Mancanza del piano di utilizzazione aziendale - Natura, caratteristiche costruttive delle opere e loro ubicazione -  Decreto di sequestro preventivo - Elementi giustificativi del fumus - Artt. 12, 30 e 44, lett. c) d.P.R. 380\2001 - Rilascio del permesso di costruire improduttivo di validi effetti - Illiceità del provvedimento - Verifiche e poteri del giudice penale - Fattispecie - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Misure cautelari reali - Provvedimento adeguatamente motivato - Sussistenza dell'elemento soggettivo del reato - Fumus del reato e valutazione sommaria - Giurisprudenza - Ricorso per cassazione avverso l'ordinanza emessa in sede di riesame di provvedimenti di sequestro (probatorio o preventivo) - Mera apparenza della motivazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018 (Ud. 15/05/2018), Sentenza n.28770

DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Principio di tassatività delle impugnazioni - Atti soggetti a tale strumento di verifica - Decreto di perquisizione da parte del P.M. - Limiti - Inosservanza da parte dell'autorità giudiziaria o della polizia giudiziaria - Effetti - Fattispecie: ispezione di immobili.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.28732

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Ecodelitti - Captazione di acque pubbliche in assenza di autorizzazione o concessione - Abusività della condotta - Configurabilità - Artt. 452-bis e 452-quiquies cod. pen. - DANNO AMBIENTALE - Nozione di compromissione e deterioramento nell'inquinamento ambientale - Accertamento del reato di inquinamento ambientale - Verifica - Espletamento di accertamenti tecnici specifici - Limiti - Casi strettamente necessari - Giurisprudenza - Configurabilità del delitto di inquinamento ambientale - Effetti dell'irreversibilità del danno non verificata - Cessazione della consumazione del reato - CODICE DELL'AMBIENTE - Ecodelitti e integrazione del reati - Configurabilità dell"abusività" della condotta - Presupposti - Art. 260 d.lgs. n.152/06 - Precedenti giurisprudenziali - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Cose che costituiscono corpo di reato - Decreto di sequestro o di convalida di sequestro probatorio - Motivazione - Necessità - Assicurazione delle fonti di prova - Riesame del sequestro probatorio - Sussistenza dei presupposti che giustificano il sequestro - Concetto di fumus di reato - Verifiche e valutazione della legittimità - Acquisizione di prove certe o prove ulteriori del fatto, non esperibili senza la sottrazione all'indagato della disponibilità della res - Artt.352-355 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Illecito smaltimento di rifiuti - Fase di raccolta e finale - RESPONSABILITA' 231 - Ecodelitti - Sequestro delle aziende e dei beni strumentali all'attività di impresa - Rapporto di pertinenzialità - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Costituzione nel procedimento - Rappresentati legali indagati del reato presupposto e nomina del difensore di fiducia dell'ente - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Responsabilità dei legali rappresentanti di una società e legittimazione processuale - Artt. 321, c.2 cod. proc. pen., 260 d.lgs. 152/06 e 452-undecies cod. pen. - Artt. 39, 43 e 57 d.lgs. 231/2001.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.

* DIRITTO DEMANIALE - Concessione demaniale marittima - Reati edilizi e paesaggistici - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Opere edilizie in assenza delle necessarie autorizzazioni - Strutture ricreative - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro preventivo - Esigenze cautelari e dei gravi indizi di colpevolezza - Motivando "per relationem" - Condizioni di legittimità della motivazione per relationem - Giurisprudenza - Ipotesi della motivazione apparente - Presupposti. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ordine di demolizione - Sentenza irrevocabile - Revoca o sospensione - Istanza di condono o di sanatoria - Onere del giudice dell'esecuzione - Definizione del procedimento amministrativo - Sospensione dell'esecuzione solo in prospettiva di un rapido esaurimento - Art. 31 del d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 - Ordine di demolizione adottato dal giudice - Natura di provvedimento giurisdizionale - Organo promotore dell'esecuzione - Pubblico ministero - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Circolare interpretativa - Natura di atto interno alla pubblica amministrazione - Non esplica alcun effetto vincolante - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Pubblico ministero - Status di indipendenza esterna.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.28759

RIFIUTI - Illecita gestione di ingenti quantitativi di rifiuti speciali, pericolosi e non - Ecodelitti - Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti - Associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti ambientali - Condanna per patteggiamento - Art. 452-quaterdecies cod. pen (art. 260 d.lgs. 152\06) - Confisca -  Art. 444 cod. proc. pen. - CODICE DELL'AMBIENTE - Ecodelitti e confisca dei beni di valore equivalente - DANNO AMBIENTALE - Disastro ambientale (art. 452-quater) - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ordinanza emessa in sede di riesame di provvedimenti di sequestro (probatorio o preventivo) - Ricorso per cassazione Limiti - Giurisprudenza - Decreto di sequestro preventivo - Istanza di riesame proposta dal difensore del terzo interessato privo di procura speciale - Inammissibilità - Nozione di criminalità organizzata - Requisito dell'organizzazione - Procedimenti art. 416 cod. pen. - Esclusione del mero concorso di persone nel reato - Termini e dilazioni.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.28736

AREE PROTETTE - Aree protette e sequestro preventivo - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Danneggiamento del patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale e distruzione o deturpamento di bellezze naturali - Concorso tra i reati sanzionati dalla legge quadro e le due contravvenzioni contenute nel codice penale - Art. 30, c.3 L. n.394/1991 - Artt. 733 e 734 cod. pen. - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Tribunale del riesame - Ruolo di garanzia - Valutazione delle allegazioni probatorie e delle confutazioni - Allegazioni di immediata evidenza ed oggettivamente determinante in relazione al "fumus commissi delicti" - Sequestro preventivo - Periculum in mora - Criteri per l'individuazione - Caratteri della concretezza e della attualità - Probabilità di danno futuro - Art. 321 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 20/06/2018, Sentenza n.28532

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Titolo abilitativo in sanatoria e revoca del sequestro preventivo di un manufatto abusivo - Requisito della c.d. "doppia conformità" - Artt. 31 e 44 d.P.R. n. 380/2001 - Art. 321 cod.proc.pen. - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione contro ordinanze emesse in materia di sequestro preventivo - Presupposti - Violazione di legge - Art. 325 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 20/06/2018, Sentenza n.28493

RIFIUTI - Gestione di rifiuti - Inosservanza delle prescrizioni contenute o richiamate nelle autorizzazioni - Natura di reato formale di pericolo - Controllo amministrativo da parte della pubblica amministrazione - Irrilevante l'insussistenza di un danno in concreto all'ambiente - Artt. 216 e 256, 4 c. d. lgs. 152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Conversione della impugnazione - Requisiti di sostanza e forma stabiliti ai fini della impugnazione - Principio di conservazione degli atti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 7^ 8/06/2018, Ordinanza n.

RIFIUTI - Raccolta e trasporto abusivo di rifiuti speciali non pericolosi con mezzi propri - Assenza di autorizzazione - Condotta occasionale - Reato ha natura istantanea - Albo nazionale dei gestori ambientali - Iscrizione - Necessità - Artt. 256 d.lgs. 152/2006, in relazione all'art. 6 L. 210/2008  - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità originaria del ricorso - Effetti - Causa di estinzione del reato intervenuta successivamente alla decisione impugnata - Preclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 4^ 06/06/2018, Sentenza n.

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO E DEL SUOLO - Natura del reato di avvelenamento - Differenza tra reato istantaneo ad effetti permanenti e reato istantaneo a condotta perdurante - Momento della consumazione del reato - Art. 439 cod. pen. - Art. 674 cod. pen. - Artt. 101, 103, 104, 256 e 257 d.lgs. n. 152/2006 - DIRITTO DEGLI ALIMENTI - Avvelenamento di acque o di sostanze alimentari - Condotte di "inquinamento" e configurabilità del delitto di avvelenamento di acque o di sostanze alimentari - Qualità e quantità dell'inquinante - Valutazione del giudice di merito - Pericolo presunto per la salute pubblica potenzialmente idoneo a produrre effetti tossico-nocivi - Mero superamento di "limiti - soglia" - Valenza precauzionale - Nozione di pericolosità - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso a competenze specialistiche con l'obiettivo di integrare i saperi del giudice - Conferimento dell'incarico a periti e consulenti e procedimentalizzazione di atti - Impiego della prova scientifica e affidabilità delle informazioni - Ricorso in cassazione e limiti del giudice di legittimità - Valutare della correttezza metodologica dell'approccio del giudice di merito al sapere tecnico-scientifico - Onere della compiuta motivazione del giudice di merito - Contrapposte teorie scientifiche - Esamina delle argomentazioni del perito o consulente da parte del giudice di merito - Motivazione sull'interpretazione dei dati fattuali disponibili - Fattispecie - Immediata dichiarazione di una causa di non punibilità e proscioglimento nel merito - Presenza della parte civile - RISARCIMENTO DEL DANNO - Valutazione del compendio probatorio ai fini delle statuizioni civili - Il giudice di secondo grado deve procedere ad esaminare funditus i motivi di doglianza senza limitarsi al criterio di economia processuale ex art. 129, cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/06/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Terra e rocce da scavo di provenienza da altro cantiere - Conferimento in discarica di rifiuti non pericolosi - Assenza della documentazione autorizzativa dello scarico nel cantiere di arrivo - Formulario di identificazione per trasporto rifiuti su strada - Art.256, c.1, lett. a) d.lgs. n. 152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione e conversione della impugnazione - Principio di conservazione degli atti - Requisiti di sostanza e forma stabiliti ai fini della impugnazione che avrebbe dovuto essere proposta - Art. 568, comma 5, cod. proc.pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 23/05/2018, Sentenza n.23200

RIFIUTI - Illecita gestione  - Reati con condotte plurime - Causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto - Gravità del danno o del pericolo - Art. 256, c.4 d. lgs n.156/2006 - Artt. 131-bis e 133, 1° c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Diniego delle circostanze generiche - Elementi negativi di valutazione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 23/05/2018, Sentenza n.23183

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Nozione di pergolato - Zona sismica e soggetta a vincolo paesaggistico - Intervento edilizio eseguito in assenza dei necessari titoli abilitativi - Artt. 44, lett. e), 93, 95 d.P.R. n.380\01 e 181, c.1-bis d.lgs. n.42\2004 - Nozione e differenze tra "pergolato", "tettoia" e "pensilina" - Titoli abilitativi - Natura precaria o pertinenziale dell'intervento - Casi di esclusione - Giurisprudenza (amministrativa e di merito) - Suddivisione dell'attività edificatoria finale - Regime dei titoli abilitativi edilizi - Interventi su preesistente opera abusiva - Complesso e valore unitario delle opere - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Reati ascritti allo stesso imputato è idealmente scindibile in ragione dei capi di imputazione - Propria individualità ad ogni effetto giuridico - Sentenza di condanna cumulativa - autonomia dell'azione penale e dei rapporti processuali - Prescrizione - Limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 23/05/2018, Sentenza n.23186

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Nozione di difformità totale dal titolo edilizio - Opere non rientranti tra quelle consentite o mutamento della destinazione d'uso di un immobile o di parte di esso - Riferimento alla "autonoma utilizzabilità" - Artt. 2, 31, 44, lett. b) d.P.R. 380/01 - Nozione di organismo edilizio e difformità totale - Unità immobiliare e pluralità di porzioni volumetriche - Aumento del c.d. "carico urbanistico" - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sentenza di proscioglimento pronunciata con il rito speciale - Giudizio abbreviato e riduzione del terzo della pena - Impugnazione del pubblico ministero - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 22/05/2018, Ordinanza n.

* RIFIUTI - Confisca obbligatoria del mezzo utilizzato per il trasporto abusivo di rifiuti disposta con decreto penale di condanna - Esclusione - Riqualifica come richiesta di incidente di esecuzione e trasmissione degli atti  al giudice competente - Reato di cui all'art. 256, c.1, lett. a) d.lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Abnormità del provvedimento - Principi generali di conservazione degli atti giuridici e del favor impugnationis - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 7^ 10/05/2018, Ordinanza n.

* INQUINAMENTO ACUSTICO - Emissioni sonore (musica ad altro volume) - Responsabilità del gestore del locale e dell'amministratore della società - Reato di cui all'art. 659 c.p. - Tutela la pubblica quiete - Idoneità e incidenza delle condotte - Fattispecie e giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione - Rilettura degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione - Procedimento valutativo - Riservato al giudice di merito.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/05/2018, Sentenza n.20739

AREE PROTETTE - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Interventi, opere e costruzioni in aree protette - Titoli abilitativi - Rilascio di tre distinti e autonomi provvedimenti - Artt. 149, 181 d.lgs. n.42/2004 - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Realizzazione di un muro di recinzione - Modifica rilevante dell'assetto urbanistico del territorio - Permesso a costruire - Necessità - Giurisprudenza - Artt. 3, 10, 22, 37, 44, 81, 94 e 95 d.P.R. n.380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Riesame del sequestro probatorio - Congruità degli elementi rappresentati - Idonea motivazione - Ricorso per cassazione proposto avverso provvedimenti cautelari reali - Nozione di "violazione di legge" - Motivazione assente - Artt. 325 e 606 lett. e) cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 09/05/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Gestione dei rifiuti - Attività non autorizzata di gestione e recupero di rifiuti speciali non pericolosi - Deposito incontrollato di rifiuti speciali non pericolosi - Deposito temporaneo - Applicazione di disposizioni di favore che derogano ai principi generali - Onere della prova gravante sul produttore dei rifiuti - Art. 256, c.1, lett. a) e c.2, in relazione all'art. 183, c.1 e 230 d.lgs. 3/4/2006, n. 152 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Applicabilità della causa di non punibilità per la particolare tenuità del fatto - Assenza dei presupposti - Art. 131-bis cod. pen. - Principio di proporzionalità - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 4^ 08/05/2018, Sentenza n.20102

ANIMALI - Omessa custodia e mal governo di animali - Posizione di garanzia assunta dal semplice detentore di un cane mordace - Cautele necessarie a prevenire le reazioni dell'animale - RISARCIMENTO DEL DANNO - Lesioni colpose - Aggressioni a terzi anche all'interno dell'abitazione - Microchip di identificazione - Irrilevanza sull'obbligo di custodia - Art. 672 cod. pen. - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ipotesi di nullità per omessa citazione a giudizio - Limiti - Domicilio presso lo studio di un avvocato. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 08/05/2018, Ordinanza n.20089

INQUINAMENTO ACUSTICO - Disturbo del riposo e delle occupazioni - Reato di cui all'art. 659 c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Difensori non abilitati al patrocinio innanzi alle giurisdizioni superiori - Inammissibilità del ricorso per cassazione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 07/05/2018, Sentenza n.19692

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Proprietà statale delle cose d'interesse archeologico - Presunzione di proprietà pubblica - Onere della prova - Dominio privato sugli stessi oggetti - Eccezione e presupposti -  Artt. 81, 110 cod. pen. e 174 d.lgs. n. 42/2004 - L n. 364/1909, Regio decreto n. 363/1913, L. n. 1089/1939, artt. 826, c.2, 828 e 832 cod. civ.- Reato di esportazione abusiva di beni culturali - Confisca obbligatoria anche in ipotesi di proscioglimento - Presupposti - Provvedimento ablatorio ex art. 174 d.lgs. n. 42/2004 - Persona estranea al reato -  Eccezione - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Beni di interesse storico e artistico oggetto di illecito trasferimento all'estero - Beni appartenenti al patrimonio indisponibile dello Stato - Confisca obbligatoria anche se il privato non è responsabile dell'illecito o comunque non ha riportato condanna - Natura di misura recuperatoria di carattere amministrativo.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/05/2018, Sentenza n.19147

RIFIUTI - Attività di gestione e smaltimento di rifiuti secondo modalità non consentite - Attività non occasionale - Integrazione del reato di cui all'art. 256, c.1,  dlgs n. 152/2006 - Fattispecie: riversamento di liquidi aspirati da fosse settiche nella rete fognaria ovvero direttamente sui terreni agricoli - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Irrogazione del trattamento sanzionatorio e concessione dei benefici di legge - Motivazione - Richiamo alla equità e criterio di sintesi - Art. 133 cod. pen. - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

Pagine