CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.5^ 08/10/2018, Sentenza n.44836

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione materiale - Natura di reato progressivo nell'evento - Momento della consumazione e cessazione del reato - Bene protetto uso e tutela del territorio - Artt. 29, 30, 44 lettera e), d.P.R. 380/2001 - Lottizzazione abusiva cosiddetta "materiale" - Condotta lottizzatoria e reato permanente - Uso o sfruttamento del territorio da parte di terzi contra ius - Perpetuazione dell'offesa - Reati urbanistici ed edilizi e reato di lottizzazione abusiva - Può essere commesso da chiunque violi la disciplina in materia - Condotta illegittima - Commissione del reato - Pluralità di soggetti, in concorso fra loro (proprietari, costruttori, geometri, architetti, mediatori di vendita, notai, esecutori di opere, pubblici ufficiali o amministratori, committente, titolare del permesso di costruire, direttore dei lavori, appaltatore dei lavori ecc) - Illecito lottizzatorio - Natura di reato progressivo nell'evento e reato a consumazione prolungata o frazionata - Medesima ratio - Momento della consumazione del reato - Illegittimità permessi di costruire e gli atti amministrativi successivi e conseguenti - Poteri del Consiglio comunale - Differenza tra opere precarie e non precarie - Titolo abilitativo edilizio - Periodo transitorio - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Prescrizione del reato nel giudizio di cassazione - Onere della prova a carico del ricorrente - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.5^ 25/10/2018, Sentenza n.48898

APPALTI - Gara di appalto - Requisiti soggettivi - Dichiarazione richiesta ai partecipanti - Falsa attestazione - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Falsità ideologica in atto pubblico - Elementi del dolo generico - Volontarietà e consapevolezza - Fraudolenza del silenzio serbato - Fattispecie: condanna ai sensi dell'art. 444 cod. pen. e recante il beneficio della non menzione sul certificato del casellario giudiziale.

Categoria: 

Autorità: 

TAR UMBRIA - 8 novembre 2018

* DIRITTO DELL’ENERGIA - Impianti alimentati da energia rinnovabile - Procedura abilitativa semplificata - Artt. 6 e 7 del d.lgs. n. 28/2001 - Disciplina dettata dall’art. 12 del d.lgs. n. 387/2003 e dalla linee-guida (D.M. 10/09/2010) - Inapplicabilità - Principio di precauzione - Vicende pregiudizievoli - Situazione di pericolo prospettata - Potenzialità o latenza - Mera ipotesi - Insufficienza.

Categoria: 

Autorità: 

TAR SICILIA, Palermo - 12 novembre 2018

* APPALTI - Clausole del bando - Contrarietà al principio di tassatività delle cause di esclusione -  Nullità - Art. 83, c. 8 d.lgs. n. 50/2016 - Conseguenze in tema di tutela giurisdizionale - Principio di tassatività delle cause di esclusione - Art. 83, c. 8 d.lgs. n. 50/2016 - Rinvio alle “disposizioni di legge vigenti” - Previsione di clausole di esclusione da parte di fonti regolamentari - Implicita abrogazione.

Categoria: 

Autorità: 

TAR MOLISE, Sez. 1^ - 13 novembre 2018, n. 656

INQUINAMENTO DEL SUOLO - Obbligo di assumere misure atte a rimuovere l’inquinamento - Autore della contaminazione - Artt. 242 e 244 d.lgs. n. 152/2006 - Siti inquinati - Normativa speciale - Presupposti per l’emanazione di ordinanze contingibili e urgente - Applicabilità della normativa generale di cui all’art. 50 d.lgs. n. 267/2000.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 29/10/2018, Ordinanza n.27364

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Costruzioni in confine con piazze e vie pubbliche - Protezione di interessi pubblici - Uso concreto del bene da parte della collettività - Disciplina delle norme relative alle distanze - Insussistenza di un diritto soggettivo suscettibile di dar luogo a tutela ripristinatoria - Artt. 872, 873 e 879, c.2 c.c. - Giurisprudenza - Esonero dal rispetto delle distanze legali previsto dall'art. 879 c.c., comma 2 - Interesse pubblico all'assetto viario ed alla circolazione urbana.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 19/10/2018, Sentenza n.47729

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Confisca urbanistica di terreni - Irrevocabilità della sentenza - Richiesta di revoca della confisca - Successione ereditaria - Non rileva la buona fede dell'erede - Inesistenza di una situazione soggettiva attiva - Acquisizione di diritto del terreno al patrimonio comunale - Art. 29, 30 e 44 d.P.R. n. 380/2001 - Acquisto di un terreno per realizzarvi un'opera che contrasta con la destinazione di piano - Ignoranza incolpevole - Esclusione - Lottizzazione abusiva disposta al di fuori dei casi di condanna - Opposizione del terzo rimasto estraneo al procedimento - Verifiche del giudice dell'esecuzione - Condotta del terzo acquirente dell'immobile - Insussistenza della buona fede - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Motivazione della decisione - Indagine di legittimità - Limiti - Travisamento della prova - Casi di configurabilità - Errore percettivo (e non valutativo) della prova - Frattura logica tra la premessa fattuale del ragionamento e la conclusione - Principio di "autosufficienza del ricorso" - Onere della prova - Integrale contenuto degli atti - Mancanza e manifesta illogicità della motivazione - Allegazione in blocco delle trascrizioni degli atti processuali - Indicazione degli "altri atti del processo" - Esclusione - Art. 606, c.1 lett. e), cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/10/2018, Sentenza n.49679

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Disciplina antisismica e illiceità della condotta - Controllo preventivo della pubblica amministrazione - Effetti della verifica postuma dell'assenza del pericolo ed il rilascio del provvedimento abilitativo - Artt. 93, 94, 95 d.P.R. n.380/2001 - Reati concernenti l'attività edificatoria in zone sismiche - Ufficio del Genio Civile - Rilascio postumo del parere favorevole - Effetti antigiuridicità penale della condotta - Pericolosità o meno della costruzioni - Irrilevanza - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Causa di esclusione della punibilità - Particolare tenuità del fatto di cui all'art. 131-bis cod. pen. - Nozione di abitualità nel reato.

Categoria: 

Autorità: 

TAR SICILIA, Catania - 6 novembre 2018

* ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO - Concessione di sostanze minerali (acqua) nella regione Sicilia - Competenza dell’ingegnere capo del distretto minerario - Limiti - Valutazione in ordine ai presupposti per usi non industriali dell’acqua - Competenza dell’assessore per l’industria e il commercio - Diniego di concessione mineraria per uso potabile - Prevalenza accordata allo sfruttamento dell’acqua per fini industriali - Omessa specifica motivazione - Illegittimità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/10/2018, Sentenza n.48845

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Lottizzazione abusiva - Area destinata a campeggio - Stabile collocazione di più manufatti di pernottamento astrattamente mobili - Artt. 3, 30, 44 d.P.R. n.380/2001 - Giurisprudenza - Differenza mero abuso edilizio e lottizzazione abusiva - Illegittima trasformazione urbanistica o edilizia del territorio - Rilevante impatto negativo sull'assetto territoriale - Fattispecie: piazzole sormontate da tende.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/10/2018, Sentenza n.46080

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Vincolo paesaggistico - Requisiti - Pubblicazione nella G.U. - Operatività del vincolo - Notifica del decreto ai proprietari - Limiti - Vincolo imposto sui singoli beni - Art. 44 lett. C d.P.R. n.380/2001 - Art. 181 d. lgs. n.42/2004 - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Abuso di ufficio - Macroscopica illegittimità dell'atto - Istruttoria palesemente lacunosa - Prova del dolo intenzionale - Comportamento non iure dell'agente Art. 323 cod. pen.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 24/10/2018, Sentenza n.48370

INQUINAMENTO ACUSTICO - Immissioni rumorose - Esercizio di una attività o di un mestiere rumoroso - Varie fattispecie di violazioni - Mancato rispetto dei limiti di emissione del rumore - Disturbo al riposo e alle occupazioni di una pluralità indeterminata di persone - RISARCIMENTO DEL DANNO - Risarcimento del danno in favore della costituita parte civile - Art. 659, cod. pen. - L.n. 447/1995 -  D.P.C.M. 1/3/1991 - Legge n. 689/1981 - Giurisprudenza - Legge quadro sull'inquinamento acustico e reato di cui all'art. 659, c.2, cod. pen. - Differenze e configurabilità delle violazioni.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 07/11/2018, Sentenza n.

* INQUINAMENTO ACUSTICO - Rumore - Emissioni sonore ad alto volume - Disturbato il riposo e la quiete dei soggetti residenti negli stabili limitrofi al locale - Responsabilità del legale rappresentante della società che detiene le autorizzazioni commerciali per la conduzione del locale - Cessione della materiale gestione del locale a terzi - Attività di sorveglianza - Omissione - Normale tollerabilità - Reato di cui all'art. 659 cod. pen. - Configurabilità.

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO - 12 novembre 2018

* DIRITTO DELL’ENERGIA - Costruzione ed esercizio di impianti di produzione elettrica alimentati da fonti rinnovabili - Conferenza di servizi - Parere negativo espresso da un organo tecnico-consultivo (ARPA) al di fuori della conferenza - Incompetenza assoluta - Diniego di autorizzazione unica - Giudizio di appello - ARPA - Situazione giuridica attiva e differenziata - Carenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 15/10/2018, Sentenza n.46699

DANNO AMBIENTALE - Associazioni ambientaliste - Costituzione parte civile iure proprio nel processo per reati ambientali - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Enti esponenziali del diritto alla tutela ambientale - RIFIUTI - Nozione di deposito controllato o temporaneo - Natura eccezionale e derogatoria - Mancanza dei requisiti - Deposito preliminare - Messa in riserva - Deposito incontrollato o abbandono - Discarica abusiva - Disciplina applicabile - Onere della prova - Art.183 e 256 d. lgs. n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO - 13 novembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Attività di frazionamento di immobili - D.lgs. n. 222/2016 - Attività di manutenzione straordinaria - CILA - Conformità agli strumenti urbanistici e ai regolamenti edilizi - Disciplina previgente - Art. 6 d.P.R. 380/2001 - Attività edilizia libera - Interventi in contrasto con la disciplina urbanistica - Non erano comunque consentiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 29/10/2018, Ordinanza n.27413

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - CONDOMINIO - I frontalini dei balconi fanno parte del decoro architettonico dell'edifico comune - La spesa per la relativa riparazione ricade su tutti i condomini - Elementi decorativi della facciata del fabbricato comune - Proprietà condominiale e concetto di proprietà esclusiva - Art. 1117, n. 3, c.c. - Giurisprudenza consolidata.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 1^, 17/10/2018 Sentenza C-167/17

VIA VAS AIA - Ambiente - Valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati - Diritto di ricorso contro una decisione di autorizzazione - Obbligo di una procedura non eccessivamente onerosa - Nozione - Applicazione nel tempo - Efficacia diretta - Incidenza su una decisione nazionale di liquidazione delle spese divenuta definitiva - Rinvio pregiudiziale - Poteri e doveri dei giudici di uno Stato membro - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudice nazionale chiamato a pronunciarsi sull’importo delle spese - Controversia nel procedimento principale - Obbligo di interpretazione conforme - Verifica del giudice del rinvio.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 2^, 04/10/2018 Sentenza C-242/17

DIRITTO DELL'ENERGIA - Promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili – Bioliquidi utilizzati per un impianto termoelettrico – Articolo 18 Direttiva 2009/28/CE – Criteri di sostenibilità per i bioliquidi – Sistemi nazionali di certificazione della sostenibilità – Decisione di esecuzione 2011/438/UE – Riconoscimento del sistema ISCC «International Sustainability and Carbon Certification» - Sistemi volontari di certificazione della sostenibilità dei biocarburanti e dei bioliquidi approvati dalla Commissione europea - Obbligo per gli operatori intermedi di presentare i certificati di sostenibilità – Normativa nazionale, art. 34 TFUE e Dir. 2009/28/CE – Operatori economici - Intervento nella catena di consegna del prodotto - Libera circolazione delle merci.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 2^, 13/09/2018 Sentenza cause riunite C-54/17 e C-55/17

TUTELA DEI CONSUMATORI – Compagnie telefoniche - Vendita di carte SIM (Subscriber Identity Module, modulo d’identità dell’abbonato) che includono determinati servizi preimpostati e preattivati – Assenza di previa informazione dei consumatori - Pratiche commerciali sleali – Pratiche commerciali aggressive – Operatore di telecomunicazioni di carte SIM - Fornitura non richiesta – Direttiva 2005/29/CE – Ambito di applicazione – Direttiva 2002/21/CE – Direttiva 2002/22/CE – Servizi di telecomunicazione – Rinvio pregiudiziale.

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 8^, 07/11/2018 Sentenza Cause riunite C-293/17 e C-294/17

FAUNA E FLORA – Conservazione degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatiche – AREE PROTETTE - Zone speciali di conservazione – Attività di pascolo del bestiame e di applicazione di fertilizzanti al terreno in prossimità di zone Natura 2000 – Intervento fisico sull’ambiente naturale - Limiti - Articolo 6 Direttiva 92/43/CEE - Opportuna valutazione - Misure di conservazione - Misure di prevenzione – Opportuna valutazione dell’incidenza di un piano o di un progetto su un sito – Attività periodica - Programma nazionale di gestione dei depositi di azoto – Nuova procedura di autorizzazione - Condizioni di esecuzione – Nozioni di “progetto” e di “opportuna valutazione” – Valutazione globale a monte delle autorizzazioni individuali di aziende agricole che generano tali depositi - Opportuna valutazione - Validità scientifica - Spetta al giudice nazionale verificare - AGRICOLTURA E ZOOTECNIA - Fertilizzanti al terreno e pascolo del bestiame - Incidenze sui siti - Verifiche del giudice - Monitoraggio e controllo di aziende agricole le cui attività generano depositi di azoto. 

Categoria: 

Autorità: 

TAR CALABRIA, Catanzaro - 12 novembre 2018

* VIA, VAS E AIA - AREE PROTETTE - SIC e ZPS - Piani o progetti che possano avere incidenze significative - VINCA - Principio di precauzione - Art. 6, n. 3 direttiva 92/43/CEE - Rinnovo dell’AIA - Valutazione di incidenza - Non è richiesta - Fattispecie: riattivazione di un impianto di rifiuti a lungo sottoposto a sequestro per gravi violazioni ambientali e conseguente necessità di VINCA.

Categoria: 

Autorità: 

TAR ABRUZZO, Pescara - 25 ottobre 2018

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Poteri di ordinanza ex art. 278 d.lgs. n. 152/2006 - Criteri di gradualità e progressività - Meccanismo di revoca - Presupposti - Condizioni alternative - Mancato adeguamento alle prescrizioni imposte con la diffida - Reiterata inosservanza con pericolo o danno per la salute o l’ambiente - Adozione di misure sanzionatorie - Principio di proporzionalità - Bilanciamento degli interessi - Minor sacrificio possibile - Fattispecie.

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 8^, 13/09/2018 Sentenza C-332/17

TUTELA DEI CONSUMATORI – Comunicazioni telefoniche – Contratti conclusi con i consumatori – Prassi di un fornitore di servizi di telecomunicazioni consistente nel proporre ai propri clienti che hanno già concluso un contratto un numero di assistenza a selezione rapida soggetto ad una tariffa superiore alla tariffa di base - Divieto - Rinvio pregiudiziale – Articolo 21 Direttiva 2011/83/UE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 8^, 20/09/2018 Sentenza C-448/17

TUTELA DEI CONSUMATORI - Clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori - Procedimento d’ingiunzione di pagamento - Opposizione - Direttiva 93/13/CEE - Normativa nazionale che subordina la facoltà d’intervento in giudizio di un’associazione per la difesa del consumatore al consenso del consumatore - Credito al consumo - Direttiva 87/102/CEE - Contratto concluso tra un professionista e tale consumatore - Clausole abusive - Obbligo di redigere le clausole in modo chiaro e comprensibile - Fase dell’emanazione di un’ingiunzione di pagamento nei confronti di un consumatore - Audizione delle autorità giudiziarie da parte di persone o organizzazioni aventi un legittimo interesse a tutelare i consumatori dall’uso di clausole abusive - Contratti conclusi con i consumatori - Obbligo di indicare il tasso annuale effettivo globale nel contratto scritto - Contratto contenente soltanto un’equazione matematica di calcolo del tasso annuale effettivo globale priva degli elementi necessari per effettuare tale calcolo - Rinvio pregiudiziale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Caratteristiche della pertinenza ed esclusione del permesso di costruire - Oggettiva esigenza funzionale dell'edificio principale - Sfornito di un autonomo valore di mercato - Volume non superiore al 20% di quello dell'edificio cui accede - Esclusione di destinazione autonoma e diversa - Artt. 3, 44, lett. c), 64, 65, 71, 72, 83 e 95 d.P.R. 380/2001- Art. 181, c.1 bis, d.lgs. 42/2004 - Art. 734 cod. pen. e 349, c.2, cod. pen. - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

TAR LOMBARDIA, Milano - 29 ottobre 2018

* VIA, VAS E AIA - Fase della VAS - Sviluppo all’interno del procedimento di adozione - Anteriorità rispetto al provvedimento finale di approvazione - Mutata concezione del procedimento programmatorio, di derivazione comunitaria - Autorità competente - Non costituisce articolazione necessaria della struttura organizzativa dell’ente - Nomina - Competenza derivata - Necessità susseguente alla decisione pianificatoria.

Categoria: 

Autorità: 

TAR VENETO 5 novembre 2018

* APPALTI - Art. 80, c. 5, lett. c) d.lgs. n. 50/2016 - Portata relativa alle sole false dichiarazioni sul possesso dei requisiti di carattere generale o speciale - Inconfigurabilità - Valutazioni e punteggi attribuiti dalla commissione - Insindacabilità nel merito - Fondamento.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/07/2018, Sentenza n.34145

RIFIUTI - Definizione di deposito controllato o temporaneo non disciplinato dalla normativa sui rifiuti - Rispetto delle norme tecniche - Nozione e differenza tra deposito preliminare, messa in riserva, deposito incontrollato o abbandono e discarica abusiva - Giurisprudenza - Art. 183, 208, e 256 d.lgs n. 152/2006 - Attività di gestione di rifiuti non autorizzata - Reato contravvenzionale - Elemento psicologico dolo e colpa - Errore scusabile e ignoranza della legge penale - Buona fede - Elementi e limiti - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Scarico sul suolo acque reflue industriali in violazione del prescritto divieto - Acque meteoriche e di dilavamento dei piazzali - Contestazione dell'accusa - Specificazione del fatto più che all'indicazione delle norme di legge violate - Mancata individuazione degli articoli di legge violati - Irrilevanza - Limiti - Esercizio del diritto di difesa - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Scarichi sul suolo e scarichi nel sottosuolo e nelle acque sotterranee - TU Ambientale Artt. 103, 104 e 137 d. lgs. n. 152/2006 - Tutela penale dall'inquinamento - Differenza tra acque meteoriche da dilavamento e reflui industriali ex art. 74, lett. h), D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 - Fattispecie: trasformazione di acque meteoriche per contaminazioni con sostanze o materiali inquinanti in reflui in acque industriali - RIFIUTI - Qualifica di rifiuti dei materiali - Obiettivi connaturanti la condotta tipica - Accertamento della natura di un oggetto quale rifiuto - Art. 183 D.Lgs.  n. 152/2006 - Quaestio facti - Demandata al giudice di merito insindacabile in sede di legittimità - Artt. 183, 256, 269, 279, d. lgs. n. 152/2006 - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Inquinamento aria - Natura giuridica di reato permanente - Cessazione della permanenza - Sopralluogo eseguito dai tecnici - Art. 674, c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Cassazione - Difetto di motivazione in ordine alla valutazione di una dichiarazione testimoniale - Integrale produzione dei verbali relativi o dalla integrale trascrizione in ricorso di detta dichiarazione - Necessità - Circostanze attenuanti generiche - Riconoscimento o diniego - Poteri e doveri del giudice di merito - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49694

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Difetto del permesso di costruire ed in zona a vincolo paesaggistico ed ambientale - Ordine di demolizione e rimessione in pristino - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Sequestro preventivo - Continuazione, esecuzione e completamento delle opere - Violazione dei sigilli - Fattispecie - Art. 181, comma 1-bis, d.lgs. n. 42/2004 - Art. 349, c.1 e 2, cod. pen.-  art. 44, comma 1, lett. e), d.P.R. n.380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sentenze di primo e secondo grado concordanti - Motivazione e struttura motivazionale della sentenza di appello - Unico complesso corpo argomentativo - Concreta lesione dei diritti di difesa - Necessità - Soglia della specificità - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49697

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Illegittima autorizzazione a lottizzare - Configurabilità del reato di lottizzazione abusiva - Contrasto tra attività cognitiva del giudice penale e principio di tassatività della norma penale - Articolo 650 codice penale - Inosservanza dei provvedimenti dell'autorità - Giurisprudenza - Artt. 12, 13, 29, 30, 44, d.P.R. n.380/2001 - Urbanistica e titolo abilitativo - Verifica del giudice penale della legalità nell'attività amministrativa (articolo 97 cost.) - Reato urbanistico suscettibile di estinzione ex articolo 45, c.3, d.P.R. 380/2001 - Effetti giuridici - Repertorio giurisprudenziale - Contenuti degli strumenti urbanistici - Regolamenti di igiene - Norme di edilizia e di tutela ambientale - Finalità della disciplina urbanistica - RESPONSABILITÀ PER DANNI - Discipline sulle distanze - Funzione integrativa - Responsabilità risarcitoria nei confronti dei privati confinanti - Art. 872 codice civile - Tutela ripristinatoria- PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Mancanza o l'illegittimità di un atto amministrativo - Potere di accertamento giurisdizionale - Elementi di natura extrapenale  - Principio di legalità - Profili di illegittimità sostanziale del titolo abilitativo - Identificazione in concreto della fattispecie - Controllo della legittimità di un atto amministrativo - Disapplicazione dell'atto amministrativo illegittimo - Ambito di operatività principio di legalità (articolo 97 Cost. e 101, c.2, Cost.) - Rapporto tra giudice ordinario e pubblica amministrazione - Art. 2, c.1, c.p.p. - Risoluzione incidentale della  questione civile, amministrativa o penale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 30/10/2018, Sentenza n.49703

DIRITTO VENATORIO - CACCIA - Esercizio dell'uccellagione mediante utilizzo di archetti in area boschiva - Natura di reato pericolo a consumazione anticipata - La cattura fisica dell'animale non è necessaria - FAUNA - Predisposizione delle reti o di analoghi mezzi idonei alla cattura della fauna selvatica - Momento della consumazione del reato - BOSCHI - Esercizio di uccellagione in area boschiva - Giurisprudenza - Caccia con mezzi vietati ed uccellagione - Distinzione - Configurabilità del reato di uccellagione - Elementi - Indiscriminata cattura di uccelli - Potenzialità offensiva degli strumenti di cattura - Art. 30 c.1 lett. e) L. n.157/1992 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso per cassazione - Effetti - Dichiarazione di cause di non punibilità - Esclusione - Art. 129 c.p.p..

Categoria: 

Autorità: 

Pagine