CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 08/08/2017 Sentenza n.38973

INQUINAMENTO ACUSTICO - Schiamazzi e rumori - Condominio - Disturbo delle occupazioni ed il riposo dei condomini - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudicato assolutorio pieno sul reato penale - Estinzione del reato per prescrizione - Appello della sola parte civile e intangibilità delle statuizioni penali - RISARCIMENTO DEL DANNO - Condanna dell'imputato al risarcimento del danno - Art. 659 c.p.p..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 19/07/2017 Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Interventi finalizzati al cambio di destinazione d'uso - Sopravvenuta prescrizione dei reati edilizi - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Decisione sugli effetti civili nel caso di estinzione del reato per amnistia o per prescrizione - RISARCIMENTO DANNO - Restituzioni o risarcimento dei danni conseguenti a reato - Effetti civili della pronuncia in primo grado - Sopravvivenza - Art. 44, comma 1, lett. b), d.P.R. n. 380/2001 - Artt. 578 e 622 cod. proc. pen.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 14/07/2017 Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Abuso edilizio - Proprietari dell'immobile danneggiato - RISARCIMENTO - Costituzione di parte civile - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Ottenimento del risarcimento del danno in sede penale - Mancanza di legittimazione ad opporsi alla sospensione dell'ordine di demolizione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.2^ 13/07/2017 Sentenza C-129/16

DANNO AMBIENTALE - Responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale - Rinvio pregiudiziale – Ambiente – Articoli 191 e 193 TFUE – Direttiva 2004/35/CE – Applicabilità ratione materiae INQUINAMENTO ATMOSFERICO - ARIA - Inquinamento dell’aria causato dall’incenerimento illegale di rifiuti - Inquinamento illecito - Principio del «chi inquina paga» – RIFIUTI - Normativa nazionale che stabilisce la responsabilità solidale del proprietario del fondo sul quale l’inquinamento è stato generato e della persona che causa l’inquinamento.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 15/06/2017 Sentenza n.30171

PESCA - Pesca di frodo con ordigni esplosivi - Limiti all'obbligo motivazionale ed evidente aspecificità - Mere posizioni difensive negatorie o le prospettazioni di tesi interpretative alternative - Illecita detenzione di materiale esplodente - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Disamina di specifiche allegazioni difensive - Controllo del giudice di legittimità - Requisiti - Esposizione delle ragioni giuridicamente significative - Assenza di illogicità evidenti - DANNO AMBIENTALE - Danni all'habitat irrecuperabili - Fattispecie.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.1^ 01/06/2017 Sentenza n.

* DANNO AMBIENTALE - Responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale - Verifiche del giudice del rinvio - Natura del danno idoneo - Ipotesi di autorizzazione rilasciata in applicazione di disposizioni nazionali - ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO – Responsabilità ambientale – Gestione di una centrale idroelettrica messa in funzione anteriormente alla scadenza del termine di trasposizione della direttiva – Ricorso alle vie legali in materia di diritto dell’ambiente – LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Legittimazione ad agire – Direttiva 2000/60/CE – Direttiva 2004/35/CE – Nozione di “danno ambientale” – Normativa nazionale che esclude il danno in presenza di autorizzazione – Rinvio pregiudiziale.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 30/05/2017 Sentenza n.

* BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Natura di bene archeologico - Sequestro - Monete di varie epoche storiche - Artt.173 e 174 d.lvo n. 42/2004 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Dissequestro e restituzione all'avente diritto dei beni sequestrati - Contestazioni successive alla definizione del procedimento penale - RISARCIMENTO DEL DANNO - Competenza - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 28/04/2017 Sentenza n.20237

RIFIUTI - Abbandono di rifiuti - Associazioni di tiro a volo - Configurabilità del reato di cui all'art. 256 d.lgs. n. 152/2006 - Nozione di ente - Attività altamente inquinante - DANNO AMBIENTALE - Comunicazione e segnalazione a prescindere dal superamento delle soglie di contaminazione - Destinatario dell'obbligo - Giurisprudenza - Artt. 242, 256, 257 e 304 d.lgs. n.152/06.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 20/04/2017 Sentenza n.18934

FAUNA E FLORA - DIRITTO DELLA PESCA - Tutela dell'ambiente -  DISASTRO AMBIENTALE - Delitto di inquinamento ambientale abusività - Condotta “abusive” e configurabilità del reato - Requisito dell'abusività della condotta - Fattispecie: pesca abusiva di tonnellate di esemplari di oloturie - Depauperamento della fauna - Compromissione e deterioramento dell'ecosistema - Pesca abusiva - DANNO AMBIENTALE - Reato di "inquinamento ambientale" - Rilevanza del danneggiamento - Compromissione o deterioramento di ecosistema - Presupposti giuridici - Artt. 416, 81, 452-bis, 452-quater, c.2 nn. 1 e 2 cod. pen. e 256 d.lgs.152/06.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 27/03/2017 Sentenza n.14807

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Violazione della disciplina antisisimica - Violazioni di natura formale e sostanziale - Potere-dovere da parte del giudice penale di ordinare la demolizione - Artt. 24, 25, 64, 65,  71,  72,  93,  94,  95 e 98 D.P.R. n. 380/01 - Costruzioni in zona sismica - Denuncia al competente ufficio - Necessità - Presentazione di un progetto redatto da tecnico abilitato - Direzione dei lavori - Professionista abilitato - Configurabilità dei reati di cui all'art. 95 del d.P.R. n.380/2001 - RISARCIMENTO DEL DANNO - Quantificazione del danno patito dalla parte civile - Prova dell'esistenza di un danno e del pregiudizio risarcibile.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 15/03/2017 Sentenza n.12388

RIFIUTI - Mancata comunicazione e reato di cui all’art. 257 d.l.vo n.152/06 - DANNO AMBIENTALE - Sversamento di fluidi - Responsabile dell'inquinamento - Messa in sicurezza e immediata comunicazione - Art. 242, 256, 257, 269 , 279 e 304 d.lgs. n.152/06 - CODICE DELL'AMBIENTE - INQUINAMENTO DEL SUOLO - Azione di prevenzione del danno ambientale - Comunicazione e destinatario dell'obbligo - Responsabile dell'evento potenzialmente inquinante - Presupposti per la configurabilità del reato - Autonomo intervento della polizia locale e dell'ARPA - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Autorizzazione e comunicazione - Funzione e differenze - Procedimento amministrativo e situazione esistente - Richiesta di nuova un'autorizzazione per modifiche sostanziali -  Comunicazione per modifiche non sostanziali - Sanzione penale per le modifiche sostanziali - Sanzione amministrativa pecuniaria per le modifiche non sostanziali.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 13/03/2017 Sentenza n.11913

INQUINAMENTO ACUSTICO - RUMORE - Disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone - Esercizio di una attività o di un mestiere rumoroso (attività di lavanderia a gettone) - Presupposti per l'integrazione dell'illecito - RUMORE - Immissione acustiche - Articolo 659 cod. pen. e depenalizzazione - Fonte del danno risarcibile - Regolamento di Polizia urbana - RISARCIMENTO DEL DANNO - Risarcimento del danno nei confronti della costituite parti civili.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 08/03/2017 Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Falsificazione della dichiarazione di inizio attività (DIA) - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Falsità ideologica in certificati - Falsificazione della relazione di accompagnamento (DIA) - Principio dell'autoresponsabilità dell'amministrato - Atto fidefaciente a prescindere dal controllo della P.A. - Art.481 cod.pen. - Artt. 31 e 44 lett.b) DPR 380/2001 - Giurisprudenza - Reato di costruzione abusiva - Ordine di demolizione dell'opera - Prescrizione - Revoca dell'ordine indipendente da una espressa statuizione di revoca - RISARCIMENTO DEL DANNO - Violazione delle norme di edilizia e di tutela ambientale - Diritto al risarcimento del danno - Privati confinanti - Fonte di responsabilità risarcitoria - C.d. diritto soggettivo perfetto - Art.872 c.2 cod.civ. -  DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Reati urbanistici - Costituzione di parte civile - Domanda risarcitoria - Nesso tra il reato contestato e la pretesa risarcitoria - Abusi edilizi e risarcimento del danno - Proprietario confinante legittimato all'azione civile - Costituzione parte civile nei procedimenti penali - Artt.873, 872 cod.civ. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sospensione del procedimento con la messa alla prova - Giudizio di appello - Esclusione - Art.168-bis cod.pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 03/03/2017 Sentenza n.10515

DANNO AMBIENTALE - Delitto di inquinamento ambientale - Deterioramento e compromissione - Scarico di reflui non depurati - Definizione di "danno ambientale" di cui all'art. 300, d.lgs. n. 152/2006 - ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Sanzioni - art. 452­bis e quater, cod. pen. - Art. 256 d.lgs. n. 152/2006 - Condotta "abusiva" - Assenza delle autorizzazioni - Autorizzazioni scadute o in violazione di leggi statali o regionali - Concetti di "compromissione" e "deterioramento" - Natura "abusiva" della condotta - Nesso causale tra violazioni - Attività causante ed evento - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso in cassazione - Mancanza o manifesta illogicità della motivazione e travisamento della prova - Presupposti e limiti del sindacato di legittimità - Dato processuale/probatorio - Sequestro - Requisito della "concretezza" - Attualità del pericolo "concreto" di reiterazione del reato - Attributi distinti - Giudizio prognostico.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 15/02/2017 Sentenza n.7150

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Inquinamento delle acque e del fondale marino - DANNO AMBIENTALE - Danneggiamento aggravato  - Piattaforma continentale e fondo/sottofondo marini - Cose destinate a pubblica utilità - Compromissione delle acque e del biota marino - Fattispecie: inquinamento acque marine, lavaggio inquinante con presenza di metalli pesanti (cromo, nichel, vanadio) e IPA (idrocarburi policiclici aromatici) e immissione nell'atmosfera di polveri di pet-coke - Artt. 137, c.1- 9 e 300, d.lgs.152/2006, nonché 674 cod. pen. e 635 cod. pen - Danneggiamento aggravato (di cose mobili o anche immobili) - Ininfluenza della natura mobiliare o meno del bene - Rilevanza della destinazione del bene - Art 822 cod. civ. - Elemento psicologico del reato di danneggiamento - Configurabilità del reato di danneggiamento - Danno meramente temporaneo - Sufficiente - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità originaria dei ricorsi - Effetti - Esclusione della eventuale prescrizione verificatasi successivamente alla sentenza di secondo grado - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 23/01/2017 Sentenza n.3067

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Progettista - False attestazioni contenute nella relazione di accompagnamento alla dichiarazione di inizio di attività edilizia (D.I.A.) - Reato di falsità ideologica in certificati - Persone esercenti un servizio di pubblica necessità - Articolo 481 Codice Penale - Attestazione sullo stato dei luoghi e la conformità delle opere realizzande agli strumenti urbanistica - Art. 23, 44, c.1, lett.b) d.P.R. n. 380/2001 - Reato di falsità ideologica in certificati - Natura plurioffensiva dei delitti contro la fede pubblica e legittimazione alla costituzione di parte civile - Tutela dell'ambiente e del territorio - RISARCIMENTO DEL DANNO - Diritto del Comune al risarcimento del danno sia per il reato edilizio sia per il connesso reato di falso - Permanenza del reato di edificazione abusiva - Momento conclusivo della fattispecie - Ininterrotto utilizzo abitativo del bene - Giudice civile determinazione del momento consumativo del reato di abuso edilizio - Limite alle statuizioni civili - Estinzione del reato.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. 2^ 20/01/2017 Sentenza n.1606

RUMORE - INQUINAMENTO ACUSTICO - Accertamento della intollerabilità delle immissioni rumorose - Criterio valutabile caso per caso o criterio comparativo - Situazione ambientale - Poteri del giudice di merito - Accorgimenti idonei o tecnici per ridurre le immissioni - Artt. 844, 2043 e 1226 c.c. - Giurisprudenza - Accertamenti di natura tecnica e prova testimoniale - Immissioni sonore - Modalità di rilevamento e intensità dei rumori - Protezione della salute pubblica - Art. 659 c.p. (Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone) art. 674 c.p. (Getto pericoloso di cose) - RISARCIMENTO DEL DANNO - Risarcimento del danno non patrimoniale conseguente ad immissioni illecite - Danno biologico - CONDOMINIO - Utilizzo della cosa comune - La sostituzione di un muro di confine comune con un cancello non viola ex se l'art. 1102 c.c.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 07/12/2016 Sentenza n.52031

MALTRATTAMENTO ANIMALI - Animali mal custoditi - Corrispondenza biunivoca tra la sofferenza dell'animale e le modalità della sua detenzione - Incompatibilità con la natura dell'animale e concetto di gravità della sofferenza - Reato di maltrattamenti di animali - Configurabilità ex art. 727 cod. pen. - Reato di abbandono di animali e nozione di maltrattamento - Giurisprudenza - ASSOCIAZIONI E COMITATI - Affidamento e la custodia degli animali - RISARCIMENTO DANNO - Risarcimento del danno non patrimoniale in favore delle costituite parti civili - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Legittimazione alla costituzione di parte civile di associazioni diverse da quelle individuate nel decreto ministeriale. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 10/11/2016 Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - Violazioni edilizie - Ordine di demolizione del manufatto abusivo - Natura di sanzione amministrativa di carattere ripristinatorio - Prescrizione ex art. 173 cod. pen. - Esclusione - Demolizione e confisca - Natura sanzionatoria (confisca) e ripristinatoria (ordine di demolizione) - Acquisizione gratuita dell'opera abusiva al patrimonio disponibile del Comune - Sentenze Cedu sulla confisca - Art. 31 del d.P.R. n. 380/2001 - Demolizione dell'immobile abusivamente edificato e alienato a terzi - RISARCIMENTO DEL DANNO - Acquirente (reale o simulato) - Rivalsa confronti del venditore - Ordine di demolizione delle opere abusive emesso con la sentenza passata in giudicato - Presupposti per la sospesione - Fattispecie - PROCEDURA PENALE - Ordine di demolizione - Proposizione ricorso al T.A.R. - Effetti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 03/11/2016 Sentenza n.46170

INQUINAMENTO - ACQUE - SUOLO - ARIA - DANNO AMBIENTALE - Reato di INQUINAMENTO AMBIENTALE di cui all'art. 452-bis cod. pen. - Criteri per la configurabilità del delitto di “inquinamento ambientale” - Deterioramento significativo e misurabile - Fattispecie: valutazione della responsabilità del progettista e direttore dei lavori di dragaggio di un molo - Artt. 5, 260, 300 d.lgs. n.152/06 - Ambito di operatività dell'art. 452-bis cod. pen. - Definizione e significato dei termini «compromissione» e «deterioramento» "squilibrio strutturale" e "squilibrio funzionale" "significativo" e "misurabile" - RIFIUTI - Traffico illecito di rifiuti - Requisito dell'abusività della condotta - Concetto ampio di condotta «abusiva» - Violazione di leggi statali o regionali, ancorché non strettamente pertinenti al settore ambientale, ma anche di prescrizioni amministrative - Art. 260 del d.lgs. n.152/06 - Direttiva 2008/99/CE - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sequestro preventivo - Valutazione della sussistenza fumus e dell'elemento soggettivo del reato - Giudice del riesame.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 19/10/2016 Sentenza n.44319

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Apertura di pareti finestrate - Permesso di costruire - Necessità - Intervento edilizio comportante una modifica dei prospetti - Ristrutturazione edilizia "minore" - Esclusione - Artt. 3, 10, 34, 44, lett. e), d.P.R. n. 380/2001 - Artt. 167, 181, c.1­bis, D. Lgs. n. 42/2004 - Opere interne e reati edilizi - Realizzazione di un soppalco senza modifiche volumetriche - Incremento della superficie utile calpestabile - Aumento di unità immobiliari o modifiche dei volumi - Necessità di permesso di costruire - Presupposti - BENI CULTURALI E AMBIENTALI - Reato paesaggistico - Natura di reato di pericolo astratto - Effettivo pregiudizio per l'ambiente - Esclusione - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - RISARCIMENTO DEI DANNI - Proprietario confinante - Legittimazione a costituirsi parte civile - Condanna generica al risarcimento dei danni in favore della Parte Civile - Accertamento della potenziale capacità lesiva del fatto dannoso - Nesso di causalità - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Valutazione globale di quelle deduzioni e risultanze - Compiti giudice di merito - Particolare tenuità del fatto - Causa di esclusione della punibilità - Presupposti e limiti per la sua applicazione - Art. 131 bis cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 18/10/2016 Sentenza n.

* DANNO AMBIENTALE - Procedimenti per reati che offendono il bene ambientale - Risarcimento del danno ambientale - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Associazioni ambientaliste costituite parti civili - Gestione dei rifiuti prodotti dalle industrie estrattive - Artt. 183, 185, 192, 256 d. lgs. n. 152/2006 Testo unico ambientale - RIFIUTI - Esclusione dalla disciplina sui rifiuti dei fanghi derivanti dallo sfruttamento delle cave - Limiti e presupposti - Natura di rifiuto dei materiali abbandonati - Giurisprudenza CODICE DELL'AMBIENTE - Qualificazione come sottoprodotto di sostanze e materiali - Natura di sottoprodotto - Destinazione certa ed effettiva - Onere della prova - Rifiuti come "propri" dell'imprenditore o dal semplice detentore - Differenza - Abbandono alla rinfusa di rifiuti - Deposito temporaneo - Esclusione - Attività di accertamento - Raggruppamento per categorie omogenee - Necessità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 17/10/2016 Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - Reati urbanistici e paesaggistici - Bene giuridico tutelato e persone offese dall'intervento abusivo - RISARCIMENTO DEL DANNO - Privati titolari di un mero interesse diffuso all'osservanza delle norme urbanistiche e danno patrimoniale - Presupposti e limiti - Opposizione all'archiviazione - Fattispecie - Art. 44 d.P.R. n.380/2001 - PROCEDURA PENALE - Pregiudizio dalla condotta illecita d'edificazione abusiva - Persona danneggiata - Opposizione alla richiesta d'archiviazione - Esclusione - Legittimazione del titolare del bene giuridico immediatamente leso dal reato - Art. 408 cod. proc. pen.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 17/10/2016 Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO - Abusi edilizi sui prospetti esterni del fabbricato condominiale - Risarcimento del danno nei confronti della parte civile - Deprezzamento dell'appartamento contiguo ai lavori - Artt. 44, c.1 lett.b, 64, 71, 93, 94, 95 del d.P.R. n. 380/2001.

Categoria: 

Autorità: 

TRIBUNALE DI PALERMO CIVILE Sezione 3^, 23/09/2016 Sentenza n. 4580

DIRITTO SANITARIO - FAUNA E FLORA - Danni procurati dal cane randagio - Risarcimento dei danni spetta all’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) - Responsabilità civile extracontrattuale ex art. 2043 c.c. - Pericolo occulto - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - DIRITTO SANITARIO - Responsabilità randagismo - Servizi Veterinari - Legge quadro n. 281/1991 - Anagrafe Canina - Competenze tra Comuni e Servizi Veterinari - Omissioni dell’uno o dell’altro Ente o di entrambi - Individuazione caso per caso - Responsabilità oggettiva ex art. 2052 c.c..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 01/09/2016 Sentenza n.

* BENI CULTURALI E AMBIENTALI - DANNO AMBIENTALE - Abusi paesaggistici - Principio di offensività - Natura di reato di pericolo - Differenza tra disciplina urbanistica-edilizia e ambientale - Artt. 3 c.1° lett. e) n.5 e 44 DPR n. 380/2001 - Giurisprudenza - Danno al paesaggio ed all'ambiente - Valutazione ex ante - Ripristino originario assetto paesaggistico per mero decorso del tempo - Configurabilità del reato paesaggistico - CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO - Art. 181, c.1-bis D.L. n.42/04 - Declaratoria di illegittimità costituzionale - Effetti - Parificazione delle condotte - Termine massimo di prescrizione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 23/08/2016 Sentenza n.35312

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - RISARCIMENTO DANNO AMBIENTALE -   Reati urbanistici e paesaggistici - Individuazione della persona offesa dal reato - Enti territoriali - Legittimazione a proporre opposizione all'archiviazione e ricorso per cassazione - Interesse diffuso dei privati all'osservanza delle norme - Danno patrimoniale - Veste di persona offesa quale componente necessaria - Poteri e limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. 1^ 12/07/2016 Sentenza n.14180

INQUINAMENTO ACUSTICO - RUMORE -  Superamento della soglia di tollerabilità delle immissioni acustiche - Diritto alla salute - Realizzazione della barriera antirumore - Art. 844 cod. civ. - Art. 32 cost. e 2043 cod. civ.- DANNO AMBIENTALE - Immissioni recanti pregiudizio alla salute umana e all'ambiente - Artt.115, 167, 374, 669-octies e 700 cod. proc. civ. - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Principio di non contestazione e comparsa di costituzione e risposta.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. 3^ 27/06/2016 Sentenza n.

* INQUINAMENTO ACUSTICO - Immissioni rumorose (attività di discoteca) - Superamento della soglia di normale tollerabilità - Danno alla salute in re ipsa - Configurabilità - Presuppoposti - Artt. 844, 1226, 2043, 2056, 2059, 2697 c.c. - RISARCIMENTO DEL DANNO - DANNO AMBIENTALE - Liquidazione equitativa del danno - Apprezzamento del giudice di merito - Giudizio di fatto che si sottrae al controllo di legittimità (se non inficiato da errori logico-giuridici).

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 24/06/2016 Sentenza n.26434

RIFIUTI - Delega di funzioni da parte dei vertici aziendali - Responsabilità ambientale dell'amministratore delegato - Assenza di una delega formale - Aziende private nessun obbligo della forma scritta - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Obbligo di delega scritta di funzioni ai soggetti preposti nella P.A. - Individuazione delle responsabilità penali nelle strutture complesse - DIRITTO ALIMENTARE - Obbligo di delega scritta di funzioni settore alimentare - SICUREZZA SUL LAVOROObbligo di delega scritta di funzioni nel settore lavoro - Infortuni sul lavoro - Artt. 110 e 256 c.4° D.Lgs. n.152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 15/06/2016 Sentenza n.25041

BENI CULTURALI E AMBIENTALI - Abusi paesaggistici - Natura di reato di pericolo - Principio di offensività - Attitudine della condotta posta in essere ad arrecare pregiudizio al bene protetto - DANNO AMBIENTALE - Danno al paesaggio ed all'ambiente - Individuazione ex ante della potenzialità lesiva degli interventi - DIRITTO URBANISTICO - Diversità di tutela con la disciplina urbanistica ed edilizia - Art. 181 c.1°, 142 lett. f) e 146 D.Lvo n.42/2004 - Artt. 185 c.2° lett. d), 184 e 256 c.1° D.Lgs. n. 152/2006 - Configurabilità del reato paesaggistico - Integrazione della fattispecie - Presupposti - Interventi in zone vincolate - Assenza del controllo e della autorizzazione amministrativa indipendentemente dal risultato sulle bellezze naturali - Reati incidenti su beni paesaggistici vincolati - Introduzione di vincoli paesaggistici generalizzati - Fondamento - Valutazione che l'integrità ambientale è un bene unitario - Bene paesaggistico e tutela ambientale - Unicità del valore estetico-culturale - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Effetti della mancanza assoluta di motivazione della sentenza di primo grado - Poteri del giudice di appello - Art. 604 cod. proc. pen. - Circostanze idonee ad escludere l'esistenza del fatto - Pronuncia di sentenza di assoluzione a norma dell'art. 129 c.2°, cod. proc. pen. - Principio della "constatazione".

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 13/06/2016 Sentenza n.

* RIFIUTI - Smaltimento di rifiuti di imballaggio mediante incenerimento -  Assenza di autorizzazione - Idoneità della combustione a sprigionare sostanze tossiche o velenose - Ininfluenza - Configurabilità del reato di cui all'art.256, c.1, d.lgs. n. 152/2006 - DANNO AMBIENTALE - Ratio della fattispecie incriminatrice.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 08/06/2016 Sentenza n.23694

BENI CULTURALI E AMBIENTALI - Abusi paesaggistici - Principio di offensività - Natura di reato di pericolo - Causazione di un danno - Esclusione - Semplice incidenza della condotta - Art. 181 bis D.L.vo n.42/04 - Art. 23 bis e 44 DPR n. 380/2001 - DANNO AMBIENTALE - Configurabilità del reato paesaggistico - Danno al paesaggio ed all'ambiente - Criteri per l'individuazione della potenzialità lesiva - Intervento astrattamente idoneo a ledere il bene giuridico tutelato - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO - Declaratoria di illegittimità costituzionale dell'art. 181, c.1-bis d.L.vo n. 42/2004 - Effetti. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 27/05/2016 Sentenza n.

DIRITTO URBANISTICO - BENI CULTURALI E AMBIENTALI - Nozione e caratteristiche dei volumi tecnici - Privi di propria autonomia funzionale - Strumentali di una costruzione principale - Esigenze tecnico-funzionali - Esclusione dal conteggio dell'indice edificatorio - Art. 44, lett. c) d.P.R. n.380/01 - Art. 181, c. 1-bis d.lgs. n.42/2004 - Requisiti dei volumi tecnici - Rapporto di strumentalità necessaria con l'utilizzo della costruzione - Esclusione dei cd. vani di sgombero dai volumi tecnici - Preesistente immobile abusivo non condonato o sanato - Interventi finalizzate ad una migliore coibentazione dell'edificio, restauro e/o risanamento conservativo - Esclusione - DANNO AMBIENTALE - Reati paesaggistici e pericolo il bene protetto - Poteri del giudice - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Configurabilità del reato paesaggistico - Ininfluenza del danno arrecato al paesaggio - Natura di reato formale e di pericolo - Ingiunzione a demolire - Ingiustificata inottemperanza all'ordine di demolizione dell'opera abusiva - Rimessione in pristino dello stato dei luoghi - Automatica acquisizione gratuita al patrimonio comunale dell'opera e dell'area pertinente - Procedura - CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO - Incostituzionalità dell'art. 181, c.1-bis, D. L.vo n. 42/2004 - Effetti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 16/05/2016 Sentenza n.

* DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Valutazione sull'identità del fatto-reato - Elemento materiale del reato - Componenti essenziali - Nesso causale - Violazione del divieto di bis in idem - Art. 649 cod. proc. pen. - CODICE DELL'AMBIENTE - RIFIUTI - Fattispecie: manutenzione di "crude oil" - Raffineria di Gela s.p.a. - Artt. 137, 240, 242, 256 e 257, d. lgs. n. 152/2006 - DANNO AMBIENTALE - Responsabilità dell'imputato ai fini delle statuizioni civili - Prescrizione del reato - Annullamento della sentenza con rinvio al giudice civile competente per valore in grado di appello - Art. 622 cod. proc. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.8^ 06/10/2015 Ordinanza C-156/14

DANNO AMBIENTALE – DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO - Prevenzione e riparazione del danno ambientale - Responsabilità ambientale – Normativa nazionale e compatibilità con i principi del “chi inquina paga”, di precauzione, dell’azione preventiva e della correzione - Art. 99 reg. di procedura della Corte – Art. 191, par. 2 TFUE – Direttiva 2004/35/CE.

Categoria: 

Autorità: 

CONSIGLIO DI STATO, 10 settembre 2015

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Principio “chi inquina paga” – Valenza inderogabile di normativa di ordine pubblico – Deroga in via convenzionale – Divieto – Parte IV – Titolo V del d.lgs. n. 152/2006 – Misure di prevenzione e riparazione – Responsabili di eventi di inquinamento verificatisi anteriormente alla sua entrata in vigore – Proprietario non responsabile dell’inquinamento – Responsabilità solo patrimoniale – Principi applicativi – DANNO AMBIENTALE -  Direttiva 2004/35/CE - Misure di prevenzione e di riparazione – Nesso eziologico in punto di causazione del danno – Ipotesi di responsbailità svincolata da un contributo causale – Inconfigurabilità – Criteri di imputazione differenti da quello recato dal d.lgs. n. 152/2006 – Esclusione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ Ud. 02/07/2015 Sentenza n.34913

DIRITTO PROCESSUALE PENALE - DANNO AMBIENTALE - RESPONSABILITÀ 231/2001 - Sequestro preventivo funzionale alla confisca di valore del profitto del reato - Nozione di profitto del reato - Tribunale del riesame - Valutazione dell'effettiva equivalenza tra il valore dei beni sequestrati e l'entità del profitto - Necessità - Nozione di "violazione di legge" - Manifesta illogicità della motivazione - Artt.260 e 256 c.3 D.L.vo 152/2006 Artt. 19 e 53 D.L.vo 231/2001 - Artt. 125, 321, 325 c.1 e 606 c.1 lett.b) cod.proc.pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 16/04/2014 Sentenza n.

* RIFIUTI - Trasporto illecito di rifiuti - Confisca del mezzo - Terzo proprietario estraneo al reato - Artt. 212, 240, 256 e 259, c.1, lett. a), d.lgs. n. 152/2006 (T.U.A.) - Art. 25- undecies d.lgs. n.131/2001 - Art. 7 CEDU - Rifiuti misti da demolizione - Iscrizione presso l'Albo Nazionale dei Gestori Ambientali - Necessità - Art. 212, T.U.Amb. - DANNO AMBIENTALE - Responsabilità dell’Ente - Soggetti in posizione apicale e modelli di organizzazione dell'ente - Confisca a persona estranea al reato - Esonero della responsabilità - Buona fede - Disciplina applicabile - Artt. 5 e 6 d.lgs. 231/2001 - Art. 240 c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Determinazione della pena - Poteri e limiti del giudice - Art. 133 c.p. - Concessione o il diniego delle attenuanti generiche - Poteri del giudice - Sospensione condizionale della pena - Art. 165, cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

TRIBUNALE DI NAPOLI Sez.5^ 01.02.2014 Sentenza n.16316

RIFIUTI - APPALTI - Emergenza rifiuti in Campania - Servizi di trasporto - Violazione del divieto di subappalto - Assenza di prova certa - Fattispecie - Art. 18 D.L. 17.3.1995 n.157 in rel. all'art. 18 L. 19.3.1990 n.55 - Certificazione - Omissione di un dato - Reato di falsa "certificazione" - Configurabilità - Dolo generico - Necessità - Artt 110, 479 cp. - Traffico illecito di rifiuti - Attività organizzata di gestione dei rifiuti - Elementi - Codici CER utilizzati per lo smaltimento - Reale trattamento del rifiuto - Art. 260 Dlgs n.152/06 - Attività di recupero soggette a procedura semplificata - Art. 214 d.lgs. n.152/06 - Gestione dei Rifiuti - Trasferimento di CDR e di altri residui - Concorso nel reato con condotte successive - Imprese iscritte all'albo nazionale speciale - Necessità - Rifiuto combustibile - CDR conforme al DM 5\2\1998, o non conforme - Regime autorizzativo - Incenerimento rifiuti - Potere calorifico all'incenerimento - Direttiva europea 2000/76/CEE e d.L.vo n.133/05 -  Termovalorizzatore di Acerra e Santa Maria la Fossa - Realizzazione dei termovalorizzatori - Recupero energetico del CDR prodotto nelle more della costruzione - Smaltimento di rifiuti - C.d. eco balle - Definizione del temine "ambientalizzazione" - Responsabilità dell'appaltatore - Limiti - Uso di cementifici - APPALTI - Contratti di appalto di servizi - Violazione degli obblighi assunti - Inadempimento di un contratto con la Pubblica Amministrazione - Frode nelle pubbliche forniture - Elementi per la configurabilità - Natura - Giurisprudenza - Inadempimento di un contratto e frode nelle pubbliche forniture - Natura civile e penale dell'inadempimento - Elementi per la configurabilità - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Clausole generali di buona fede - Prestazione divenuta inesigibile - Artt. 1175, 1256, 1218 e 1375 c.c.- Contratto di appalto e quello di trasporto - Differenze - Responsabilità Amministrativa da reato - Illeciti amministrativi - Responsabilità degli enti collettivi - D. L.vo n.231/2001 - Reato di abuso d'ufficio - Elementi per l'integrazione - C.d. "doppia ingiustizia" - Abuso d'ufficio - Svolgimento della funzione amministrativa del pubblico ufficiale - Artt. 323 e 110 cp. - DANNO AMBIENTALE - Profitto del reato - Sequestro preventivo funzionale alla confisca - Artt. 19 e 53 del Dlgs n.231/01 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Restituzione del bene sequestrato a favore dell'avente diritto - Soggetto diverso al quale il bene è stato sequestrato.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 8 Aprile 2013

* DANNO AMBIENTALE - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - ASSOCIAZIONI E COMITATI - Violazioni ambientali produttive di danno risarcibile - Delitti di falso ed abuso d'ufficio commessi allo scopo di rendere possibile un abuso edilizio - Risarcimento - Legittimazione alla costituzione di parte civile - Artt. 30, 44, 64, 65, 71 e 72 d.P.R. 380/01, 110 e 483 cod. pen. - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Processi per reati ambientali - Associazioni ambientaliste - Legittimazione alla costituzione di parte civile - Risarcimento -  Artt. 313 c.7 e 318 d.lgs. n.152/06 - Artt. 2043 e 2059 cod. civ. - Art. 185, c.2 cod. pen. - DIRITTO URBANISTICO - Domanda di condono - False dichiarazioni - Reato di cui all'art. 483 cod. pen. - Configurabilità - Presupposti - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Diniego delle attenuanti generiche - Onere motivazionale - Poteri del giudice - Manifesta infondatezza dei motivi - Inammissibilità del ricorso - Cause di non punibilità - Inapplicabilità - Art. 129 cod. proc. Pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 15 Marzo 2013

* RIFIUTI - Programmata abrogazione  di una norma - Vigenza "provvisoria" - Effetti - Disciplina di successione delle leggi penali ex art. 2, c.5, c.p. - Retroattività della norma più favorevole - Limiti di applicazione – Fattispecie: rifiuti speciali non pericolosi classificati come terre e rocce da scavo - Codice CER 170504 – D. n. 161/2012 - Artt. 184 bis, 186, 256, c.1, lett.a) e 311 d. Lgs. n. 152/2006 - DANNO AMBIENTALE - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Risarcimento del danno ambientale - Natura pubblica - Lo Stato soggetto legittimato - Risarcimento di qualsiasi danno patrimoniale – Soggetti legittimati: singoli o associati, enti pubblici territoriali e  regioni - Art. 2043 c.c. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Conclusioni delle parti - Omessa indicazione nell'intestazione della sentenza - Nullità della pronuncia - Esclusione. 

Categoria: 

Autorità: 

Tribunale Ordinario di Cremona 19 giugno 2012

INQUINAMENTO IDRICO - DANNO AMBIENTALE - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - P.A. - Inquinamento di falda acquifera - Delitti colposi di danno art. 449 c.p. - Reato  plurioffensivo - Costituzione di parte civile - Risarcimento del danno - Costituzione di parte civile di un  singolo cittadino in sostituzione dell'Ente rinunciatario - Art. 9 d.lgs. n.267/2000 in materia di Enti locali. (con nota di Fulvio Conti Guglia)

Categoria: 

Autorità: 

TRIBUNALE DI AGRIGENTO – Ordinanza 11 giugno 2012

ASSOCIAZIONI E COMITATI – DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Esercizio dell'azione civile risarcitoria in sede penale – DANNO AMBIENTALE – Stato ed Enti locali – Titolarità esclusiva dell'azione risarcitoria – Profili di rilevanza sociale ed individuale del degrado ambientale – Tutela giurisdizionale – Interesse all'ambiente – Interesse diffuso – Soggettivazione dell'interesse – Associazione - Centro esponenziale di un interesse della collettività – Presupposti – Atti a contenuto urbanistico o edilizio – Associazioni ambientaliste – Legittimazione ad agire in sede penale – Riconoscimento – Danno risarcibile – Danno patrimoniale e non patrimoniale – Reati commessi in occasione o con la finalità di violare normative dirette alla tutela dell'ambiente – Costituzione di parte civile delle associazioni ambientaliste – Legittimazione – Fattispecie. (Si ringraziano gli avv.ti Nicola Giudice e Daniela Ciancimino per la segnalazione)

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^, 23 maggio 2012

* RIFIUTI - Terre e rocce da scavo - Definizione di sottoprodotto - Condizioni - D.Lgs. n. 205/2010 - Artt. 184-bis e 186 D.Lgs. n. 152/2006 - Progetto soggetto a VIA - Utilizzazione come sottoprodotti – Condizioni – Fattispecie - DANNO AMBIENTALE – ASSOCIAZIONI E COMITATI - Pregiudizi all'ambiente - Associazione ambientaliste o persona singola - Risarcibilità del danno patrimoniale o non patrimoniale - Normativa speciale e diritto dei soggetti danneggiati - Legittimazione a costituirsi parte civile - Artt. 311, 318 del D.Lgs. n. 152/2006 - Dir. 2004/35/CE - Artt. 2043 e 2059 cod. civ. - Art. 185, 2c., cod. pen..

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 23/05/2012 Sentenza n.19437

DANNO AMBIENTALE - Danno risarcibile - Associazioni ambientaliste nazionali e sedi locali - Costituzione parte civile - Legittimazione - Pregiudizio diretto ed immediato – Necessità - Artt. 300 e 318 D.Lgs. n. 152/2006 - Art. 18 L. n. 349/1986 - Art. 2043 c. c., - Art. 185, c. 2°, c. p. - Ruolo degli enti locali – Artt. 309, 310, 311 e 313 c.7, D.Lgs. n. 152/2006 - Dir. 2004/35/CE - RIFIUTI - Quantitativo di rifiuti - Termine "ingente" - Definizione - Traffico illecito di rifiuti - Concorso in attività organizzate – Nozione di “profitto ingiusto”.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 16 maggio 2012

* VIA – Autorizzazione integrata ambientale (AIA) - Continuità normativa – RIFIUTI - Fattispecie: condotta colposa nello spandimento di liquami zootecnici - DANNO AMBIENTALE – Specifico compito di vigilanza e controllo – Società - Responsabilità dei singoli – Individuazione – Necessità - Responsabilità indifferenziata in quanto tutti soci con pari poteri – Esclusione  - Art. 29 quattuordecies D. L.vo n.152/06 - Art. 16 c.2° D. L.vo 52/09 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Decreto penale per reati contravvenzionali - Oblazione – Limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 23/04/2012 Sentenza n.15495

RIFIUTI – DANNO AMBIENTALE – Violazioni della disciplina sui rifiuti - Risarcimento danni subiti dal privato - Ordinari criteri e principi generali in materia di danni – Applicazione - Art. 2043 c.c. e 185 c.p. - Art. 256 D. Lgs n. 152/2006 – Smaltimento di rifiuti - Affidamento dei rifiuti a terzi - Obbligo di accertamento – Sussiste – Fattispecie: rifiuti provenienti da demolizione. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III 12 gennaio 2012

* DANNO AMBIENTALE - Lesione dell'interesse collettivo all'ambiente - Risarcimento - Soggetti legittimati - Natura pubblica - Ministero dell'Ambiente - Artt. 183, 311 e 318 D. L.vo n. 152/2006 - ASSOCIAZIONI E COMITATI - Risarcimento di qualsiasi danno patrimoniale- Art. 2043 cod. civ. – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Regioni, Enti pubblici territoriali minori e associazioni ecologiste - Risarcimento di qualsiasi danno patrimoniale - Tutela dell'ambiente - Regioni, enti locali, persone fisiche o giuridiche – Poteri e limiti - Art. 309, c.1 D.L.vo n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 22/12/2011

* RIFIUTI - Attività organizzate per il traffico illecito - Serie di attività illecite - C.d. "giro bolla" - Mancata indicazione della provenienza iniziale dei rifiuti - Modifica di codice CER - Irregolare tenuta dei registri obbligatori di carico e scarico - Miscelazioni - Attività organizzate - Nozione - Art. 260 D.L.vo n.152/2006 - DANNO AMBIENTALE - Parti civili - Liquidazione del danno - Giudice civile - Artt.303-311 del d.lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ricorso per cassazione - Inammissibilità per genericità dei motivi - Inammissibilità originaria dei ricorsi per violazioni di disposizioni penali.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE 13/12/2011

* RIFIUTI - Traffico illecito di rifiuti - Attività organizzate - Presupposti del reato - Pluralità di operazioni condotte in continuità temporale ed unica violazione di legge - Ex art. 53 bis, D.Lgs n. 22/1997, oggi art. 260, D.Lgs. n. 152/2006 - Attività organizzata per il traffico illecito - C.d. reato abituale - Contestazione all'imputato -  Slittamento del termine di cessazione della permanenza - Formale contestazione integrativa da parte dell'accusa  - Necessità - Problematiche del ne bis in idem - Traffico illecito di rifiuti - Sanzione penale - Presupposti - Pluralità di operazioni con allestimento di mezzi ed attività continuative organizzate - Attività di intermediazione e commercio - Art. 260, D.Lgs. n. 152/2006 - Associazione delinquenziale diretta all'illecito smaltimento di rifiuti  - Nozione di ingente quantitativo di rifiuti - Elemento materiale e psicologico -  Ingiusto profitto - Semplice riduzione dei costi aziendali - Configurabilità - Responsabilità del dipendente di una ditta o di specifici imputati - Limiti - DISASTRO AMBIENTALE e DANNO AMBIENTALE - Nozione - Elemento psicologico del reato - Art. 434 c.p. - Fattispecie: contaminazione di siti, tombamento di rifiuti e violazione di sigilli - Illecito smaltimento per interramento - C.d. affectio societatis - Esistenza di fatto di una struttura organizzativa - Responsabilità dei proprietari di terreni - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Sentenza di condanna - Dovere motivazionale imposto in caso di c.d. overruling - Mutamento giuridico intervenute nel corso del giudizio - Fattispecie: utilizzazione dei c.d. dati "parlati" (ossia dedotti dall'ampio compendio delle conversazioni intercettate) - Avviso di deposito di sentenza - Mancata notifica all'imputato - Effetti - Art. 183 c.p.p.- Rinnovazione delle prove - Utilizzo per relationem del contenuto materiale delle precedenti dichiarazioni - Conferma del teste esaminato - Legittimità - Consortium sceleris - Struttura dell'elemento associativo - Giurisprudenza - Sentenze di 1° e 2 grado - Struttura motivazionale ed elementi di prova concordanti - Integrazione tra le due motivazioni in un unico complessivo corpo argomentativo. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^ 12/10/2011 Sentenza n.36818

DANNO AMBIENTALE - Configurabilità oggettiva del danno ambientale - Incremento dell'inquinamento - Criterio principale di risarcimento del danno ambientale - Riparazione del danno - Giudizi in corso – Applicazione - Risarcimento per equivalente patrimoniale – Criterio residuale - Artt. 300 303 e 311, d.lgs. n. 152/2006 – Art. 2058 c.c. - Azione risarcitoria - LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE -  Esercizio dell'azione civile nel processo penale - Soggetto legittimato ad causam - Artt. 76, 100, 102 e 122 c.p.p. - D.lgs. n. 152/2006 - RIFIUTI - Stoccaggio dei rifiuti - Conferimento disordinato in discarica - Obbligatorietà di partizioni interne alla discarica - Responsabilità penale – Configurabilità – Fattispecie - Insufficienza del solo esame visivo per verificare la natura dei rifiuti conferiti - Art. 1, c.3, D.M. n. 141/1998

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III, 26/09/2011

* DANNO AMBIENTALE – Associazione ambientalista - Danno risarcibile patrimoniale o non patrimoniale - Disciplina civilistica e penalistica - Artt. 2043 e 2059 cod. civ. - Art. 185, 2° c., cod. pen. - Artt. 311 e  313 7° c., D.Lgs. n. 152/2006 – LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Azioni risarcitorie per lesione dell'ambiente - Persona singola od associata - Normativa speciale ex artt. 311 e  313 7° c., D.Lgs. n. 152/2006 e disciplina civilistica e penalistica ex artt. 2043 e 2059 cod. civ. - Art. 185, 2° c., cod. pen. – Applicazione - Presupposti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Maggio 21016

 BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Tutela paesaggistica di fiumi e torrenti - Iscrizione negli elenchi delle acque pubbliche – Necessità – Esclusione - Art. 1, lett. c), L. n. 431/1985 (attualmente art. 142, c.1 ° - lett. c, D.Lgs. n. 42/2004) - Principi fissati dalla legge statale e disposizioni regionali - Tutela "minimale" e prescrizioni ampliative del vincolo paesaggistico - L. n. 1497/1939 - Art. 117 Cost. – Fattispecie: L.R.Puglia 11.5.1990, n. 30 - DANNO AMBIENTALE – LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE - Danno non patrimoniale – Risarcimento – C.d. "danno-conseguenza" e "danno-evento" - Legittimazione processuale delle associazioni ambientaliste - Azioni risarcitorie per danno ambientale - Costituzione di parte civile "iure proprio" nel processo - (art. 9, c. 3, D.Lgs. n. 267/2000, abrogato dall'art. 318 D.Lgs. n. 152/2006) - Art. 2043 cod. civ. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ignoranza della legge penale – C.d. "dovere di informazione" - Contestazione di un reato permanente – Elemento del perdurare della condotta antigiuridica compresa nell'imputazione - Principio di correlazione fra imputazione contestata e sentenza - Mutamento del fatto - Trasformazione radicale e condizione concreta di difendersi in ordine all'oggetto dell'imputazione - Divieto del "ne bis in idem" - Art. 649 c.p.p. - Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici - Accertamenti implicanti valutazioni – Rilevanza - Art. 479 cod. pen.

Categoria: 

Autorità: