TAR VALLE D’AOSTA - 17 settembre 2018

* APPALTI - Requisiti di partecipazione o criteri per il riconoscimento di un maggior punteggio - Ubicazione della sede entro una certa distanza rispetto al servizio da espletare - Clausole anticoncorrenziali - Limitazione ella libertà di stabilimento - Clausola che richieda un ufficio opertaivo nel raggio di 80 km dalla sede della stazione appaltante - Interpretazione.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PUGLIA, Bari - 15 ottobre 2018

* APPALTI - Esclusione dell’operatore in situazione di controllo - Art. 80, c. 5 d.lgs. n. 50/2016 - Fattispecie di mero pericolo - Attività istruttoria volta a suffragare l’ipotesi di centro di unicità del centro decisionale - Sussistenza di un rapporto commerciale di fornitura tra due o più concorrenti - Sintomo di unicità del centro decisionale - Inconfigurabilità.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PUGLIA, Bari - 18 ottobre 2018

* DIRITTO DELL’ENERGIA - Autorizzazione unica ex art. 12 d.lgs. n. 387/2003 - Revoca per effetto della rinuncia della società istante - Personale ed autonoma valutazione di convenienza imprenditoriale - Factum principis - D.lgs. n. 28/2011 - Conferenza di servizi - Disciplina anteriore alla novella di cui al d.lgs. n. 127/2016 - Natura di “modulo organizzatorio” della conferenza - Legittimazione delle singole amministrazione ad annullare o revocare, in sede di autotutela, gli assensi espressi - VIA VAS E AIA - Progetti di opere ed interventi non soggetti per legge alla procedura di VIA - Sottoposizione a VIA su richiesta del proponente - Art. 3, c. 6 l.r. Puglia n. 11/2001 - Art. 26, c. 3 ter e c . 5 d.lgs. n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31396

RIFIUTI - Gestione abusiva di rifiuti (rottami ferrosi) - Iscrizione all'albo dei gestori ambientali - Assenza - Attività di raccolta e trasporto di rifiuti urbani e speciali prodotti da terzi - articoli 208, 209, 211, 212, 214, 215 e 216 256 d. lgs. n.152/2006 - Reato istantaneo - Elementi per escludere l’occasionalità - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.3^ 28/09/2018, Sentenza n.23442

APPALTI - Contratto di appalto di lavori - Attività di manutenzione e/o di esecuzione di opere - Responsabilità del committente per i danni arrecati a terzi - Committente obbligo di custodia e di controllo - Posizione di "garanzia" - Trasferimento della posizione di garanzia ad un terzo - Onere della prova specifica - Art. 2051 c.c. - Impresa appaltatrice e della subappaltatrice - RISARCIMENTO DEL DANNO - Risarcimento per danni subiti da un immobile a seguito di un allagamento proveniente da un cantiere - Responsabilità dell'appaltatore per i danni causati a terzi - Presupposti di applicabilità delle disposizioni di cui all'art. 2050 c.c. - Responsabilità concorrente del committente - Casi di ingerenza del committente o violazione di specifici obblighi di vigilanza  - Appaltatore inadeguato - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Appalti pubblici - Esecuzione dei lavori - Specifici poteri di autorizzazione, controllo ed ingerenza della p.a. - Risarcimento dei danni arrecati a terzi nel corso di esecuzione di un appalto di lavori edili - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31387

RIFIUTI - Gestione abusiva - Condotta sanzionata - Natura di reato istantaneo - Presupposti che escludono l’occasionalità del trasporto e dati indicativi della non occasionalità - Poteri del giudice - Artt. 208, 209, 211, 212, 214, 215, 216 e 256 d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/09/2018, Sentenza n.39679

DIRITTO DEMANIALE - Occupazione abusiva del suolo demaniale - Opere autorizzate con un permesso di costruire stagionale, realizzate sul demanio marittimo - Mancata rimozione - Art 1161 cod. nav. - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Trasformazione di strutture precarie in permanenti - Assenza del permesso di costruire (non stagionale) - Reato urbanistico e/o paesaggistico - Art. 44, c.1, lett. e), d.P.R. n.380/2001 - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Provvedimento abilitativo - Scaduto o inefficace - Effetti - Art. 181, d.lgs. n. 42/2004 - Autorizzazione "in precario"  di un manufatto - Violazione di norme urbanistiche e paesaggistiche - Piena equivalenza ai fini della contestazione dei reati - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

TAR CAMPANIA, Napoli - 15 ottobre 2018

* DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Potere di sospensione dei lavori edili in corso - Art. 27 d.P.R. n. 380/2001 - Natura cautelare - Caratteristica della provvisorietà - Termine di 45 giorni - Decorso - Conseguenze1 - Mutamento di destinazione d’uso giuridicamente rilevante - Trasformazione di unità immobiliari da locali residenziali a locali ad uso produttivo-artigianale - Accertamento sul maggior peso urbanistico  determinato dalla trasformazione edilizia - Non è richiesto - CILA - Natura - Mero atto di comunicazione - Esercizio del potere sanzionatorio nel caso in cui l’attività libera non coincida con l’attività ammessa.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/07/2018, Sentenza n.30624

RIFIUTI - Realizzazione di un deposito incontrollato di rifiuti speciali pericolosi - Abbandono di rifiuti - Produzione e deposito di terzi all'insaputa del proprietario - APPALTI - Contratto di appalto per lo smaltimento - Ditta Inadempiente - Effetti - Responsabilità colposa dell'appaltante - Artt. 192, 256 d. lgs. n.152/2006 - Art. 40 c.p. - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Giudizio di Cassazione - Rilettura degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione - Preclusione - Censure attinenti a vizi della motivazione - Limiti.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 25/09/2018, Sentenza n.41256

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Ampliamento della volumetria preesistente all’esterno della sagoma esistente - Apertura di nuove pareti finestrate - Interventi classificabili come di “nuova costruzione” - Permesso di costruire o altro titolo equipollente - Necessità - Ristrutturazione cd. "minore" - Esclusione - Artt. 3, 10, 22, 44, d.P.R. n. 380/2001 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Inammissibilità del ricorso per cassazione - Motivi generici - Validità del ricorso per cassazione - Sufficiente grado di specificità - Onere del ricorrente.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE Sez. FERIALE PENALE, Sez.3^, 04/09/2018, Sentenza n.39699

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Abuso d’ufficio - Prova del dolo intenzionale - Accertamento - Indici fattuali - Sufficienza - Art. 323 e 481 cod. pen. - Giurisprudenza - Certificato amministrativo proveniente da un pubblico ufficiale e certificati di esercenti un servizio di pubblica necessità - Differenza - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Falsità ideologica in certificati commessa da persone esercenti un servizio di pubblica necessità - Fattispecie: dichiarazione falsa di conformità dell'intervento edilizio alle norme urbanistiche edilizie vigenti in ambito comunale - Artt. 10, 20, 22, 36 e 37 d.p.r. 380/2001 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Falsità ideologica e bene tutelato - Affidamento dell'immediato destinatario dell'atto pubblico - Interesse protetto - Garanzia di veridicità - Qualificazione giuridica della condotta.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez. LAVORO, 18/06/2018, Ordinanza n.16026

SICUREZZA SUL LAVORO - Datore di lavoro - Responsabilità - Prevenzione delle condizioni di rischio insite nella possibile negligenza, imprudenza o imperizia degli stessi lavoratori - Obblighi e limiti - Oneri probatori posti a carico del datore di lavoro - Individuazione dei presupposti del c.d. rischio elettivo - Nesso eziologico tra prestazione ed attività assicurata - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Erronea intitolazione - Causa di inammissibilità - Esclusione - Art. 2087 c.c. - Art. 360, c.1 n.3, c.p.c. - Fattispecie: infortunio mortale occorso prima dell'orario fissato per l'intervento.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/10/2018, Sentenza n.44104

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Violazioni urbanistiche e reati di falso materiale e ideologico e abuso d'ufficio - Natura di atto fidefacente del permesso di costruire - Esclusione - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici - Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in certificati o in autorizzazioni amministrative - Assessore comunale con delega all'urbanistica - Formazione di un falso atto di rettifica e voltura di un permesso di costruire originariamente emanato in favore di un diverso soggetto e altre false attestazioni - Retrodatazione di atti necessaria per evitare la verificazione del silenzio-rigetto - Permesso di costruire - Momento consumativo del reato di abuso d'ufficio - Condotta del pubblico ufficiale - Ingiusto vantaggio patrimoniale per il soggetto beneficiato -  Incremento patrimoniale dell'immobile divenuto edificabile - BOSCHI E MACCHIA MEDITERRANEA - False attestazioni sulla natura non "boscata" dei terreni - -Artt. 10 e ss. 36, c.3, d.P.R. n.380/2001 - Artt. 476, 477,478, 479 e 480 cod. pen. - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Autorizzazione paesaggistica - Falso materiale e ideologico - Esclusione di una sua riconducibilità alla categoria degli atti fidefacenti - Querela di falso - Necessità.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.1^ 06/06/2018 (Ud. 23/01/2018), Ordinanza n.14632

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - Espropriazione per pubblico utilità - Determinazione dell'indennità di espropriazione - Procedimento di liquidazione - Fattispecie: Terreno espropriato - Inclusione in fascia di rispetto stradale - Non edificabilità - Fondamento - Limitazione legale della proprietà - Giurisprudenza - Art. 37 del d.P.R. n. 327/2001 - Potere-dovere del giudice - Individuazione del criterio legale applicabile alla procedura ablatoria - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Piani regolatori delle aree e dei nuclei di sviluppo industriale (P.R. A.S.I.) - Funzione di strutture idonee per le localizzazioni industriali e diritto di proprietà sui suoli interessati.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/09/2018, Sentenza n.40678

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Reati edilizi - Mutamento di destinazione d'uso senza opere - SCIA o permesso di costruire - Presupposti - Stessa categoria urbanistica - Categoria omogenea - Centri storici - Art. 44 lett. a) d.P.R. n. 380/2001 - Giurisprudenza - Destinazione d'uso - Funzione - Organizzazione e gestione del territorio comunale - Mutamento della destinazione d'uso - Aggravamento del carico urbanistico - Regimi urbanistico-contributivi diversi.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/07/2018, Sentenza n.30627

RIFIUTI - Gestione abusiva di rifiuti - Attività in concorso di raccolta e trasporto di rifiuti non occasionale - Partecipazione morale e materiale - Realizzazione di una discarica non autorizzata - Fattispecie: trasporti non occasionali di rifiuti effettuati in concorso - Art. 256 d. lgs. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Mancata concessione del beneficio della non menzione - Omessa motivazione - Violazione di legge - Certificato del casellario giudiziale - Ricorso in cassazione - Effetti sulla prescrizione "medio tempore" maturata - Giudicato parziale e statuizioni indispensabili per il giudizio su ciascun reato - Accertamento del fatto e qualificazione giuridica - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/07/2018, Sentenza n.30625

RIFIUTI - Combustione di residui vegetali - Reato di smaltimento non autorizzato di rifiuti speciali non pericolosi - Onere della prova della liceità - INCENDI BOSCHIVI - Abbruciamento in periodo vietato - Alto rischio di incendi boschivi - Art. 182, 185, 256 bis d. lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza - AGRICOLTURA - Abbruciamento di materiale agricolo forestale naturale - Nuova disciplina - Combustione di residui vegetali - Criteri e limiti - INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Getto pericoloso di cose art. 674 c.p. - Presupposti ed accertamento del reato - Convincimento del giudice fondato su qualsiasi mezzo di prova.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31389

ACQUA - INQUINAMENTO IDRICO - Scarico di acque reflue di prima pioggia e/o di dilavamento - Autorizzazione dell'ente competente - Effetti e limiti della disciplina regionale - Gestione delle acque di prima pioggia e di lavaggio da aree esterne - Fattispecie: distributore carburanti, area utilizzata come stallo o parcheggio - Artt. 137 d.lgs. n.152/06.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 05/07/2018, Sentenza n.30180

RIFIUTI - Gestione abusiva di rifiuti - Qualifica soggettiva del soggetto agente - Irrilevanza - Concreta attività posta in essere in assenza dei prescritti titoli abilitativi - Trasporto non autorizzato - Reato istantaneo - Elementi per escludere l'assoluta occasionalità - Attività di gestione di rifiuti non autorizzata - Condotta sanzionata - Assenza del prescritto titolo abilitativo e assoluta occasionalità - Artt. 208, 209, 211, 212, 214, 215, 216 e 256 D.lgs n. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Riconoscimento delle attenuanti generiche - Presupposti - Assenza di positivi elementi di valutazione - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/09/2018, Sentenza n.39677

DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - DIRITTO DEMANIALE - Opere stagionali realizzate sul demanio marittimo - Mancata rimozione e trasformazione in strutture permanenti in assenza del permesso di costruire - BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Autorizzazione paesaggistica annuale - Art. 44, comma 1, lett. e), d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 e 181 d.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PUGLIA, Bari – 1 ottobre 2018

APPALTI – Raggruppamenti temporanei – Quota percentuale minima dei requisiti di qualificazione e/o di capacità che deve essere posseduta da ciascun operatore economico riunito in raggruppamento temporaneo – Non è prescritta – Mancata definizione della soglia minima da parte della stazione appaltante – Mandatario – Indicazione del 100% del requisito prescritto – Legittimità.

Categoria: 

Autorità: 

TAR PUGLIA, Bari – 5 ottobre 2018

DIRITTO DELL’ENERGIA – Regione Puglia – D.M. 10/09/2100 – Deliberazione G.R. Puglia n. 3029/2010 - Documentazione da presentare congiuntamente alle istanze di costruzione di impianti di energia prodotta da fonti rinnovabili – Carenza della documentazione prescritta – Termine di trenta giorni – Inutile decorso – Decadenza.

Autorità: 

TAR PUGLIA, Bari – 9 ottobre 2018

* APPALTI – Possesso dei requisiti di capacità economica e finanziaria – Periodo di attività documentabile – Art. 84, c. 4, lett. b) d.lgs. n. 50/2016 – Decennio antecedente alla data di sottoscrizione del contratto con la SOA Art. 90 d.P.R. n. 207/2010 – Riferimento al quinquennio antecedente l’indizione della gara - Antinomia normativa - Soluzione.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 05/07/2018, Sentenza n.30206

RIFIUTI - Gestione dei rifiuti e natura di sottoprodotto - Requisiti - Presunzione legale iuris tantum della qualifica di rifiuto - Onere di fornire la prova - Artt. 183, 184-bis, 256 e 259 d.lgs n. n.152/2006 - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Ordinanze in materia di sequestro preventivo e probatorio - Ricorso per cassazione - Violazione di legge - Giurisprudenza. 

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 01/10/2018, Sentenza n.

* RIFIUTI - Direttore dei lavori di un cantiere - Violazione della normativa sui rifiuti - Corretta gestione dei rifiuti - Responsabilità e limiti - Smaltimento rifiuti in assenza di autorizzazione - Opere di scavo e di interramento di rifiuti speciali non pericolosi - Partecipazione attiva all'attività illecita - Art. 29 D.P.R. n.380/2001 - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Attività di costruzione e demolizione, terre e rocce, - Differenza con la disciplina in materia edilizia - Committente di lavori edili e appaltante - Gestione dei rifiuti prodotti dalla ditta appaltatrice o subappaltatrice - Art. 256, comma 1, lett. a), d.lgs. 152/2006 - Giurisprudenza - DIRITTO PROCESSUALE PENALE - Risoluzione del vincolo della continuazione conseguente alla esclusione della punibilità del più grave reato - Criteri di individuazione della pena per i reati satellite - Art. 181, 185 d.lgs. 42/2004.

Categoria: 

Autorità: 

TAR BASILICATA - 6 ottobre 2018

* VIA, VAS E AIA – Valutazione di impatto ambientale – Grandi opere avviate alla daa di entrata in vigore del d.lgs. n. 50/2016 – Richiamo all’art. 182 del d.lgs. n. 163/2006 – Distinte procedure – Infrastrutture e insediamenti produttivi soggetti a VIA statale o regionale – Competenza del CIPE – Ambito di competenza dello Stato o della Regione – Rinvio dinamico agli allegati II e III alla parte seconda del d.lgs. n. 152/2006.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 2^, 7 giugno 2018 Sentenza C-160/17

VIA VAS AIA – Valutazione ambientale degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente  – Nozione di “piani e programmi” – Perimetro di consolidamento urbano – DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Possibilità di derogare alle prescrizioni urbanistiche – Modifica dei “piani e programmi - Rinvio pregiudiziale – Direttiva 2001/42/CE.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/09/2018, Sentenza n.

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO - Emissioni in atmosfera - Esercizio di impianto non autorizzato - Prosecuzione nell'esercizio - Reato a condotta mista - Condotta commissiva e omissiva - Mancata e/o presentazione della domanda di autorizzazione -Effetti - D.P.R. 24 maggio 1988, n. 203 - Fattispecie: CAVE - Coltivazione di cava - Attività di frantumazione degli inerti - Natura permanente del reato - Consumazione e cessazione del reato - Artt. 267, 269, 279, 281 d.lgs. n.152/2006 - Giurisprudenza.

Categoria: 

Autorità: 

CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 04/06/2018, Sentenza n.14289

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI - Prg e vincoli paesaggistici - Qualifica di oneri non apparenti gravanti sull'immobile - DIRITTO URBANISTICO - EDILIZIA - Previsioni del piano regolatore generale - Contenuto normativo con efficacia "erga omnes" - Effetti - Presunzione legale di conoscenza da parte dei destinatari - Configurabilità - Riferimenti normativi - Art. 1489 c.c. - Giurisprudenza - Presunzione assoluta di conoscenza del vincolo di inedificabilità gravante su un immobile e certificato di destinazione urbanistica -  Vincoli imposti da specifico provvedimento amministrativo - Differenza - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - Interpretazione data dal giudice di merito ad un contratto - Ricorso in cassazione - Limiti - Ermeneutica del negozio o clausola contrattuale - Clausole generiche o di mero stile e canone della buona fede - Criterio di autoresponsabilità e principio dell'affidamento - Natura di oneri non apparenti ex art. 1489 c.c. - Esclusione - Risoluzione per inadempimento di un contratto - Obbligazione risarcitoria e risarcimento del danno - Onere della prova da parte richiedente.

Categoria: 

Autorità: 

Pagine